Vai al contenuto
AlbertoBS

Rifiuto di alcuni condomini di versare la quota di fondo morosi:

Buongiorno,

sono stato nominato in un condominio di 20 unità dove circa 3 anni fa è stata deliberata la costituzione di un fondo per far fronte alle quote di 3 morosi cronici, irreperibili e contro i quali è stato poi predispospo il pignoramento immobiliare.

Al momento della costituzione, il fondo era stato deliberato solo a maggioranza in quanto vi era la necessità di agire urgentemente al fine di evitare un danno maggiore (distacchi utenze, ecc).

A distanza di 3 anni però 6 dei 17 condomini in regola con le rate mi hanno detto chiaramente che non sono più intenzionati a pagare anche la quota dei morosi e che d'ora in avanti le rate che gli ho inviato verranno decurtate della quota relativa al fondo.

A questo punto sono in difficoltà in quanto, oltre al fatto che il fondo dovrebbe essere temporaneo (e ha già "compiuto" 3 anni), se tale fondo viene "onorato" solo da 11 condomini su 17 (e, cosa fondamentale, i 6 "ammutinati" non sono perseguibili in quanto in regola con la loro quota!) succede che:

1. finisco con il trovarmi sempre in deficit economico e sempre di più ad ogni scadenza

2. rischio che si crei un precedente terribile ("i 6 che pagano parzialmente non vengono attaccati! Non pago neanche io!") e anche gli 11 regolari residui, con il tempo, inizino a comportarsi in tal senso.

 

Ora, secondo voi come si esce da una situazione del genere?

 

Grazie mille, per i suggerimenti!

Ciao

innanzitutto, dopo 3 anni, il pignoramento immobiliare a che punto è?

o stanno ancora pagando per colpa di questi 3 morosi?

Un appartamento è da poco all'asta ma non verrà venduto, credo, a breve.

Gli altri 2 sono ancora in alto mare a causa della partenza tardiva di azioni (verso fine 2013) del mio predecessore.

Già tentata anche questa strada purtroppo. I 6 mantengono la loro posizione e gli 11, brontolando, continuano a "tappare i buchi"..per ora!

Fai un'assemblea oggetto: Fondo riserva, mantenimento o eliminazione.................e spiega che son cavoli loro se verrà sciolto.

Oppure se sciolto proproni un aumento delle quote ordinarie, che poi sarebbe la stessa cosa.................

Unanimità. A meno che non ci sia la necessità di agire urgentemente al fine di evitare un danno maggiore.

perdonami, solo una confera, unanimità dei presenti vero? perchè unanimità del condominio sarebbe impossibile specie nel caso di quelli che scappano e si rendono irreperibili 🙂

1000/1000 ovvero unanimità del Condominio.

 

In queste condizioni che perdureranno ancora per anni, diventa gioco forza accettare di tappare i buchi in qualche maniera (fondo temporaneo o aumento delle quote ordinarie per aggirare il vincolo dell'unanimità richiesta dall'istituzione del fondo ad hoc) altrimenti i condomini di fatto autorizzano l'amministratore a saltare i pagamenti di qualche fornitore.... che quasi sempre si traduce in servizi comuni a rischio se non inservibili (luci scale, riscaldamento, acqua... tanto per rendere esplicita l'infame prospettiva).

1000/1000 ovvero unanimità del Condominio.

 

In queste condizioni che perdureranno ancora per anni, diventa gioco forza accettare di tappare i buchi in qualche maniera (fondo temporaneo o aumento delle quote ordinarie per aggirare il vincolo dell'unanimità richiesta dall'istituzione del fondo ad hoc) altrimenti i condomini di fatto autorizzano l'amministratore a saltare i pagamenti di qualche fornitore.... che quasi sempre si traduce in servizi comuni a rischio se non inservibili (luci scale, riscaldamento, acqua... tanto per rendere esplicita l'infame prospettiva).

Forse ti stai confondendo, serve l'unanimità dei NON MOROSI (si devono detrarre i tre pignoramenti, altrimenti sarebbe impossibile creare il fondo) quindi devono essere d'accordo tutti coloro che pagano e sono disposti a colmare MOMENTANEAMENTE il "buco" creatosi, in attesa che espletata la vendita si recupererà quanto MOMENTANEAMENTE anticipato. Bisogna assicurare tutti i condomini che, prima o poi, le somme anticipate saranno recuperate dai futuri proprietari degli immobili (o meglio dalla vendita coatta dei beni immobili).........meglio tardi che mai!

Forse ti stai confondendo, serve l'unanimità dei NON MOROSI

Eh si! L'ho sparata proprio grossa 💪

Io la metterei giù con un po' di cattiveria!!

