Vai al contenuto
leonardo.smedile

Programma Gestionale: veramente la soluzione migliore?

Salve,

qualche mese fa abbiamo acquistato Danea Domustudio Cloud One e in questo periodo lo abbiamo messo alla prova su una parte dei nostri condomini.
Magari per nostra inesperienza o per abitudine con Excel/Libreoffice (quest'ultimo preferito perché open source e per certi aspetti più avanzato) non ci ritroviamo per nulla bene e mi chiedo se magari stiamo sbagliando qualcosa.


Mentre con un foglio di calcolo abbiamo grande libertà di impostare il tutto come meglio vogliamo, con formule che possono parzialmente o totalmente automatizzare numerosi aspetti della gestione, con Domustudio ci sentiamo bloccati su dei binari di difficile comprensione ed efficientamento.

 

 

 

Per le spese del lastrico solare ad esempio, siamo forzati (sotto consiglio dell'assistenza) a creare multiple tabelle, che poi nel rendiconto non possono essere agevolmente gestite visivamente (specialmente convoluto con un nostro condominio con 2 lastrici, quindi il rendiconto ha 4 colonne non accorpabili od organizzabili, 1/3 e 2/3 Est, 1/3 e 2/3 Ovest).

Anche per le spese dell'acqua: il sistema sembrava avesse potuto semplificare la contabilizzazione, invece va creato manualmente un nuovo canone per ogni acquedotto e anno di riferimento; il sistema inoltre non contiene tutti i campi per il sistema di tariffe AQP moderno. Per registrare le bollette in trimestri, l'assistenza consiglia di creare quattro diverse tabelle, che poi saranno mostrate nel rendiconto finale e non possono essere accorpate, complicando ulteriormente la grafica e la comprensione dei condòmini (soprattutto gli anziani...) risultano quindi colonne per Aqua 1° Trim, 2° Trim, 3° Trim e 4° Trim. Eventuale soluzione dell'assistenza? Creare una singola bolletta fittizia in cui gettare il tutto...

Per gestire le comproprietà, va creato un “condòmino fittizio” a cui collegare i comproprietari, salvo poi che questo soggetto non mantiene salvati i collegamenti, e va nuovamente configurato per ciascuna proprietà aggiuntiva.

Un qualsiasi menu a tendina con una lista non permette di digitare per ricercare un nome (seleziona automaticamente il primo nome che inizia con la lettera premuta e chiude la tendina, ripartendo quindi dall'inizio) e l'uso della rotella del mouse causa la selezione del primo elemento in lista invece, anziché scorrerla. Lascio quindi immaginare il tempo da perdere trascinando il cursore della lista con il mouse per pescare un proprietario in un condominio di 60 unità o più, o un'azienda in regime forfettario per cui devo creare manualmente il movimento anziché registrare la fattura digitale...

 

I movimenti vanno gestiti manualmente in menu e sottomenu con tendine che hanno il problema menzionato, non possiamo quindi sfruttare gli estratti conto Excel delle banche per velocizzarne la registrazione in massa e ridurre l'errore umano come facciamo con la gestione su fogli di calcolo.

 

Le opzioni grafiche e di organizzazione dei documenti prodotti dal programma sono estremamente limitate; talvolta richiede ritocchi da programmi esterni per non produrre pagine quasi bianche in eccesso o per renderli maggiormente comprensibili / leggibili, anche e soprattutto in funzione dei più anziani.

 

 

 

Mi chiedo quindi se sia la scelta giusta, e come lavorano i grandi studi condominiali. Questa situazione mi sembra l'opposto della semplificazione, e il programma costa anche non poco, un investimento importante per una piccola realtà.

  • Mi piace 1

Nessun programma è perfetto ma molte delle problematiche illustrate sarebbero facilmente risolvibili con Millesimo:

 

-non si è obbligati a creare tabelle multiple, potendo usare i capitoli divisi tra capitoli (che Millesimo ha fin dal 1992)

- l'acqua a fasce viene calcolata con script personalizzabili (formule in stile Excel personalizzabili) e non crea colonne multiple

- i comproprietari in Millesimo sono liberamente utilizzabili in ogni unità

- in praticamente tutte le liste a discesa c'è una praticissima ricerca, accessibile con un tasto

- tutte le stampe sono personalizzabili, come font, grafica ecc.

 

Se si facesse una seria comparazione tra i vari software... credo che il buon "vecchio" Millesimo ne uscirebbe a testa alta e molti concorrenti farebbero invece una magra figura. 😎

 

Voglio dire una cosa che mi sminuisce molto, ma la dico.

Io ho amministrato fino al 2005 a 40 anni.

E uno dei motivi per cui ho abbandonato era perché per allargare davvero professionalmente l'orizzonte, io che sapevo usare solo excel ero molto svantaggiato.

