Vai al contenuto
TheClubber

Rumori dal piano ... inferiore!

Viviamo in un complesso composto da 8 appartamenti, posizionati 4 al primo piano e 4 al secondo (al piano terra ci sono i garage), disposti su due scale esterne.

Ho sempre creduto che vivere al piano superiore (ultimo) fosse una buona soluzione per evitare rumori molesti.

 

Purtroppo ho dovuto constatare che non è così, soprattutto se i vicini del piano inferiore hanno due bambine piccole, di cui una che ha evidenti problemi comportamentali dal momento che urla come una pazza per la maggior parte della giornata, e la madre ha una mania compulsiva per la pulizia.

Aggiungiamoci che il padre bestemmia contro le figlie che urlano e abbiamo chiuso il cerchio. Quest'ultimo fatto, in realtà, mi disturba meno perché, effettivamente, quando partono in coro a urlare, lo capisco.

 

E pensare che mia moglie l'aveva scelto al piano superiore proprio perché anche lei era convinta di evitare questi rumori, dal momento che entrambi facciamo lavori sui tre turni e quindi capita di lavorare la notte e tornare a casa alle 6 del mattino.

Per fortuna non ho grossi problemi da questo punto di vista e dormo tutto sommato bene.

 

Per aggiungere altro sulla stessa famiglia, dico che spesso lasciano il cancello comune - in fondo alle scale - aperto. Non che sia una cosa che aiuta a proteggere da malintenzionati, dal momento che basta scavalcarlo per accedere alle scale, ma è il principio che conta. Cosa ti costa chiuderlo?

 

Non infierisco sulla mania per la pulizia perché non è una cosa necessariamente negativa, però spesso la mattina alle 6 - quando rientro dal lavoro! - sono già tutti svegli anche se magari lei quel giorno non va a lavorare. E va da sé che magari alle 8 ha già il Folletto in funzione. E il Folletto è dannatamente rumoroso. Ribalta il divano almeno una volta alla settimana, smontando i cuscini.

Ripeto, non voglio sparare sulla Croce Rossa perché credo che questa fissazione per la pulizia sia di per sé già una condanna... Però, pur non facendo nulla di male, mi dà fastidio... So che può sembrare una cosa senza senso, ma è davvero snervante.

Chi ti dà la voglia di andare a dormire dopo mezzanotte (perché spesso quando porto il cane prima di andare a dormire c'è ancora tutto acceso in casa) e di svegliarti alle 6 per pulire? Mia moglie, quando può, dorme volentieri anche fino alle 9,30-10 (se lavora il pomeriggio) e io pure. E la casa la puliamo comunque eh, anche perché facendo entrambi i turni ci aiutiamo! Stamattina ad esempio lei dormiva perché ha lavorato di notte e io ho dato una pulita veloce a soggiorno e cucina.

 

(Perdonate se sono stato un po' prolisso)

-I rumori si sentono benissimo anche se provengono dal piano sotto, è un'illusione quella dell'ultimo piano per evitare tali fastidi. Non ci sono soluzioni è la maleducazione che fa la differenza, quello che puoi fare è provocare lo stesso disagio, cioè fare rumore anche voi. Ma con i maleducati è difficile risolvere. Ti capisco e conosco il problema purtroppo.

