Vai al contenuto
ziojack

Problema Inquilino

Salve, avrei necessità di un consiglio da chi sicuramente è più preparato di me.

 

La situazione è la seguente.

 

4 anni fa ho affittato un immobile con regolare contratto in regime di cedolare secca (non so a cosa serve se non a pagare le tasse... lo capirete più avanti), l'inquilino ha pagato regolarmente l'affitto, e diceva di pagare anche il condominio.

 

La settimana scorsa mi è arrivata una messa in mora da parte dell'amministratore per un ammontare di 2.500 euro pari a 2 anni e 6 mesi di condomini non pagati (conteggi fatti a preventivo e non a consuntivo). A quel punto mi sono dovuto attivare e verificare cosa stesse succedendo. Chiamo l'inquilino il quale mi dice candidamente che non pagava perchè l'amministratore non ha mai fatto nulla per il condominio e che loro non ritengono di voler pagare. A questo punto mi armo di pazienza e chiamo l'amministratore e solo dopo 10 volte che ho chiamato e 4 PEC riesco a parlargli. E lui altrettanto candidamente mi risponde che il mio inquilino non ha MAI pagato e che i conteggi sono a preventivo perchè non farà MAI riunioni perchà non raggiungerebbe MAI il numero per l'approvazione del bilancio. A questo punto, preso dallo sconforto, chiamo al mio legale e "stranamente" scopro di avere torto (sembrava strano che in questa storia quello che sbagliavo ero io) e mi dice che bisogna fare una messa in mora all'inquilino e chiedere la documentazione all'amministratore. A quel punto do l'ok e i parte. Non appena arriva la lettera all'inquilino, chiama al legale OFFESO (mi sembra giusto) dicendo che non avrebbe mai pagato e che potevo fare quello che volevo. Mentre per l'amministratore siamo alla seconda PEC e nessuna risposta. Per tagliarla in breve, ieri l'inquilino mi chiama e mi dice che il 5 agosto andrà via, non pagherà il condominio, e che sconterà le 2 mensilità (cosa assurda visto che ne contratto c'è scritto che sono a garanzia e non come anticipo).

Ma ora veniamo alla mia affermazione di perchè il contratto non serve a nulla.... L'inquilino andrà via e non pagherà nulla primi 2500 euro andati, sconterà le 2 mensilità ali 1100 euro andate, dovrò pagare la cedolare secca altri 750 euro e udite udite, visto che non ha nulla da perdere a detta dal mio avvocato, è inutile fargli causa per qualsiasi ragione.

A questo punto ho deciso che venderò casa, e mi sembra normale che almeno la vorrei vedere prima che vanno via, ma giusto per sfizio visto che non posso fargli nulla... e purtroppo non mi vogliono far entrare. 

 

A fronte di quanto ho raccontato, qualcuno mi può dare un consiglio sulle cose da fare, oppure il mio legale ha ragione?

 

Saluti

 

In linea di massima, ha ragione. Il condòmino sei tu e sei responsabile delle quote non pagate dal tuo inquilino. Non entro nel merito sulla convenienza ad agire legalmente nei suoi confronti anche se, ipotizzo, quest'ultimo avrà un lavoro, sarà stipendiato e probabilmente ha un c/c che potrebbe essere aggredito. Si può ipotizzare che se ha uno stipendio gli si possa pignorare per 1/5... ma queste sono valutazioni che dovrai fare con il tuo legale. Allo stesso modo per il rispetto del contenuto del contratto.

Per quanto riguarda il tuo amministratore, mi sembra che voglia la scusa per non fare nulla.. che vuol dire che non ci saranno mai i numeri per l'approvazione del bilancio? se la cosa non gli conviene, dà le dimissioni e non cerchi scuse...

 

diciamo che anche tu ci hai messo del tuo ...

non ti sei chiesto come mai dall'amministratore non arrivava nessuna convocazione di assemblea, nessun consuntivo da approvare, nè tu hai mai chiesto la situazione contabile del tuo immobile ...

puoi solo vedere in base a quale ultimo preventivo approvato fa la richiesta di quella cifra, perchè se non c'è delibera assembleare non si è tenuti al pagamento.

 

Il tuo sveglio legale ha ragione.

La casa vendila quando sarà vuota che incasserai di più.

Dall'amministratore pretendi la convocazione dell'assemblea per approvare i bilanci consuntivi.

 

Se il tuo inquilino se ne va lasciandoti tanti scoperti, vale la pena inseguirlo per pignorargli il quinto dello stipendio o altre sostanze se è lavoratore autonomo. Il tuo legale sa sicuramente come recuperare il credito dal tuo furbo e sfrontato inquilino.

 

albano59 dice:

se è lavoratore autonomo

Pensavo fosse più facile e sicuro con gli statali a tempo indeterminato....

Non è questione di lavoratore autonomo o dipendente (privato o statale), ma se il soggetto disponga di sostanze mobili ed immobili intaccabili sufficienti a giustificare l'azione ed i costi per recuperare il credito vantato.

Ringrazio tutti per le risposte. 

 

Vorrei puntualizzare una cosa, sono 2 anni che faccio il diavolo a 4 per far fare le riunioni, ma la risposta che mi viene data è quella che ho detto nel primo post, quindi non è proprio vero che "nè tu hai mai chiesto la situazione contabile del tuo immobile ...

Fermo restando che io mi fidavo di quello che l'inquilino diceva, ovvero, che pagava il condominio, ma chiedo scusa, chi è che deve avvertire il proprietario che ci sono delle morosità? Non credo che il proprietario lo debba sapere dopo 2 anni e 6 mesi e solo perchè a lui viene qualche dubbio e lo chiede all'amministratore. Diversamente non riesco a capire il ruolo dell'amministratore!!!!