Qui a Roma all'epoca nessuna associazione dava l'importanza che merita alla parte gestionale informatica. 

E nemmeno oggi.

Si batte sempre sul diritto, mentre il veto handicap è proprio questo.

Io conosco Danea perché lo usano molti colleghi ( passatemi il termine per nostalgia) , e per me è arabo!

Non riesco nemmeno a leggere i bilanci presentati su Danea, che ha un modo di richiamare i saldi delle gestioni precedenti tutto suo, dove nessuno ci capisce un'acca.

Ormai sono fuori dal giro, faccio il cuoco in una mensa, e la curiosità di tastare qualcosa  a volte mi torna ( di rado, molto di rado perché se non hai soldi non vai da nessuna parte)ci sarebbe, ma dovrebbero esserci delle vere applicazioni gratuite magari di base per un piccolo condominio, e istruzioni on line gratuite.

Se poi ti trovi bene vai avanti, se no amen.

Modificato da enrico dimitri
enrico dimitri dice:

Non riesco nemmeno a leggere i bilanci presentati su Danea,

Caro Enrico consolati perchè c'è chi sta peggio di te!!!  Io  😭!!!!! A pensare che quando ero in servizio su 50 colleghi ero il 5°!!!  Quello che si faceva allora, però oggi non si fa più, non serve!! Ci sono i video! Basta il file come mi dice mio figlio che fa il programmatore.  Quando si parla di informatica mi sembra di ascoltare stegemma 😂.  

ULISSSE dice:

Quando si parla di informatica mi sembra di ascoltare stegemma

Ops! Mi sono clonato... per interposta persona? 🤣

Un buon banco di prova quello di @leonardo.smedile , un p' troppo impietoso forse 🙂

 

Con un foglio di calcolo, ci fai quello che vuoi, è un coltellino svizzero e in quanto a versatilità è dunque imbattibile. Puoi plasmarlo sulla specifica realtà e per le specifiche esigenze. Il problema è che... devi farlo!

E per farlo devi avere esperienza. Magari te la cavi con Excel, ma non manchi di esperienza su come gestire e correlare al meglio tutti quei dati. E alla fine ti ritrovi a rimettere mano alle tabelle a organizzarle diversamente, ecc..  Poi devi stare attento alle formule. Un errore di distrazione.. un elimina riga che ti fa sballare il risultato di una cella e di conseguenza il risultato di altri 5 fogli collegati proprio a quella cella... quante volte è successo? 😄

 

Una volta che hai finito, dopo 1000 controlli e tutto torna, sarai soddisfatto. Hai praticamente cucito un abito su misura per il tuo condominio! Ma.. appunto per questo, non andrà bene per un altro condominio. Si, potrai recuperare parte di quel lavoro, ma dovrai cucire un altro abito su misura.

 

Un software gestionale si pone invece il (non facile) obiettivo di andare bene per ogni caso e circostanza, risparmiarti tutto quel lavoro, la fase di controllo, l'impaginazione, ecc... Lo installi e dopo una prima (noiosa) fase di censimento abitazioni/condomini/tabelle, inizia  registrare rate e spese senza preoccuparti di nulla ed è alla portata di chiunque (anche di un dipendente poco preparato). Ti avvantaggia inoltre sulla reportistica: la tiri fuori con un click. Gli stessi dati li tiri fuori da Excell, ma non con un click. Offre poi qualche features aggiuntiva, tipo la conservazione dei documenti, la pubblicazione in un portale consultabile dai condomini

 

leonardo.smedile dice:

Per le spese del lastrico solare

La soluzione della tabella Lastrico non è male. Alla fin fine è un po' come la tabella ibrida 50% propritetà e 50% altezza. Un'ennesima tabella per l'appunto, seppur derivata.

 

leonardo.smedile dice:

Per gestire le comproprietà, va creato un “condòmino fittizio”

Non mi pare. Forse ti riferivi alla parte comune di un supercondominio?

leonardo.smedile dice:

Un qualsiasi menu a tendina con una lista non permette di digitare per ricercare un nome (seleziona automaticamente il primo nome che inizia con la lettera premuta e chiude la tendina, ripartendo quindi dall'inizio) e l'uso della rotella del mouse causa la selezione del primo elemento in lista invece, anziché scorrerla.

Se digiti una lettera, ti si posiziona sul primo nome (in ordine alfabetico) avente quella lettera. Dopo di che puoi:

  • continuare a premere la stessa lettera per scorrere in avanti (in ordine alfabetico) su tutti i nominativi che iniziano con quella lettera
  • muoverti con i tasti freccia su e giù
  • muoverti con la rotella in avanti e indietro
  • Usare il mouse (ovviamente) sul menù a tendina, posizionato già sul gruppo di nomi che iniziano per la lettera digitata.