Ciao a tutti, capisco e condivido ogni vostro disagio. Io abito al piano primo e sotto il mio alloggio c'è una coppia lui 70 anni e lei 50 anni, senza figli, ma si relazionano solo con gatti e ne hanno 7 liberi di circolare in ogni parte del condominio e anche all esterno. I rapporti dapprima educati e distesi, poi per un mio lucchetto applicato ad un mio rubinetto esterno dell acqua sono iniziati i dissapori, perché si sono sentiti trattati da ladri!!!! Hanno iniziato a infastidirsi per tutto : dal rumore del portone basculante del mio garage sotto la loro camera da letto. Sono stata definita una "pezzente " dai due tignosi,perché non cambiavo la porta basculante con un portoncino elettrico e più silenzioso. Poi sono passati a staccare il mio contatore Enel durante la mia assenza per lavoro oppure di notte e in inverno così il riscaldamento era disattivato. Aspettavano la mia reazione anche quando si intrattenevano fino alle ore 2:00 di notte a camminare con zoccoletti di legno in casa, sbattere porte, far rimbalzare palline da ping pong, buttare sistematicamente n3 barattoli di vetro nel bidone collocato proprio sotto il balcone della mia camera da letto. Non ho mai risposto alle provocazioni e le autorità a cui mi sono rivolta non hanno dato peso alle mie parole. Allora ho fatto un esposto in comune denunciando la irregolarità edilizia di una tettoia abusiva, di un gazebo e di una casetta per attrezzi e ho sistemato una catasta di legno nel mio posto auto privato accanto al loro. Non vi dico quanto si sono inca.... Purtroppo in queste situazioni non c'è buon senso e si arriva all esasperazione, senza contare le spese dei legali.

Viviamo in un complesso composto da 8 appartamenti, posizionati 4 al primo piano e 4 al secondo (al piano terra ci sono i garage), disposti su due scale esterne.

Ho sempre creduto che vivere al piano superiore (ultimo) fosse una buona soluzione per evitare rumori molesti.

 

Purtroppo ho dovuto constatare che non è così, soprattutto se i vicini del piano inferiore hanno due bambine piccole, di cui una che ha evidenti problemi comportamentali dal momento che urla come una pazza per la maggior parte della giornata, e la madre ha una mania compulsiva per la pulizia.

Aggiungiamoci che il padre bestemmia contro le figlie che urlano e abbiamo chiuso il cerchio. Quest'ultimo fatto, in realtà, mi disturba meno perché, effettivamente, quando partono in coro a urlare, lo capisco.

 

E pensare che mia moglie l'aveva scelto al piano superiore proprio perché anche lei era convinta di evitare questi rumori, dal momento che entrambi facciamo lavori sui tre turni e quindi capita di lavorare la notte e tornare a casa alle 6 del mattino.

Per fortuna non ho grossi problemi da questo punto di vista e dormo tutto sommato bene.

 

Per aggiungere altro sulla stessa famiglia, dico che spesso lasciano il cancello comune - in fondo alle scale - aperto. Non che sia una cosa che aiuta a proteggere da malintenzionati, dal momento che basta scavalcarlo per accedere alle scale, ma è il principio che conta. Cosa ti costa chiuderlo?

 

Non infierisco sulla mania per la pulizia perché non è una cosa necessariamente negativa, però spesso la mattina alle 6 - quando rientro dal lavoro! - sono già tutti svegli anche se magari lei quel giorno non va a lavorare. E va da sé che magari alle 8 ha già il Folletto in funzione. E il Folletto è dannatamente rumoroso. Ribalta il divano almeno una volta alla settimana, smontando i cuscini.

Ripeto, non voglio sparare sulla Croce Rossa perché credo che questa fissazione per la pulizia sia di per sé già una condanna... Però, pur non facendo nulla di male, mi dà fastidio... So che può sembrare una cosa senza senso, ma è davvero snervante.

Chi ti dà la voglia di andare a dormire dopo mezzanotte (perché spesso quando porto il cane prima di andare a dormire c'è ancora tutto acceso in casa) e di svegliarti alle 6 per pulire? Mia moglie, quando può, dorme volentieri anche fino alle 9,30-10 (se lavora il pomeriggio) e io pure. E la casa la puliamo comunque eh, anche perché facendo entrambi i turni ci aiutiamo! Stamattina ad esempio lei dormiva perché ha lavorato di notte e io ho dato una pulita veloce a soggiorno e cucina.

