Vai al contenuto
chicca1979

Presenza avvocato a tutela di un condomino in assemblea

buongiorno

 

qualcuno mi sa dire con precisione se un avvocato può presenziare in assemblea condominiale a tutela di un condomino suo cliente?

la situazione è questa: ad assemblea iniziata si presenta un condomino con il suo avvocato, il nominativo del condomino viene messo a verbale come presenza, il nominativo dell'avvocato no, in quanto chiede lui espressamente che la sua presenza non venga registrata. Ma prende subito la parola l'avvocato, passando subito al punto che gli interessa in cui viene accusato il suo cliente. Morale, l'avvocato ha gestito la riunione condominiale per due ore, parlando delle accuse che venivano volte al suo cliente, accusando e puntando il dito contro di me in quanto l'amministratore gli aveva mandato richiesta di intervenire su danno provocatomi, e facendo in modo che l'assemblea non deliberasse per tali punti, quindi ottenendo il suo scopo. Quindi il suo intervento è stato decisionale, nonostante fosse un ESTRANEO all'assemblea e non fosse richiesto a nessuno di votare per la sua ammissione o meno in assemblea. Il condomino ha preso parola anche lui, oltre al suo avvocato non delegato. Ora mi chiedo, è corretto ai fini legali?non esiste privacy e nulla che mi tuteli in un caso simile? cosa posso fare se non è legalmente corretta la presenza dell'avvocato in simile situazione? grazie

Una persona può essere presente in assemblea al posto del delegante presentando regolare delega, se non ha questo requisito può e dovrebbe essere prontamente allontanato, inoltre la presenza contemporanea del delegato e delegante secondo una sola e perora incontrastata sentenza non è ammessa;

 

Il condomino delegante non può pretendere di partecipare all'assemblea assieme al delegato; l'art. 67 Dis. Att. cc infatti prevede che il condomino possa intervenire all'assemblea a mezzo rappresentante ma non prevede la contemporanea presenza di entrambi che va esclusa per motivi di ordine nello svolgimento dei lavori di quest organo condominiale, tanto più che il secondo comma del suddetto articolo ammette un solo rappresentante nel caso di appartamento in comproprietà (Tribunale di Perugia 9/10.1964)

ringrazio per i chiarimenti, la sentenza mi sembra datata, è ancora in vigore questa norma? ci sono articoli che la dimostrano ?

io cosa posso fare a questo punto visto che la presenza dell'avvocato non è legale? potrei procedere a impugnare il verbale e nel caso cosa dovrei fare? grazie ancora

Ciao Chicca,

mi è capitato di fare questa cosa, per la mia professione: ho presenziato in assemblea in sostituzione di un condomino. E, proprio per quanto detto da Tullio, ho detto al mio cliente di non partecipare ma di riferirmi tutto ciò che riteneva utile che dovessi sapere. Non c'è una norma specifica che lo vieti, però da alcune pronunce (es. cass. Civ. 11943 del 8.8.2003) discende la regola per cui, su richiesta dei partecipanti o su decisione del presidente eletto dall'assemblea, possono essere allontanate tutte le persone estranee o non ritenute indispensabili per le decisioni (come potrebbe essere un tecnico o un legale). Purtroppo, però, la loro presenza non inficia la validità della decisione.

 

p.s. fra l'altro siamo molto vicini (io sono di Carvico).

un caro saluto!!

Francesco

GRAZIE

 

ma quindi non posso fare niente ora che sono state prese decisioni in assemblea? né contro il verbale né contro l'avvocato stesso che non risulterà dal verbale ma che di fatto ha manipolato più di metà assemblea??

 

sì siamo vicini!

in pratica e' stato fatto un processo in una sede non opportunea 🙂

contro l'avvocato proprio no! salvo non vi sia qualche condotta illegale ovviamente... ma dubito. Per il verbale non è detto. Spesso i verbali delgi amministratori sono ricchi di errori attaccabili. Se vuoi mandarmi una copia in privato, posso dare un'occhiata!! gratuitamente.... s'intende!!!

cancella pure i dati sensibili

il verbale ancora non ce l'ho, se mi dà una mail glielo posso inviare appena mi arriva

 

quindi se non ho capito male non posso fare altro che sperare di poter impugnare il verbale.

e come si impugna un verbale?

Come detto da peppe64oramai l'assemblea è stata effettuata con la presenza di una persona non autorizzata ad assistere ne partecipare, ossia è necessario prevenire e avvisare il Presidente di questa anomalia e far allontanare l'intruso prima di proseguire;

 

Relativamente, alle perplessità sulla partecipazione di elementi esterni al condominio durante l'assise, il Garante ha chiarito che tecnici e consulenti possono partecipare all'assemblea per il tempo necessario all'espletamento di quanto richiesto e restare presenti solo con il consenso unanime dei partecipanti. L'unanimità è richiesta ab origine per la partecipazione di "uditori" completamente estranei al condominio. Allo stesso modo la videoregistrazione è consentita solo con il consenso di tutti i condomini presenti.

Fonte: Il condominio e la privacy

www.StudioCataldi.it)

×