Per velocizzare l'inserimento puoi ricorrere inoltre alla funzione "duplica", particolarmente utile per le scritture ricorrenti. 

leonardo.smedile dice:

I movimenti vanno gestiti manualmente in menu e sottomenu con tendine che hanno il problema menzionato, non possiamo quindi sfruttare gli estratti conto Excel delle banche per velocizzarne la registrazione in massa e ridurre l'errore umano come facciamo con la gestione su fogli di calcolo.

Beh... è un gestionale, non è Excell che puoi fare copia incolla 😄

Però, dai... anche con Excell, dopo aver incollato gli importi, devi comunque dare un'occhiata.. classificare le spese sul rispettivo conto, indicare il giustificativo..

leonardo.smedile dice:

Le opzioni grafiche e di organizzazione dei documenti prodotti dal programma sono estremamente limitate; talvolta richiede ritocchi da programmi esterni per non produrre pagine quasi bianche in eccesso o per renderli maggiormente comprensibili / leggibili, anche e soprattutto in funzione dei più anziani.

è un gestionale, non è un editor di testi. Ti permettono di customizzare un minimo il report e basta.

Anche Excel non è che hai tutte ste grandi possibilità.

leonardo.smedile dice:

Mi chiedo quindi se sia la scelta giusta, e come lavorano i grandi studi condominiali. Questa situazione mi sembra l'opposto della semplificazione, e il programma costa anche non poco, un investimento importante per una piccola realtà.

Non so se sia la scelta giusta, ma è molto diffuso, anche in grandi studi. Alla fine ti velocizza il lavoro. Certo, devi scendere a compromessi. Rimane pur sempre un unico gestionale che deve andar bene per 40/50 condomini. Gestire 40/50 fogli Excell cuciti su misura, probabilmente richiederebbe più tempo, in particolar modo se devono metterci mano più persone. 

 

Come dice @stegemma il software perfetto non esiste. Domostudio non costa moltissimo, ci sono software molto più costosi, che magari soddisfano la tua aspettativa. Prova Condexo, costa dalle 10 alle 20 volte di più 😄

 

Oppure il piccolo e economico Millesimo. L'ho scaricato ieri e devo ancora trovare il tempo di provarlo. Interfaccia bella, chiara, grande, intuitiva, invitante.

Modificato da Joy76

L'unica soluzione è che le associazioni organizzino dei corsi serissimi per chiunque, dai neofiti ai più esperti.

io mi informai a Roma nel 2004;

ebbene c'era un corso di PGC di 12 ore diviso in due giornate da sei ore l'una.

costo all'epoca: 200 euro.

non dico il nome dell'associazione per rispetto del forum, che è uno spazio gestito da privati.

ma credetemi.

ma come fai a fare un corso di quel tipo in due puntate da sei ore l'una!

ma per cortesia.

si desse l'importanza dovuta, perchè comunque il costo del gestionale poi ti resta sul groppone se non lo ai usare e di conseguenza non ci lavori.

sapete chi era molto pratico?

chi aveva lavorato in un ufficio finanziario,o nel pubblico, o in una banca.

insomma qualcuno che aveva avuto a sua volta qualcuno che gli aveva insenato  il mestiere.

altro che storie, prove gratuite, o video di tutor.

vuoi o non vuoi nella vita, buona parte della tua sorte dipende dai compagni di viaggio.

da solo non ti muovi.

 

 

I corsi al limite sono tenuti dalle case produttrici di software. 12 ore non sono pochissime, è pur sempre un gestionale.

Joy76 dice:

I corsi al limite sono tenuti dalle case produttrici di software. 12 ore non sono pochissime, è pur sempre un gestionale.

Si ma 12 ore divise in 2 volte sono soldi buttati.

Anche per chi già ha una infarinatura.

Ma stiamo scherzando ? Danea Domustudio rispetto a excel? credimi è solo che ancora non conosci bene il programma . 

Comincia a sfruttare la registrazione automatica delle fatture elettroniche , gli allegati digitali e dici addio alla carta,  comincia a sfruttare la creazione dei files cbi per fare i bonifici, la postalizzazione , la gestione dalle assemblee dei sinistri, il portale mio condominio dove i condomini possono controllare da soli on line la propria situazione, aggiornare i propri dati .... cè un universo in più ... non mi capacito di quanto tempo e lavoro perdevate prima, ed io sono uno di quelli che calc di libre office lo sa usare bene!

bettatyson dice:

Ma stiamo scherzando ? Danea Domustudio rispetto a excel? credimi è solo che ancora non conosci bene il programma . 