 

(Perdonate se sono stato un po' prolisso)

Forse se ti concentri di più su quello che fai tu che su quello che fanno gli altri, il tuo livello di sopportazione migliorerà e sentirai anche meno i rumori.

Scrivi: il padre bestemmia contro le figlie che urlano e abbiamo chiuso il cerchio. Quest'ultimo fatto, in realtà, mi disturba meno

 

A me disturberebbero più le bestemmie di un adulto che li grida di bambini che giocano: come vedi tutto è relativo

  • Confuso 1

Piuttosto che giudicare si dovrebbe vivere i disagi degli altri e lasciare perdere le blande moralità.

  • Mi piace 1
Piuttosto che giudicare si dovrebbe vivere i disagi degli altri e lasciare perdere le blande moralità.

Tu conosci i miei di disagi? Io rispondo in base all'esperienza e non giudico ma rispondo a quanto si scrive senza nessuna presunzione di conoscere la persona: i disagi degli altri non si possono vivere ognuno vive i suoi. I tuoi rapporti con i condomini da quello che scrivi non sono per niente buoni, quindi in base alla tua esperienza non credo potrai dare consigli risolutivi e positivi. sinceramente non capisco come si possa vivere così e ci si vanti dei dispetti che altro non fanno che peggiorare giorno dopo giorno la situazione...

Per Maila67

Tu tanto proclami e poi pecchi di arroganza e giudichi. Oppure blateri tu con cognizione di causa??? Non criticare le esperienze degli altri, ascoltale se vuoi e basta perché non sei giudice di nessuno. Cala trinchetto....

Bravo/a fatti un forum personale.... fatti le domande e poi datti le risposte... Sei a senso unico non c'è verso di capire. Mi ricordi tanto quei due tignosi che ho sotto casa, forse siete parenti!!!!

Come ho scritto, certi comportamenti non sono condannabili (come la mania della pulizia), ma il mio intervento - che comprende anche questi comportamenti - era per sottolineare che probabilmente determinate dinamiche all'interno del nucleo familiare creano dei disagi.

La bambina in questione (che ha 2 anni) spesso morsica la sorella più piccola.

Io se avessi una figlia che urla, grida e morde la sorellina, mi farei qualche domanda e magari chiederei un parare a qualche specialista. Poi magari non sono studiato abbastanza per parlare...

 

Che non esista una soluzione concreta, era ovvio. Anche perché comprendo l'impossibilità di "condannare" una bambina che piange e grida (apparentemente) senza motivo.

Nell'appartamento a fianco c'è un bambino, coetaneo della urlatrice, che ha il carattere completamente opposto, tranquillo e pacato. Sì, ogni tanto piange, è pur sempre un bambino di 2 anni!

la pulizia però ha spesso orari..magari in regolamento.. alcuni presentano indicazione di orari per lavori tipo niente rumori molesti dalle 23 alle 8 di mattina.. occorre verificare questo

 

Io abito al terzo piano.. per un paio di anni c'erano tre ragazzi al primo piano..tenevano sveglio tutto il condominio.. Plateale è stato una notte..alle 4 sono andata a suonar loro al porta perchè smettessero di suonare la chitarra .. poi spostavano letti per far posto ad amici (sempre tra mezzanotte e l'una), cantavano, facevano feste ogni momento... si sentiva benissimo due piani sopra!! Fortuna se ne sono andati. Adesso ci sono altri tre ragazzi, non fanno casino..ma non hanno capito che l'immondizia si butta nei cassonetti. Che si butta chiusa in sacchetti. Che la palstica non va col vetro, che la carta non va con l'umido...

Come ho scritto, certi comportamenti non sono condannabili (come la mania della pulizia), ma il mio intervento - che comprende anche questi comportamenti - era per sottolineare che probabilmente determinate dinamiche all'interno del nucleo familiare creano dei disagi.

La bambina in questione (che ha 2 anni) spesso morsica la sorella più piccola.

