Vai al contenuto
gipsea

Relazioni con cooperative immigrati: numero inquilini per m2 - regolamento di igiene

Buon giorno a tutti.

 

volevo un vostro parere generale sui seguenti problemi che sono sorti con la cooperativa a cui e' stata affittato un mio appartamento per ospitare gli immigrati.

 

L'immobile e' un appartamento di 38m2 in una palazzina di 3 piani e 3 appartamenti (di cui solo il mio praticamente abitato) senza condominio.

 

A seguito di comunicazioni di uno dei proprietari che nell'appartamento vivevano dalle 4 alle 6 persone mi sono attivato parlando con la polizia e la asl.

 

Di fatto la ASL ha confermato che in base al regolamento di igiene in 38m2 possono abitare 2 persone

 

Risposta dell'avvocato:

Considerando che da precedente sopralluogo dai vigili non erano risultate anomalie, 4 persone potevano tranquillamente abitarci

 

Chi e' responzabile dell'attuazione del Regolamento d'igiene?

Se ci fossero incongruenze tra i vigili e la ASL chi ha potere decisionale finale?

 

Se possibile, potreste per favore anche darmi qualche riferimento giuridico specifico?

 

Grazie

Buon giorno a tutti.

 

volevo un vostro parere generale sui seguenti problemi che sono sorti con la cooperativa a cui e' stata affittato un mio appartamento per ospitare gli immigrati.

 

L'immobile e' un appartamento di 38m2 in una palazzina di 3 piani e 3 appartamenti (di cui solo il mio praticamente abitato) senza condominio.

 

A seguito di comunicazioni di uno dei proprietari che nell'appartamento vivevano dalle 4 alle 6 persone mi sono attivato parlando con la polizia e la asl.

 

Di fatto la ASL ha confermato che in base al regolamento di igiene in 38m2 possono abitare 2 persone

L'ASL, ovviamente, ha ragione, in quanto si rifà alle norme igienico sanitare via via aggiornate e che prevedono 14 mq a testa per numero di occupanti fino a 4 e 10 mq a testa per quelli oltre 4.

A cui si aggiungono altre richieste specifiche (vedi allegato dopo).

In 38mq possono quindi stare al massimo due persone, per legge.

Però...(vedi dopo)

 

Risposta dell'avvocato:

Considerando che da precedente sopralluogo dai vigili non erano risultate anomalie, 4 persone potevano tranquillamente abitarci

Eh, da un punto di vista legale questa suona un po' come: "Sei passato con il rosso, non ti hanno multato, quindi da oggi in poi puoi passare sempre con il rosso", che chiaramente non è vero, però... (vedi dopo)

 

Chi e' responzabile dell'attuazione del Regolamento d'igiene?

Se ci fossero incongruenze tra i vigili e la ASL chi ha potere decisionale finale?

 

Se possibile, potreste per favore anche darmi qualche riferimento giuridico specifico?

 

Grazie

Il fatto è che con la situazione in Italia, sopratutto riguardo agli alloggi abitati dai migranti, maa anche in alcuni casi dagli italiani, tutti tendono a chiudere non un occhio, ma tutti e due. Quindi, in punto di fatto, potrebbero anche non sollevare mai il problema, finché magari non cambia ammministrazione del Comune, che impone una maggiore rigidità e allora poi saltano fuori i titoli ai TG.

 

L'"ultima parola" non esiste: se i VVUU hanno detto che da te è tutto regolare, potrebbe finire lì, ma se un altro controllo più rigido fatto dagli stessi VVUU o anche da un altro ente dovesse rilevare irregolarità, varrebbe quello. Non c'è un "ultima parola" su chi deve fare i controlli.

 

In quanto agli esposti per motivi igienico sanitari, sono tipicamente da fare all'ASL o al Comune, in particolare se il Comune ha modificato le norme riguardo tali requisiti.

 

Qui c'è ad esempio una pagina che spiega come fare tali esposti nella bassa Romagna.

--link_rimosso--

 

Infine, il riferimento legislavito risale fino al 1896, che è stato poi aggiornato nel 1975 e poi ha subito alcune altre minime modifiche in seguito.

 

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Speciali/2006/documenti_lunedi/19marzo2007/DM_05_07_1975.pdf

 

Questo a meno di modifiche più restrittive del tuo Comune.

Io di più non so.

Ciao GC,

 

grazie tanto per la gentile risposta.

 

capisco ed immagino che soprattutto per gli immigrati ci sia una certa elasticita' troppo spesso verso l'eccesso per non dire l'illegale.

 

Dopo aver parlato con la ASL che appunto confermano i numeri che anche tu hai riportato, se il problema sarebbe rimasto l'accordo era quello di presentare una richiesta di sopralluogo direttamente alla ASL competente. Di sicuro se non li chiamo io come proprietario dell'immobile loro non vanno in giro per le case a fare controlli. Altrettanto avrei richiesto un verbale della visita.

 

A Frosinone a quanto ho capito non ci sono deroche al Regolamento di Igiene specifiche per queste situazioni

 

Di fatto, per motivi diversi, l'avvocato che segue la cooperativa ha suggerito di terminare il contratto anticipatamente...

 

Spero che questo aiuti almeno qualche altro proprietario nelle mie stesse condizioni

 

grazie

Ciao GC,

 

grazie tanto per la gentile risposta.

 

capisco ed immagino che soprattutto per gli immigrati ci sia una certa elasticita' troppo spesso verso l'eccesso per non dire l'illegale.

Ma diciamolo pure: c'è un decreto che viene sistematicamente ignorato.

 

Dopo aver parlato con la ASL che appunto confermano i numeri che anche tu hai riportato, se il problema sarebbe rimasto l'accordo era quello di presentare una richiesta di sopralluogo direttamente alla ASL competente. Di sicuro se non li chiamo io come proprietario dell'immobile loro non vanno in giro per le case a fare controlli. Altrettanto avrei richiesto un verbale della visita.

 

A Frosinone a quanto ho capito non ci sono deroche al Regolamento di Igiene specifiche per queste situazioni

 

Di fatto, per motivi diversi, l'avvocato che segue la cooperativa ha suggerito di terminare il contratto anticipatamente...

 

Spero che questo aiuti almeno qualche altro proprietario nelle mie stesse condizioni

 

grazie

Bene, sono felice che tu abbia risolto. In questi casi non si sa mai: basta che la cooperativa si sciolga o che chi ne è il responsabile legamente divevnti irreperibile, e ti ritriovi sul groppone un appartamento occupato da N "migranti", con tutti i consumi associati che non ti sgombereranno in nessun modo.

Già il fatto che in 38mq volessero far stare tra 4 e 6 persone, contrariamente a quanto previsto dal suddetto decreto, infatti, secondo me non è un buon indizio.

 

Buona fortuna per i futuri inquilini.

e se venissero messe delle persone in una mansardina, un loft , un sottotetto diciamo, piu o meno della stessa metratura (40 mq) ma con il soffitto che è spiovente, essendo di fatto sottotetto, non dovrebbe esserci un regolamento che preveda che piu di tanto non ci possono stare, che ci sia un abiltabilita?

×