Comincia a sfruttare la registrazione automatica delle fatture elettroniche , gli allegati digitali e dici addio alla carta,  comincia a sfruttare la creazione dei files cbi per fare i bonifici, la postalizzazione , la gestione dalle assemblee dei sinistri, il portale mio condominio dove i condomini possono controllare da soli on line la propria situazione, aggiornare i propri dati .... cè un universo in più ... non mi capacito di quanto tempo e lavoro perdevate prima, ed io sono uno di quelli che calc di libre office lo sa usare bene!

Ma io non dico che non sia utile 

Io dico che deve essere adeguatamente insegnata.

Non capisco la mia osservazione suscita tanto stupore.

Grazie per le risposte, ne approfitto per rispondere ad alcuni dubbi/obiezioni:

 

Joy76 dice:

è un gestionale, non è un editor di testi. Ti permettono di customizzare un minimo il report e basta.

Anche Excel non è che hai tutte ste grandi possibilità.

In realtà se con Danea sono costretto al “modo di pensare di Danea” con rendiconti chilometrici che lista obbligatoriamente ogni singola tabella (incluse quelle create per la necessità di calcoli che Danea normalmente non può fare) con Excel posso formattare il documento nel modo che più mi aggrada. Sono io a redigerlo e quindi a decidere esattamente come è strutturato, quindi mi sembra strana come risposta, magari intendi qualcosa di sottointeso e più nello specifico?

 

Joy76 dice:
leonardo.smedile dice:

Per gestire le comproprietà, va creato un “condòmino fittizio”

Non mi pare. Forse ti riferivi alla parte comune di un supercondominio?

No, intendo il modo che Danea gestisce le comproprietà:
Appartamento 1 è in comproprietà da Bianchi Antonio e Rosa Annita. Per farlo figurare come comproprietà, devo creare un nuovo condòmino (che chiamerò “Bianchi A. - Rosa A.” altrimenti non ci entra nel rendiconto di Danea 👀) e poi da dentro questo nuovo condòmino imposto come comproprietà e assegno Bianchi Antonio e Rosa Annita.
Se questa coppia ha anche in comproprietà un box ad esempio, vado a selezionare “Bianchi A. - Rosa A.” ma sorpresa sorpresa, è “azzerato” e non viene indicata come comproprietà in questa nuova proprietà. Devo quindi di nuovo entrare nel menu di “Bianchi A. - Rosa A.” e creare nuovamente la comproprietà, e assegnare i soggetti.

 

Joy76 dice:

Se digiti una lettera, ti si posiziona sul primo nome (in ordine alfabetico) avente quella lettera. Dopo di che puoi:

  • continuare a premere la stessa lettera per scorrere in avanti (in ordine alfabetico) su tutti i nominativi che iniziano con quella lettera
  • muoverti con i tasti freccia su e giù
  • muoverti con la rotella in avanti e indietro
  • Usare il mouse (ovviamente) sul menù a tendina, posizionato già sul gruppo di nomi che iniziano per la lettera digitata.

Per velocizzare l'inserimento puoi ricorrere inoltre alla funzione "duplica", particolarmente utile per le scritture ricorrenti. 

Uso Domustudio Cloud con l'applicativo desktop fornito (quindi tramite il loro programma e non su browser che ho testato e rapidamente abbandonato perché ha problemi ancora più grossi e numerosi).

Se io premo una lettera, ad esempio D per selezionare Domodossola Nicola, seleziona automaticamente invece il primo nome in lista con quella lettera (es. Di Caprio Leonardo) e chiude la lista.
Se uso la rotella, anziché scorrere, seleziona il primo nome in lista (es. Ape Guido).

 

A detta dell'assistenza, è un bug noto. Ma parliamo di ticket aperto mesi fa...

 

bettatyson dice:

Comincia a sfruttare la registrazione automatica delle fatture elettroniche , gli allegati digitali e dici addio alla carta

La registrazione completamente automatica (se così lo è) non l'ho provata perché richiede acquistare un servizio aggiuntivo per ogni singolo condominio (TS Fatture Agyo) o un account Multifatture (sempre servizio a pagamento).

Il caricamento di file fattura è quello che ho avuto modo di usare (l'opzione rimanente e inclusa con Domustudio senza costi aggiuntivi) ed è un grande sbatti di scaricare ogni singolo file per poi fare l'upload manualmente. Salvo poi che in ogni caso fatture di forfettari ad esempio raramente sono inclusi nel cassetto fiscale AdE.

 

Rimane comunque per me e per i condòmini la poca chiarezza dei vari documenti prodotti da Danea. Se anche qualche condòmino avvocato mi viene dicendo “scusami, ma ho difficoltà a leggerlo” figurati i tanti anziani con cui abbiamo a che fare.

