Vai al contenuto
Venere

Consegna chiavi anticipata rispetto alla data di locazione contrattuale ...

Sto per affittare un appartamento, con l'inquilino abbiamo già preso accordi sul canone e sul da farsi, dobbiamo incontrarci per sottoscrivere il contratto di locazione che decorrerà dal 1 Agosto 2017, in questa sede posso consegnare le chiavi dell'appartamento anticipatamente di 9 giorni rispetto alla data di decorrenza del contratto? Chiarisco che non pretenderei alcunché dall'inquilino con il quale di già abbiamo pattuito ciò che farò io nell'appartamento e ciò che farà lui, gli darei le chiavi per potere avviare quelle procedure di pulizia e quant'altro agevoli poi il trasloco; ovviamente sottoscriveremo una carta privata che attesti la consegna anticipata delle chiavi e che nulla abbia a pretendere ......tutto ciò può in qualche modo crearmi dei problemi?

E' una cosa legale? Resto in attesa di un vostro riscontro, Grazie

Fino a qualche tempo addietro era ammesso farlo, io stesso lo facevo.

Adesso per quei 9 giorni ci sarebbe da predisporre e registrare un comodato ad uso gratuito!

 

Per aggirare il problema, tenersi in tasca i 200 €. di imposte di registro per il comodato, tutelare gli interessi di entrambe le parti contraenti, l'escamotage consiste nell'inserire due appositi commi fra le "varie ed eventuali" del contratto di locazione in sottoscrizione:

"a) al conduttore viene consentito l'accesso all'appartamento dalla data odierna affinché egli possa provvedere a pulizie ed immissione mobilio, sollevando il locatore da qualunque responsabilità circa eventuali danni a persone e/o cose;

b) la consegna delle chiavi avviene solo ai fini specificati nel comma precedente ovvero il conduttore si impegna a non risiedere ed abitare in loco prima della data di decorrenza del presente contratto."

  • Confuso 1

Intanto ringrazio Albano59 per la risposta dettagliata al mio quesito ... altresì chiedo se effettivamente le due clausole riescono a mettere entrambe le parti in buona pace sul piano legale...ancora grazie

ciao Albano

Io oggi 01.01.01 stipulo il contratto di locazione con consegna immediata del possesso, ma sul contratto scrivo che la decorrenza del canone è dal 01.02.01.

 

Perchè quindi la consegna delle chiavi oggi, per essere regolare fiscalmente, dovrebbe avvenire tramite contratto di comodato di un mese !

Se invece dei 9 giorni, fosse solo la sera prima ( per paradosso)?

 

Se registro subito poi non ho nemmeno il problema della denuncia (ora eliminata) alle PPAA della consegna della disponibilità dei locali, cosa che potrebbere verificarsi in casi limite dove la registrazione deve essere fatta solo entro i 30 gg. dalla stipula o dalla decorrenza, precisazione che contrasta con la norma che fissava entro 48 ore la comunicazione.

Ciao Camillo, cerco di spiegarti ciò che per me è una assurdità...

Correva l'anno 2010 quando alla stipula di un nuovo contratto, al solito ci si apprestava a consegnare le chiavi della u.i. con un breve anticipo rispetto alla decorrenza della locazione, per agevolare il conduttore entrante esattamente come nel caso di Venere.

Il commercialista dell'epoca sollevò obiezione; non ricordo più se in forza di una legge o solo per evitare/cautelare la Proprietà da contestazioni AdE per supposto reddito fondiario evaso, ma resta il fatto che mi fece presente che la prassi familiare in uso da tempo immemore non era più praticabile perché andava predisposto un comodato d'uso qualora le chiavi fossero consegnate prima della decorrenza della locazione.

Da allora mi sono sempre attenuto a queste istruzioni, se non che ad un certo punto con l'aggiornamento delle imposte di registro è diventato molto oneroso registrare un comodato di appena qualche giorno.

Infatti da quando il comodato costa 200 €. di imposte registro, adotto la soluzione esposta nel #2 senza che la dipendenza AdE a cui mi rivolgo mi abbia mai creato problemi.

Se fosse la sera prima... non metterei nulla in contratto, ma con un lasso di diversi giorni che rimangono scoperti dalla locazione, nell'ambito di un piccolo paesello di provincia, può sempre esserci qualcuno che non si fa gli affari suoi e può mettersi in giro a far domande e/o segnalazioni non particolarmente gradite alla Proprietà.

Per cui, meglio prevenire che curare.

ciao Albano

 

all'epoca c'era l'obbligo di comunicare alla PPAA la disponibilità concessa di un locale, entro 48 ore. Forse è quello che il Commercialista indicava, non servendo affatto un contratto di comodato per coprire lo spazio tra la consegna e la decorrenza del contratto.

 

Essendo malizioso andreotticamente, forse il commercialista chiedeva qualcosa in più per la predisposizione del contratto di comodato giustificando da leguleio tale imposizione che poteva essere superata dall'invio immediato della comunicazione che avrebbe dovuto comunque fare 9 giorni dopo.

  • Mi piace 1
×