Premesso che posso umanamente capire che ad uno in regola dia fastidio dover coprire i buchi degli altri, io come amministratore direi a tutti i condomini, in un'assemblea ad hoc, che dal momento che non c'è più uniformità di intenti o ricevo le quote del fondo da tutti o non le voglio ricevere da nessuno, per cui il fondo rimane quello che è fino all'ultimo versamento da parte di tutti; facessero però attenzione che se non ho soldi io non posso pagare nulla, e se ad un certo momento si trovano senza luce o riscaldamento o quant'altro non vengano a lamentarsi da me!! Contenti loro, contenti tutti, ed a me come amministratore non me ne può fregare di meno.

Ci pensino sopra e decidano!!!

Io la metterei giù con un po' di cattiveria!!

Premesso che posso umanamente capire che ad uno in regola dia fastidio dover coprire i buchi degli altri, io come amministratore direi a tutti i condomini, in un'assemblea ad hoc, che dal momento che non c'è più uniformità di intenti o ricevo le quote del fondo da tutti o non le voglio ricevere da nessuno, per cui il fondo rimane quello che è fino all'ultimo versamento da parte di tutti; facessero però attenzione che se non ho soldi io non posso pagare nulla, e se ad un certo momento si trovano senza luce o riscaldamento o quant'altro non vengano a lamentarsi da me!! Contenti loro, contenti tutti, ed a me come amministratore non me ne può fregare di meno.

Ci pensino sopra e decidano!!!

buonasera,

domanda da ignorante nel campo.

 

Sono condomino pagatore e devo far fronte purtroppo alle quote insolute dei morosi.

Pago e preservo il "mio condominio" da azioni dei creditori.

Quanto ho versato mi verrà poi riconosciuto in sede di azione di recupero verso i morosi?

il probabile recupero ha possibilità sempre al 100% (vista la "esiguità" del credito nei confronti dell'immobile)?

Sono condomino pagatore e devo far fronte purtroppo alle quote insolute dei morosi.

Pago e preservo il "mio condominio" da azioni dei creditori.

Quanto ho versato mi verrà poi riconosciuto in sede di azione di recupero verso i morosi?

il probabile recupero ha possibilità sempre al 100% (vista la "esiguità" del credito nei confronti dell'immobile)?

Per mia esperienza personale, il condominio non è riuscito a recuperare le somme dei morosi, o meglio il recupero è stato ridicolo..qualche spicciolo di euro... :-(

Ogni caso è comunque a se stante, molto dipende anche dalla "rapidità" dell'azione... se si perde tempo, come nel mio caso, è difficile andare a recuperare le somme, anzi si arriva "oltre al danno la beffa"...ossia ci si rimette ancora...

Per mia esperienza personale, il condominio non è riuscito a recuperare le somme dei morosi, o meglio il recupero è stato ridicolo..qualche spicciolo di euro... :-(

Ogni caso è comunque a se stante, molto dipende anche dalla "rapidità" dell'azione... se si perde tempo, come nel mio caso, è difficile andare a recuperare le somme, anzi si arriva "oltre al danno la beffa"...ossia ci si rimette ancora...

buonasera,

....sintetico, semplice e chiaro.

Grazie

1) Quanto ho versato mi verrà poi riconosciuto in sede di azione di recupero verso i morosi?

2) il probabile recupero ha possibilità sempre al 100% (vista la "esiguità" del credito nei confronti dell'immobile)?

1) Forse....

Dipende se l'azione di recupero ha successo e a quanto ammonta la somma effettivamente recuperata.

Per esempio a fronte di un esiguo scoperto di 1-5.000 €. integralmente recuperato, sicuramente ti verrà rimborsata la tua quota parte a suo tempo versata.

2) No !

Quando la situazione per importo del credito (oltre i 10.000 €.) è ben più rilevante e/o disperato (tipo fallimenti o condòmini storicamente morosi) l'azione di recupero è da valutare caso per caso, e non ci si deve sorprendere se alla fine della fiera il recupero sarà solo parziale o addirittura nullo.

Vi sono situazioni in cui si rinuncia a d.i.-pignoramento-messa all'asta perché azione onerosa senza prospettiva di rientro; ma nelle stesse condizioni può risultare utile comunque procedere pur sapendo di non rientrare di neanche un euro, perché l'obiettivo è l'estromissione del condòmino dal Condominio per non "mantenerlo a vita" !

Grazie a tutti per le risposte.

Purtroppo come immaginavo, in questo momento esiste un "bug" dal punto di vista legale quindi l'unico tentativo che (ri)farò sarà minacciare la collettività sulle possibili conseguenze.

E non escludo di prendere in considerazione il "o tutti o nessuno".

×