 

Testerò altri software, magari non è quello giusto e potremmo avere un'esperienza completamente diversa altrove.

leonardo.smedile dice:

In realtà se con Danea sono costretto al “modo di pensare di Danea” con rendiconti chilometrici che lista obbligatoriamente ogni singola tabella (incluse quelle create per la necessità di calcoli che Danea normalmente non può fare) con Excel posso formattare il documento nel modo che più mi aggrada. Sono io a redigerlo e quindi a decidere esattamente come è strutturato, quindi mi sembra strana come risposta, magari intendi qualcosa di sottointeso e più nello specifico?

Sei sempre vincolato. Per quanto adattabile a molteplici situazioni, non sarà mai un vestito cucito su misura.

Un gestionale deve per forza di cose generalizzare.

Essendo un gestionale non potrai mai avere l'elasticità che ti da un foglio di calcolo, né le possibilità date da un word processor. Perchè è un gestionale e come ogni gestionale o software di reportistica, ti permette giusto quel minimo di customizzazione essenziale e basta.

 

È ovvio che con excell, a livello di tabelle puoi fare e disfare come ti pare, cambi formule, oscuri o includi colonne, te le forgi su misura e le colleghi e richiami tra di loro, creando un foglio di calcolo su misura per ogni condominio. Intendevo poi che per l'impaginazione, la sola impaginazione, Excel non ti da molto modo e devi metterci mano di nuovo con software esterni, fosse anche lo stesso Word: copertina, logo, titolazione, numeri pagina header, footer, note, ecc..

 

leonardo.smedile dice:

No, intendo il modo che Danea gestisce le comproprietà:
Appartamento 1 è in comproprietà da Bianchi Antonio e Rosa Annita. Per farlo figurare come comproprietà, devo creare un nuovo condòmino (che chiamerò “Bianchi A. - Rosa A.” altrimenti non ci entra nel rendiconto di Danea 👀) e poi da dentro questo nuovo condòmino imposto come comproprietà e assegno Bianchi Antonio e Rosa Annita.
Se questa coppia ha anche in comproprietà un box ad esempio, vado a selezionare “Bianchi A. - Rosa A.” ma sorpresa sorpresa, è “azzerato” e non viene indicata come comproprietà in questa nuova proprietà. Devo quindi di nuovo entrare nel menu di “Bianchi A. - Rosa A.” e creare nuovamente la comproprietà, e assegnare i soggetti.

Capisco. Ora è più chiaro. In pratica un tuo workaround relativo a un problema di impaginazione/spazi in colonna. Forse ti converrebbe creare un unico condòmino dal nome "M. Rossi - Mario Bianchi"

 

leonardo.smedile dice:

Se io premo una lettera, ad esempio D per selezionare Domodossola Nicola, seleziona automaticamente invece il primo nome in lista con quella lettera (es. Di Caprio Leonardo) e chiude la lista.
Se uso la rotella, anziché scorrere, seleziona il primo nome in lista (es. Ape Guido).

Strano. Dev'essere un problema specifico della versione cloud. Su quella classica non lo fa. E se premi D una seconda volta, cos'accade? Passa al secondo nominativo?

 

leonardo.smedile dice:

Rimane comunque per me e per i condòmini la poca chiarezza dei vari documenti prodotti da Danea. Se anche qualche condòmino avvocato mi viene dicendo “scusami, ma ho difficoltà a leggerlo” figurati i tanti anziani con cui abbiamo a che fare.

Mah.. un rendiconto è sempre difficile da leggere per un non addetto ai lavori e dipende da quanto è "complesso" il condomìnio. Tutto sommato, l'elaborato mi sembra buono. Solo che, di default, è redatto col criterio di competenza. Troviamo quindi:

Conto Economico per competenza
subito dopo i Flussi Di Cassa (ovviamente) per cassa
subito dopo la situazione patrimoniale (ovviamente) per competenza
e infine il Riepilogo finanziario per cassa, dato interessante, utile, ma che contribuisce in questa alternanza a confondere le idee. Personalmente le esistenze iniziali di cassa e di conto corrente, le inserisco nel prospetto entrate/uscite.

 

leonardo.smedile dice:

Testerò altri software, magari non è quello giusto e potremmo avere un'esperienza completamente diversa altrove.

Prova Millesimo. Nessun limite di tempo ed è possibile testare tutto. L'unico limite è che non puoi stampare.

Ben venga lo scambio di opinioni e di esperienze 🙂

  • Grazie 1

Beh...paragone excel con un programma è impossibile.

 

Se pensi di fare l'amministratore di professione non penso che possa fare a meno di un programma come si deve.

 

Per i primi 25 condomini ho fatto la contabilità sia in excel che con un programma (per capire ed essere sicuro di quello che stavo facendo).

