Vai al contenuto
Giuseppe 73

Canoni non riscossi prima delle sfratto per morosita'

Buongiorno

Avrei cortesemente bisogno di un vostro prezioso suggerimento su come mi devo comportare nella dichiarazione dei redditi su canoni non corrisposti prima che il giudice convalidi lo sfratto. Mi sto riferendo ad un contratto per usi abitativi per il quale il locatore non ha pagato il canone, ed giudice prima di procedere allo sfratto per morosita' ha concesso un periodo di grazie, di 2 mesi oltre il quale se non paga verrà automaticamente attivato lo sfratto. Ovviamente il locatore non ha pagato e senza comunicarmi niente ha abbandonato casa lasciando le chiavi al portone. Vi chiedo come mi devo comportare ? posso entrare in possesso di casa?

Devo dichiarare i canoni non percepiti anche se, la circolare 11E del maggio 2014 al punto 1.3 parla solo di sfratto? Nel caso potessi non dichiararli cosa devo fornire al mio commercialista?

Grazie a chiunque voglia dare il contributo

Buongiorno

Avrei cortesemente bisogno di un vostro prezioso suggerimento su come mi devo comportare nella dichiarazione dei redditi su canoni non corrisposti prima che il giudice convalidi lo sfratto. Mi sto riferendo ad un contratto per usi abitativi per il quale il locatore non ha pagato il canone, ed giudice prima di procedere allo sfratto per morosita' ha concesso un periodo di grazie, di 2 mesi oltre il quale se non paga verrà automaticamente attivato lo sfratto. Ovviamente il locatore non ha pagato e senza comunicarmi niente ha abbandonato casa lasciando le chiavi al portone. Vi chiedo come mi devo comportare ? posso entrare in possesso di casa?

Devo dichiarare i canoni non percepiti anche se, la circolare 11E del maggio 2014 al punto 1.3 parla solo di sfratto? Nel caso potessi non dichiararli cosa devo fornire al mio commercialista?

Grazie a chiunque voglia dare il contributo

Le istruzioni al modello Redditi, quadro RB recitano:

"Non devono essere dichiarati i canoni (derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo) non percepiti per morosità dell’inquilino se, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, si è concluso il procedimento di convalida di sfratto per morosità. In tal caso deve essere comunque dichiarata la rendita catastale."

Come la circolare da te citata (11 del 21.05.14) anche le istruzioni utilizzano il termine "concluso" relativamente al procedimento di convalida di sfratto. Se non capisco male, nel tuo caso, la conclusione della convalida sarà passati i due mesi "di sospensiva" concessi dal giudice, probabilmente "sfori" il 2017, nel senso che, sempre se non capisco male, la conclusione avverrà nel 2018. Si così fosse per il 2017 dovrai ancora denunciare l'affitto non percepito, se così non fosse sarà sufficiente la rendita catastale rivalutata.

Avendo un commercialista, potrai ottenere da lui tutte le informazioni del caso, che, anzi, saranno piu' puntuali, conoscendo tutta la situazione.

Nel mio caso non penso ci potrà essere lo sfratto in quanto l'inquilino ha lasciato casa prima della data dei 2 mesi concessi dallo stesso giudici ..termine di grazie. Devo inserire i canoni lo stesso? Non ci sono altre strade che potrei percorrere al fine di vedermi riconosciuto un credito di imposta? ho visto in rete che è possibile fare un'istanza di autotutela...

grazie

Nel mio caso non penso ci potrà essere lo sfratto in quanto l'inquilino ha lasciato casa prima della data dei 2 mesi concessi dallo stesso giudici ..termine di grazie. Devo inserire i canoni lo stesso? Non ci sono altre strade che potrei percorrere al fine di vedermi riconosciuto un credito di imposta? ho visto in rete che è possibile fare un'istanza di autotutela...

grazie

Si, è il credito di imposta per canoni non percepiti, quadro CR; istruzioni AdE:

Per determinare il credito d’imposta che spetta, è necessario calcolare le imposte pagate in più, relativamente ai canoni non percepiti, riliquidando la dichiarazione dei redditi di ciascuno degli anni per i quali in base all’accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore, sono state pagate maggiori imposte per effetto di canoni di locazione non riscossi. Il credito d’imposta in questione può essere indicato nella prima dichiarazione dei redditi utile successiva alla conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida dello sfratto, e comunque non oltre il termine ordinario di prescrizione decennale

In sostanza il tuo commercialista, che, ripeto, ben conoscerà la questione, dovrà riliquidare le imposte degli anni in cui non hai percepito il canone, ma lo hai denunciato, in sede di denuncia dei redditi. Non sono necessarie istanze di autotutela, ma se decidi di non avvalerti del credito tramite denuncia dei redditi (non vedo perchè), puoi presentare istanza di rimborso direttamente ad AdE.

ultima Curiosita'

il contratto naturale( 4+4 ) scadeva a Dicembre 2017 ma siccome il giudice ha concesso i 60 giorni cosa devo fare con agenzie delle entrate ? devo pagare la tassa annuale e conseguentemente disdire il contratto visto che è andato via? grazie ancora

Giuseppe 73 dice:

ultima Curiosita'

il contratto naturale( 4+4 ) scadeva a Dicembre 2017 ma siccome il giudice ha concesso i 60 giorni cosa devo fare con agenzie delle entrate ? devo pagare la tassa annuale e conseguentemente disdire il contratto visto che è andato via? grazie ancora

Sinceramente non lo so, troverei "normale" chiudere il contratto visto che l'inquilino se ne è andato (ma quando?) prima che lo sfratto avesse efficacia. Ti consiglio di chiedere al commercialista che puo' leggere gli atti oppure direttamente ad AdE.

Modificato da Danielabi
×