Vai al contenuto
libertas

Centro Accoglienza immigrati in condominio

Buongiorno, oggi abbiamo avuto la spiacevole sorpresa che il proprietario del P.T. locali commerciali, ha affittato sicuramente alla Prefettura i locali per la sistemazione di un centro accoglienza per immigrati chiedenti asilo politico. Tutto questo senza che nessun condomino fosse a conoscenza di quanto appena detto. Vi chiedo se c'è qualche normativa che regoli queste locazioni e se fosse necessaria l'approvazione dell'Assemblea per far ciò. Grazie a tutti anticipatamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se il regolamento contrattuale non lo vieta, e se ha tutte le autorizzazioni per l'apertura, può farlo senza autorizzazione condominiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Lollolalla mi scusi E per il fatto che nel cortile ti trovi 50 immigrati che girano intorno e fanno i bisogni nel cortile e disturbano giorno e notte, basta solo l'autorizzazione !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il rispetto del cortile e delle regole del vivere civile deve chiederlo all'inquilino (centro di accoglienza). Cosa c'è scritto nel regolamento condominiale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io non sarei così categorico.

 

LIBERTAS parla di locali commerciali al Piano Terra.

Aldilà dei divieti eventualmente presenti nel Regolamento non và nemmeno sottovalutata la questione del "cambio destinazione d' uso".

 

Certo che se ci si mette di mezzo la Prefettura...con il Comune trovano presto l' accordo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il cambio di destinazione è eventualmente un illecito urbanistico ma che poco interessa al condominio. Se nel regolamento non c'è un espresso divieto di cambiare la destinazione da commerciale a direzionale o altro (regolamento che in questo caso deve essere contrattuale) il condominio poco può fare, se non denunciare l'abuso edilizio ai Vigili.

 

Più facile richiamare l'uso scorretto del cortile comune

 

Saluti

 

Giuseppina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Forse non mi sono spiegato.

 

Un cambio di destinazione d' uso non autorizzato sarebbe illecito che verrebbe immediatamente perseguito, mentre una infrazione al Regolamento Condominiale anche se Contrattuale presuppone inevitabilmente il ricorso ad una "causa" legale...con i noti tempi della Giustizia in Italia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

immediatamente perseguito ... come? Con una richiesta di adeguamento e sanatoria, non di più.

 

Saluti

 

Giuseppina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ho premesso che se vi è la Prefettura di mezzo hai ben poche chances o norme da invocare.

Anche si stesse commettendo un abuso (variazione d' uso) è facile supporre che vi siano facilità di accordo fra 2 istituzioni pubbliche.

 

Se viceversa si stessero "accatastando" 😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusatemi ma la variazione d'uso doveva avvenire dopo eventuale assemblea condominiale che,

l'avrebbe potuta approvare o non era necessario?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La variazione d'uso va richiesta dal titolare dell'unità immobiliare e l'assemblea non c'entra nulla, l'aveva già specificato Giuseppina post nr. 6.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve,

Abito in un complesso residenziale composto da 4 appartamenti, ognuno di proprietà di soggetti diversi, e da un giardino, un ingresso e un garage in comproprietà indivisa tra i diversi proprietari in assenza totale di regolamenti. Uno di questi appartamenti è in comproprietà indivisa, il 25% una signora e il 75% al figlio, che detengono altresì nelle medesime percentuali 1/3 indiviso del giardino, dell'ingresso e del garage in comproprietà .

Il figlio ha deciso, senza autorizzazione della madre detentrice del 25% dell'appartamento nonché del 25% di 1/3 delle parti in comproprietà e senza autorizzazione dei restanti 2/3 delle parti in comproprietà, di concedere l'appartamento e le comproprietà ad una società cooperativa sociale di accoglienza immigrati, al fine di ospitare fino a 20 immigrati.

Possono la madre e gli altri comproprietari opporsi a tale decisione unilaterale? Se si, come?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Come appunto come scrivi, perchè la proprietà è indivisa. Venti ospiti mi sembrano un pò troppi, salvo grandi spazi. Al massimo i vicini possono controllare se ciò sia regolare e in difetto esporre la questione alle autorità di PS.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

buonasera vivo in un piccolo palazzo composto da 3 appartamenti e qualche casolare diroccato e sono proprietario il proprietario dell'appartamento e anche degli spazi in comune...Bene gli altri proprietari hanno pensato bene di fare un bel centro di immigrati e hanno scaricato 50-60 letti(il bando dice fino a 100 ospiti)e devono transitare sul mio pianerottolo per entrare

io sono solo con moglie e 2 figli piccoli ho paura e nessuno mi aiuta,al comune mi rimbalzano ed in qlsiasi momento puo' arrivare il bus con questi direttamente per disposizione della prefettura,io non so che fare

Nessuno mi aiuta vi prego ditemi qlcosa.....giuseppe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×