 

Poi mi sono reso conto che gli errori in excel sono troppo dietro l'angolo e, dopo aver testato un altro programma, ho scelto.

 

I sostenitori di excel possono essere gli amministratori non professionisti o coloro che non hanno mai usato, o capito, un programma.

 

  • Mi piace 2
RobertoV1961 dice:

I sostenitori di excel possono essere gli amministratori non professionisti o coloro che non hanno mai usato, o capito, un programma.

E' un tuo personale pensiero?

Gli errori non sono di excel, ma di chi li commette!!

E' ovvio che gli errori non sono di excel ma di chi lo usa.

 

Beato te che non sbagli mai 😉

PaulDrake dice:

E' un tuo personale pensiero?

Gli errori non sono di excel, ma di chi li commette!!

Vero ma vale anche per la maggior parte dei programmi; anche Excel è un programma e non è esente da problemi (bachi). La differenza è che Excel lo usano milioni di persone ed hanno decine di programmatori (suppongo) mentre i nostri software hanno un'utenza limitata e pochi programmatori. Gli errori degli utenti sono potenzialmente gli stessi ma Excel non te li segnala mentre un buon software di amministrazione condominiale  spesso sì (o comunque ti tiene entro un percorso guidato e sicuro).

 

Fonte: https://support.microsoft.com/en-us/office/fixes-or-workarounds-for-recent-issues-in-excel-for-windows-49d932ce-0240-49cf-94df-1587d9d97093

Modificato da stegemma
RobertoV1961 dice:

I sostenitori di excel possono essere gli amministratori non professionisti o coloro che non hanno mai usato, o capito, un programma.

Dipende molto da cosa vuoi fare.

Se p.e. vuoi condividere la documentazione online con un accesso sicuro da parte dei condomini, è evidente che Excel non rappresenta lo strumento adatto.

Al contrario, vuoi soltanto suddividere le spese in base alle varie tabelle millesimali, allora Excel è perfetto.

 

Menziono en passant che Excel ha anche un "motore" di programmazione (VBA) con il quale lo si può rendere molto simile ad un gestionale (ma a quel punto fai lo sviluppatore invece che l'amministratore, quindi o lo trovi già fatto o la cosa ha scarso rilievo pratico).

stegemma dice:

Vero ma vale anche per la maggior parte dei programmi; anche Excel è un programma e non è esente da problemi (bachi). La differenza è che Excel lo usano milioni di persone ed hanno decine di programmatori (suppongo) mentre i nostri software hanno un'utenza limitata e pochi programmatori.

 

Fonte: https://support.microsoft.com/en-us/office/fixes-or-workarounds-for-recent-issues-in-excel-for-windows-49d932ce-0240-49cf-94df-1587d9d97093

La storia dei bug lascia un po' il tempo che trova e in realtà ti rema anche un po' contro. Una multinazionale con quasi 50 anni di esperienza ha appunto grandi numeri di programmatori su prodotti popolari come Excel, e il grande numero di utenti nel mondo funzionano come tester. Il fatto che ci sia pubblicamente una lista con i problemi noti, risolti e irrisolti, è anche trasparenza per il consumatore ed un punto di forza.

 

Che poi uso Libreoffice, open source e per certi versi ancora più flessibile ed efficiente in questo argomento, perché chiunque può mettere mano al codice e risolvere il problema (azione che gli amministratori del progetto comunque revisionano prima di mettere in pratica) o anche personalizzare il programma in modi che vanno oltre le estensioni.

 

Parlando di uso libero ed estensioni: un altro problema che sto ponderando nella ricerca di alternative a Danea è che per ulteriori funzioni ci toccherebbe prendere un programma in più (es. Goccia per una gestione completa dell'acqua, o come precedentemente menzionato, servizi ad abbonamento per il solo richiamo automatico delle fatture dal cassetto fiscale).

 

Ed ogni programma, salvo le occasionali versioni cloud, hanno una licenza che si applica sul singolo computer (immagino come molti prendendo il seriale della scheda madre). Questo significha che io singolo utente, se ho multipli dispositivi o se sono io a lavorarci principalmente e un collega ha solo bisogno di accedere per leggere i dati, si rimane con l'amaro in bocca perché va acquistata una licenza o estensione di licenza per ogni singolo dispositivo. E se si compra un computer nuovo durante l'anno (come abbiamo intenzione di fare per questo autunno) ci tocca acquistare una ulteriore licenza.