Io se avessi una figlia che urla, grida e morde la sorellina, mi farei qualche domanda e magari chiederei un parare a qualche specialista. Poi magari non sono studiato abbastanza per parlare...

 

Che non esista una soluzione concreta, era ovvio. Anche perché comprendo l'impossibilità di "condannare" una bambina che piange e grida (apparentemente) senza motivo.

Nell'appartamento a fianco c'è un bambino, coetaneo della urlatrice, che ha il carattere completamente opposto, tranquillo e pacato. Sì, ogni tanto piange, è pur sempre un bambino di 2 anni!

I 2 anni sono un periodo molto particolare.. Se fai una ricerca su google scoprirai che li chiamano "Terrible 2s" perché la maggior parte dei bambini è una iena in quel periodo. Probabilmente la figlia più piccola dei tuoi vicini di sotto è una di loro e agita ed infastidisce anche la grande.

 

Personalmente ti consiglio di pazientare un attimo (dio voglia che le passi) e non esasperare i rapporti (questo a prescindere lo trovo sempre l'atteggiamento più intelligente: è molto più facile acchiappare le mosche col miele che con l'aceto si suol dire): se dai una letta al forum capirai che le guerre portano.. guerre.

E sarà molto difficile provare la dannosa rumorosità di un aspirapolvere, per giunta acceso alle 8 (i bambini non ne parliamo nemmeno, si parla di andare eventualmente in giudizio in veste di orco di Pollicino!).

 

Quello che farei se fossi tua moglie sarebbe cercare di allacciare un minimo di rapporto con la signora, in modo che sappia quando avete i turni e se accende il folletto.. lo faccia con tutti i sensi di colpa del caso.

Beh, considerando che hai il "potere" di stare al piano di sopra, puoi infastidirli a tua volta con sedie, camminate forti, porte che sbattono, cose che cadono a terra.. Tutto quando loro dormono

I rapporti di vicinato sono una questione delicata e complessa; alcuni possono ridurre il tutto a semplici bagattelle di poco conto, ma basta veramente un nonnulla per innescare una reazione a catena, dove non si riesce più a definire chi ha ragione e chi ha torto. Io resto dell'idea che chiunque è libero di comportarsi come crede, poi però io mi comporto di conseguenza. Non sono mai andata a cercare rogne con nessuno, ma ho reagito a vessazioni e ad una campagna di intimidazioni per farmi andare via da casa mia, dato che ero una donna e sola in casa (mio marito a quell'epoca lavorava all'estero per lunghi periodi dell'anno ). Ad oggi devo ancora capire il perché di tanto odio o gelosia nei miei confronti?

Sono stati momenti difficili e ne ho sofferto.

Se ho reagito è stato solo per dire "BASTA" alle provocazioni e alle angherie di due soggetti poco virtuosi.... Molto facile giudicare dall 'esterno queste situazioni, bisogna viverle in prima persona è così si capisce.

Ciao!!

Anch'io vivo sola e anche per me la vita in condominio non è sempre stata facile e se sono arrivata in questo forum è proprio per questo. Tante volte ho pensato di reagire a certi comportamenti con dei dispetti ma per fortuna non ho mai ceduto a questa tentazione. Ora i rapporti sono buoni con 4 condomini su 5 e il 5° mi abita di sopra e va a lavorare alle 4 del mattino ed è 10 anni che fa del baccano ma oramai non lo sento più perché mi sono fatta scivolare via la rabbia...ora sento il loro rumori e mi dico: ecco i vicini che vanno al lavoro e mi giro dall'altra parte e mi riaddormento. Dev'essere così anche per chi ad esempio abita vicino ad una ferrovia...è il rancore e la fissazione per qualcosa che a volte ci rovinano la vita e la sete di vendetta pure...ciao

Chiaro che non se ne parla di arrivare addirittura alle litigate, peraltro loro sono nostri coetanei, quindi c'è lo stesso una sorta di legame dettato da questo (e poi mia moglie già conosceva lei).