 

Se mi potete aiutare anche su come muovermi sul fatto che non mi voglia fa entrare in casa per verificare lo stato dell'immobile. Posso presentarmi li e chiamare i carabinieri?

ma l'amministratore in due anni e mezzo non ha ti mai mandato il rendiconto, preventivo o consuntivo che sia?

o tu ti fidavi che era tutto in regola?

 

Questo amministratore comunque è da cambiare...

Modificato da Mirko2016
Mirko2016 dice:

ma l'amministratore in due anni e mezzo non ha ti mai mandato il rendiconto, preventivo o consuntivo che sia?

o tu ti fidavi che era tutto in regola?

 

Questo amministratore comunque è da cambiare...

Io non mi fidavo, ma più di chiedere e non ricevere, cosa avrei dovuto fare? Pagare un legale per "ricusarlo" e metterne un altro?

 

E' normale che se non mi manda nulla, io in buona fede, credo che il mio inquilino stia pagando regolarmente. Sfido chiunque in questo forum a dirmi che uno che non riceve comunicazioni dal proprio amministratore a pensare che un inquilino non paga. 

 

 

ziojack dice:

Se mi potete aiutare anche su come muovermi sul fatto che non mi voglia fa entrare in casa per verificare lo stato dell'immobile. Posso presentarmi li e chiamare i carabinieri?

I carabinieri non servono e non verranno.

 

Se il tuo contratto prevede l'accesso per visite/sopralluoghi devi avanzare richiesta scritta indicando giorni e lassi temporali in cui vuoi accedere. Il conduttore sarà costretto a rsiponderti in caso di diniego. Se lui giunge a tanto, tu sei nella condizione di recedere dal contratto per giusta causa, anche con previsione di sarcimento danni. Ovviamente il tutto dovrà esser avallato da un giudice.

 

Ovviamente tu e il tuo conduttore con un ragionevole preavviso potreste anche intendervi ed agevolarvi reciprocamente concordando insieme il tuo accesso ogni qual volta che ti serva. 

Infine, che a lui piaccia o meno, al termine della locazione nell'interesse di entrambi va redatto un verbale di riconsegna nel quale annotare eventuali letture dei contatori utenze, gli ultimi sospspese da regolare e lo stato dell'immobile ovvero eventuali danni riscontrati. >il verbale di riconsegna - firmato da entrambi - serve anche per non trascinare all'infinito contrasti ed eventuali liti.

Se non viene firmato da entrambi la cessazione contrattuale sarà problematica: tu comunque hai bisogno di un documento scritto dal tuo conduttore dal quale risulti che la locazione va a concludersi, onde evitare che lui fra qualche mese sostenga il contrario e pretenda di rientrare in questo appartamento.

 

Smettiamola di pensare che i Carabinieri possano buttare fuori chi non paga o far entrare in casa il proprietario.. senza un titolo emesso da un Giudice NON possono far nulla.

 

la tua situazione è complicata e capisco il tuo stato d'animo. 

Ma cosa c'è da fare?

1. l'inquilino non ha nessun diritto di scontarsi mensilità o di non pagare le spese condominiali. E potrai fargli causa e avere uan sentenza favorevole. Ma..ma come dice il tuo avvocato, se questo inquilino non ha beni nè redditi attaccabili,  non avrai posisbilità di recuperare quanto ti spetta. E la causa che gli fai costa..te la pagheresti tutta tu.

Se invece il signore ha un lavoro e vuoi provare a pignorare dei beni o somme, allora procedi.

 

2. Le spese condominiali spettano al proprietario.  Se il prorpietario vede che l'amministratore non convoca assemblea annuale, deve attivarsi e chiederesi perchè. Non va bene. Gi chiedi l'assmeblea per fare e veder ei bilanci. Lo obblighi a convocare l'assmeblea, se non lo fa..puoi chiederne la rimozione giudiziale.  Non scherziamo: l'amministratore ha un compito delicato e fondamentale. Purtroppo vedo che molti proprietari a fronte di amministratori che  restatno mani in mano per uno due tre anni..non dicono nulla, gli va bene.. "ah così non paghiamo..non perdimao tempo in assembele".  Ma è pura illusione: le assmeblee hanno una funzione basilare per la vita del condominio.

Quindi, mi spiace, ma sì..un po' disattento alla tua proprietà lo sei stato. 

Io avessi un amministratore che mi dice "tanto se convoco l'assemblea tanto non raggiungo il numero", lo rpendo per il collo.

Intanto la convoca, poi si vedrà..  piuttosto mi faccio parte attiva e busso a tutti finchè ho le deleghe  in modo da raggiungere il numero.

Avere un appartamento in condominio implica anche badare a queste cose, assolutrametne.

Facendo così, nel mio condominio (io arrivata 8 mesi fa) ho fatto saltare fuori una situazione di decenni di malagestio. E ora tutti a dire "oh ma io mi fidavo dell'amministratore"..

Non sai quanto ho corso, bussato alle porte, rotto le scatole agli altri condomini per far loro aprire gli occhi..e quando li hanno aperti son stati ben felici.

 

Quindi, per quetsa parte, consiglio di verificare i conteggi e anche le eventuali morosità di altri condomini, sei sicuro che gli altri paghino?  poi sani la morosità e  con gli altri parlate all'amminsitratore: o si fa l'assemblea e lui si dimetta /venga revocato. 

 

 

×