 

Un grande studio magari può prendere la cosa alla leggera per una pura questione di volume di entrate. Uno piccolo come il nostro, non proprio.

leonardo.smedile dice:

per ulteriori funzioni ci toccherebbe prendere un programma in più (es. Goccia per una gestione completa dell'acqua

In realtà, Millesimo ha degli script personalizzabili per il calcolo dell'acqua, per cui non servirebbero software esterni. Con la stessa "pazienza" con cui scriveresti delle formule in Excel (o LibreOffice) potresti anche crearti degli equivalenti dei fogli di calcolo direttamente in Millesimo (e non solo per l'acqua). Per farti un esempio, un esperto di Excel riuscirebbe facilmente a scrivere formule come queste di Millesimo:

 

mc1    92    mc agevolata
euro1    0.209000    costo agevolata al mc
mc2    184    mc base
euro2    0.673600    costo base al mc
mc3    276    mc fascia 1
euro3    1.192900    costo fascia 1 al mc
mc4    368    mc fascia 2
euro4    2.425400    costo fascia 2 al mc
mc5    0    mc fascia 3
euro5    4.752300    costo fascia 3 al mc
eurof    0.194000    Fognatura
eurod    0.559600    Depurazione
euros    0.015300    Solidarietà
fissaq    17.511800    Quota fissa acqua
fissaf    4.925500    Quota fissa fogna
fissad    14.547800    Quota fissa depurazione
IVA    10    IVA 10%
q    FVAR(ATTUALE)-FVAR(PRECEDENTE)    Lettura attuale-precedente
q1    MIN(q,mc1)    mc in fascia agevolata
q2    MIN(MAX(q-q1,0),mc2-mc1)    mc in fascia base
q3    MIN(MAX(q-q1-q2,0),mc3-mc2)    mc in fascia 1
q4    MIN(MAX(q-q1-q2-q3,0),mc4-mc3)    mc in fascia 2
q5    q-q1-q2-q3-q4    mc in fascia 3
e1    q1*euro1    euro fascia agevolata
e2    q2*euro2    euro fascia base
e3    q3*euro3    euro fascia 1
e4    q4*euro4    euro fascia 2
e5    q5*euro5    euro fascia 3
f    eurof*q    euro fognatura
d    eurod*q    euro depurazione
s    euros*q    euro solidarietà
imponibile    e1+e2+e3+e4+e5+f+d+s+fissaq+fissaf+fissad    Imponibile
totiva    FROUND(imponibile*iva)/100    IVA
IMPORTO    imponibile+totiva    Totale competenza euro

        

Per quanto riguarda le postazioni multiple, in Millesimo c'è un costo fisso una tantum per una nuova postazione ma poi il costo annuale del rinnovo non cambia (comunque abbiamo una versione con ben 5 postazioni già comprese). Se si rompe un computer, sblocchiamo il codice gratuitamente. A conti fatti, soprattutto chi ha più postazioni spende molto ma molto meno con Millesimo che con altri software equivalenti.

 

Questo per dire che difficilmente queste possono essere argomentazioni a favore o contro l'uso di un software in alternativa al foglio di calcolo, se non per chi è all'inizio della professione e deve lottare per sopravvivere.

 

Tornando ad Excel/LibreOffice, quando parlavo di bachi dei software volevo solo far notare che anch'essi lo sono, quindi non sono esenti da bachi. Ho detto io stesso che loro hanno milioni di utenti e aggiungo che i bachi residui sono sicuramente per casistiche particolari ma... c'è un "ma": i fogli di calcolo sono anch'essi equivalenti a dei "software", per cui sono soggetti ai bachi dell'utente-programmatore. Come per tutti i software, una volta che funzionano è meglio non toccarli... ma i problemi sorgono quando invece è necessario farlo; è allora che un foglio/software perfetto rischia di "bacarsi"! 😉
 

Modificato da stegemma
leonardo.smedile dice:

Salve,

qualche mese fa abbiamo acquistato Danea Domustudio Cloud One e in questo periodo lo abbiamo messo alla prova su una parte dei nostri condomini.
Magari per nostra inesperienza o per abitudine con Excel/Libreoffice (quest'ultimo preferito perché open source e per certi aspetti più avanzato) non ci ritroviamo per nulla bene e mi chiedo se magari stiamo sbagliando qualcosa.


Mentre con un foglio di calcolo abbiamo grande libertà di impostare il tutto come meglio vogliamo, con formule che possono parzialmente o totalmente automatizzare numerosi aspetti della gestione, con Domustudio ci sentiamo bloccati su dei binari di difficile comprensione ed efficientamento.

 

 

 

Per le spese del lastrico solare ad esempio, siamo forzati (sotto consiglio dell'assistenza) a creare multiple tabelle, che poi nel rendiconto non possono essere agevolmente gestite visivamente (specialmente convoluto con un nostro condominio con 2 lastrici, quindi il rendiconto ha 4 colonne non accorpabili od organizzabili, 1/3 e 2/3 Est, 1/3 e 2/3 Ovest).

