Vai al contenuto
roby45@tiscali.it

Lavori condominiali causa allagamento.

Abito al piano terreno (e sottosuolo) di un immobile composto da quattro condomini.  A meta' agosto il sottosuolo era allagato ed essendo noi in vacanza si è occupata della gestione una nostra persona di fiducia. Responsabili dei danni al sottosuolo sono stati il pozzetto degrassatore  condominiale in cemento (rotto) e sostituito e anche alcune crepe e rotture della fossa biologica condominiale prontamente riparate. Gli interventi effettuati avendo carattere di urgenza sono stati eseguiti da personale competente.

Tuttocio' sara' fatturato e suddiviso per millesimali fra i quattro condomini.

Nel caso che un condomino non intenda (per suoi motivi) NON  partecipare per la sua quota parte al saldo del pagamento dei lavori effettuati e documentati con foto a tutti ( condomini e assicurazione compresa) come è opportuno comportarsi per avere quanto spetta della sua parte?

                                                                                                                                              Grazie.

                                                                                                                                                                                               Cordiali saluti

Beh.. se non intende pagare la sua quota, prima lo si diffida e lo si mette in mora; se non basta, non rimane che rivolgersi ad un legale.

 

noi non abbiamo un'amministratore ed è quindi comprensibile quali siano le difficolta' visto che stiamo parlando di uno studio legale.

 

mi chiedo se un giudice di pace possa avere la stessa valenza nell'imporre il pagamento della quota.

Ringrazio Giovanni Inga per la sua consulenza e la sua cortesia. Se qualche altro intende proporre dei suggerimenti li terro' nella giusta considerazione. Grazie.

roby45@tiscali.it dice:

Ringrazio Giovanni Inga per la sua consulenza e la sua cortesia. Se qualche altro intende proporre dei suggerimenti li terro' nella giusta considerazione. Grazie.

Concordo con Giovanni Inga

×