 

Ora, per dirne un'altra, stavamo pensando di chiedere ad una persona di pulire le scale esterne perché francamente nessuno di noi ha voglia.

Mia moglie e la nostra vicina di "pianerottolo" sono d'accordo e hanno chiesto alle altre due sotto. Una, che già ha una donna delle pulizie, ha accettato di buon grado, l'altra, quella sotto di noi, era titubante.

Fatto sta che due giorni dopo averglielo chiesto, era a gattoni sulle scale a pulire e strusciare come se non ci fosse un domani. Lì la sua mania di pulitrice ossessivo-compulsiva è emersa nella sua massima espressione.

L'importante è che, se dovesse rifiutarsi di pagare come noi qualcuno per pulire, il mese che è il suo turno, si faccia tutte le scale e non solo quelle dal suo pianerottolo al piano terra...

Cari tutti, sapete chi sono i migliori vicini?

 

Quelli che non esistono.

 

Detto cio', la favoletta del vicinato amichevole è appunto una favoletta, la realtà è un'altra cosa.

Il condominio,il vivere in condominio, è un inferno in terra e bisogna farsi crescere una seconda pelle.

Saluti da chi ci è passato e ancora ci sta passando.

"Vivere in condominio è un inferno": io non la penso così. Penso che l'inferno sia tutt'altra cosa: vivere sotto un ponte, in un ospedale o su un sedia a rotelle...Credo che a volte si veda in una briciola una montagna solo perché non abbiamo mai visto una vera montagna. Io sono contenta di vivere in condomino nel bene e nel male, ho un tetto sopra la testa e un posto dive mi sento sicura proprio perché non sono sola. E poi che ne dite della vita fuori dal condominio? E' sempre facile? Non credo...

Punti di vista.

Per me, che sono refrattaria alla vita in comune, alle menate del vicinato amichevole, alle decisioni prese da maggioranza etc la vita in condominio è un inferno.

Chiaro che è meglio che stare sotto un ponte, ma non c'azzecca na fava con il discorso che sto facendo.

Alla fine il condominio è una scelta forzata per i più,vorrei vedere se ti proponessero una villa singola con parco e piscina e soldi per mantenerla cosa preferiresti.

Punti di vista.

Per me, che sono refrattaria alla vita in comune, alle menate del vicinato amichevole, alle decisioni prese da maggioranza etc la vita in condominio è un inferno.

Chiaro che è meglio che stare sotto un ponte, ma non c'azzecca na fava con il discorso che sto facendo.

Alla fine il condominio è una scelta forzata per i più,vorrei vedere se ti proponessero una villa singola con parco e piscina e soldi per mantenerla cosa preferiresti.

Vivo sola e vivere in una villa mi farebbe paura soprattutto di questi tempi, preferirei un attico con un grande terrazzo per la gioia della mia gatta. La scelta del condominio non è per me una scelta forzata e il mio è un piccolo condominio e io ho la fortuna di avere un grande giardino, forse per questo lo vivo in modo diverso comunque definirlo un inferno mi sembra esagerato : credo che nella vita ci sia di peggio...tutto qui:o

Anch'io non sono d'accordo.

Quando vivevo con i miei eravamo in appartamento singolo (mio padre fa il custode di un'azienda e noi vivevamo sopra gli uffici della stessa).

Poi sono andato a convivere in questa sorta di condominio.

I vicini sono tutti praticamente coppie più o meno giovani, ma anche quelle più anziane sono veramente affabili.

Solo che in alcune circostanze, quelli sotto fanno ciò che ho scritto.

Sabato sera di nuovo urla e grida quasi disumane. Dopo, oddio, si sopporta anche eh... però, un po' di rispetto!