Anche per le spese dell'acqua: il sistema sembrava avesse potuto semplificare la contabilizzazione, invece va creato manualmente un nuovo canone per ogni acquedotto e anno di riferimento; il sistema inoltre non contiene tutti i campi per il sistema di tariffe AQP moderno. Per registrare le bollette in trimestri, l'assistenza consiglia di creare quattro diverse tabelle, che poi saranno mostrate nel rendiconto finale e non possono essere accorpate, complicando ulteriormente la grafica e la comprensione dei condòmini (soprattutto gli anziani...) risultano quindi colonne per Aqua 1° Trim, 2° Trim, 3° Trim e 4° Trim. Eventuale soluzione dell'assistenza? Creare una singola bolletta fittizia in cui gettare il tutto...

Per gestire le comproprietà, va creato un “condòmino fittizio” a cui collegare i comproprietari, salvo poi che questo soggetto non mantiene salvati i collegamenti, e va nuovamente configurato per ciascuna proprietà aggiuntiva.

Un qualsiasi menu a tendina con una lista non permette di digitare per ricercare un nome (seleziona automaticamente il primo nome che inizia con la lettera premuta e chiude la tendina, ripartendo quindi dall'inizio) e l'uso della rotella del mouse causa la selezione del primo elemento in lista invece, anziché scorrerla. Lascio quindi immaginare il tempo da perdere trascinando il cursore della lista con il mouse per pescare un proprietario in un condominio di 60 unità o più, o un'azienda in regime forfettario per cui devo creare manualmente il movimento anziché registrare la fattura digitale...

 

I movimenti vanno gestiti manualmente in menu e sottomenu con tendine che hanno il problema menzionato, non possiamo quindi sfruttare gli estratti conto Excel delle banche per velocizzarne la registrazione in massa e ridurre l'errore umano come facciamo con la gestione su fogli di calcolo.

 

Le opzioni grafiche e di organizzazione dei documenti prodotti dal programma sono estremamente limitate; talvolta richiede ritocchi da programmi esterni per non produrre pagine quasi bianche in eccesso o per renderli maggiormente comprensibili / leggibili, anche e soprattutto in funzione dei più anziani.

 

 

 

Mi chiedo quindi se sia la scelta giusta, e come lavorano i grandi studi condominiali. Questa situazione mi sembra l'opposto della semplificazione, e il programma costa anche non poco, un investimento importante per una piccola realtà.

Fidati, con excell hai soddisfazione finché hai tanto tempo per lavorarci e cucirtelo su misura.

Quando i condomini crescono e il tempo cala e magari prendi un dipendente non puoi prescindere da un gestionale. Il brutto di ogni gestionale è che bisogna conoscerlo a fondo ma per farlo ci vuole un sacco di tempo. Altra cosa è la serietà della software house perché troppo spesso ti cambiano le carte in tavola. Ad esempio Danea ora spinge sul cloud e la cosa mi fa molta paura perché abbiamo appena finito di imparare ad usare Danea e onestamente a me lavorare sul cloud non mi piace per nulla ma immagino che a breve ci obbligheranno.

Comunque visto che non vi trovate con Danea prova con Millesimo, qui c'è Stefano che da un supporto diretto ed è molto disponibile.

  • Mi piace 1
enrico dimitri dice:

L'unica soluzione è che le associazioni organizzino dei corsi serissimi per chiunque, dai neofiti ai più esperti.

io mi informai a Roma nel 2004;

ebbene c'era un corso di PGC di 12 ore diviso in due giornate da sei ore l'una.

costo all'epoca: 200 euro.

non dico il nome dell'associazione per rispetto del forum, che è uno spazio gestito da privati.

ma credetemi.

ma come fai a fare un corso di quel tipo in due puntate da sei ore l'una!

ma per cortesia.

si desse l'importanza dovuta, perchè comunque il costo del gestionale poi ti resta sul groppone se non lo ai usare e di conseguenza non ci lavori.

sapete chi era molto pratico?

chi aveva lavorato in un ufficio finanziario,o nel pubblico, o in una banca.

insomma qualcuno che aveva avuto a sua volta qualcuno che gli aveva insenato  il mestiere.

altro che storie, prove gratuite, o video di tutor.

vuoi o non vuoi nella vita, buona parte della tua sorte dipende dai compagni di viaggio.

da solo non ti muovi.

 

 

E' tutta questione di tempo che non c'è purtroppo...

a proposito del conteggio in condominio dell'acqua ...........

 

a cosa serve un grande software professionale o meno professionale se poi il contatore dell'ente  acquedotto non viaggia in sincronismo con il totale dei contatori ausiliari di tutti i condomini ?

mi aspetto gia' la seguente risposta

il software professionale in automatico riproporziona tutto😊

Modificato da nervino100
×