Anch'io vivo sola e anche per me la vita in condominio non è sempre stata facile e se sono arrivata in questo forum è proprio per questo. Tante volte ho pensato di reagire a certi comportamenti con dei dispetti ma per fortuna non ho mai ceduto a questa tentazione. Ora i rapporti sono buoni con 4 condomini su 5 e il 5° mi abita di sopra e va a lavorare alle 4 del mattino ed è 10 anni che fa del baccano ma oramai non lo sento più perché mi sono fatta scivolare via la rabbia...ora sento il loro rumori e mi dico: ecco i vicini che vanno al lavoro e mi giro dall'altra parte e mi riaddormento. Dev'essere così anche per chi ad esempio abita vicino ad una ferrovia...è il rancore e la fissazione per qualcosa che a volte ci rovinano la vita e la sete di vendetta pure...ciao

Le tue parole mi hanno dato un po' di conforto e ti ringrazio. Io ho un problema singolare (ho aperto una discussione apposta ma non ho ricevuto ancora consigli) in quanto in camera mia si sente forte il rumore dell'ascensore. Più ci penso più mi faccio prendere dal panico durante il giorno. Durante la notte dormo solo con I tappi e comunque sto sempre in stato di allerta, pronta a sentire il rumore. Questa cosa sta diventando una fissazione che mi rovina la vita. E non voglio.

Le tue parole mi hanno dato un po' di conforto e ti ringrazio. Io ho un problema singolare (ho aperto una discussione apposta ma non ho ricevuto ancora consigli) in quanto in camera mia si sente forte il rumore dell'ascensore. Più ci penso più mi faccio prendere dal panico durante il giorno. Durante la notte dormo solo con I tappi e comunque sto sempre in stato di allerta, pronta a sentire il rumore. Questa cosa sta diventando una fissazione che mi rovina la vita. E non voglio.

Io sento le vibrazioni del motore del cancello elettrico del pazzo accanto. Abito al secondo piano ma si sente benissimo. Ho fatto presente all'amministratore..... ma non hanno in mente di cambiare motore.

Prego ogni volta che mi ricordo di questo rumore che si guasti perchè è già mezzo andato ....

...ogni volta che mi ricordo...perchè come ha detto Maila.... dopo un po'...ci si abitua a certi rumori e il cervello li ignora.

Io sento le vibrazioni del motore del cancello elettrico del pazzo accanto. Abito al secondo piano ma si sente benissimo. Ho fatto presente all'amministratore..... ma non hanno in mente di cambiare motore.

Prego ogni volta che mi ricordo di questo rumore che si guasti perchè è già mezzo andato ....

...ogni volta che mi ricordo...perchè come ha detto Maila.... dopo un po'...ci si abitua a certi rumori e il cervello li ignora.

È quello che spero. Anche perché l'ascensore c'è sempre stato e i vecchi inquilini sono stati qui per trent'anni con la camera da letto lì dove sta ora. E mi chiedo ancora come diavolo facessero!

Aggiorno la situazione.

 

In questi giorni di festa abbiamo dovuto sopportare meno i vicini perché entrambi lavorano in una rivendita di liquori e quindi lavoravano spesso da mattina a sera e le bambine erano dai nonni.

 

E quando tornano la sera lo capiamo subito: alle 21,30 circa, anche ieri sera, abbiamo iniziato a sentire voci, urla, pianti, cancelli che sbattono, porte che sbattono, sedie trascinate.

Ma il top è il bagnetto! A volte la più grande si attacca al cicalino che fa un rumore assurdo. Poi sbatte il doccino contro il muro (o la vasca, non voglio nemmeno saperlo).

 

Ma ultimamente la cosa forse più fastidiosa è che non chiudono mai il cancello in fondo alle scale! Sono sceso mezz'ora fa con il cane, ed era semplicemente appoggiato.

L'altro giorno è successa la stessa cosa. Per non parlare di quando rimane spalancato.

Mi viene quasi la voglia di fare un bel cartello da appendere con scritto "Chiudere il cancello".

×