Vai al contenuto
George00

Veranda senza permessi, cosa fare?

Buongiorno, abito nel comune di Roma e ho una casa con terrazzo con una tettoia. Ho deciso di rinnovare la tettoia poiché vecchia e la ditta che ha provveduto a fare i lavori mi ha suggerito di installare delle vetrate scorrevoli su binario (che a detta loro non necessitavano di concessione edilizia). Ora a seguito di comunicazione del condominio i vigili mi hanno chiesto il permesso di costruire che io non ho mai chiesto, poichè la tettoia era pre-esistente ed è stata solo sostituita mentre le vetrate sono di nuova installazione. So che probabilmente dovrò smontarle ma volevo sapere se è possibile chiedere la concessione in sanatoria o comunque sapere se esiste qualche sistema per sanare e lasciare le vetrate al loro posto.

Modificato da George00
George00 dice:

Buongiorno, abito nel comune di Roma e ho una casa con terrazzo con una tettoia. Ho deciso di rinnovare la tettoia poiché vecchia e la ditta che ha provveduto a fare i lavori mi ha suggerito di installare delle vetrate scorrevoli su binario (che a detta loro non necessitavano di concessione edilizia). Ora a seguito di comunicazione del condominio i vigili mi hanno chiesto il permesso di costruire che io non ho mai chiesto, poichè la tettoia era pre-esistente ed è stata solo sostituita mentre le vetrate sono di nuova installazione. So che probabilmente dovrò smontarle ma volevo sapere se è possibile chiedere la concessione in sanatoria o comunque sapere se esiste qualche sistema per sanare e lasciare le vetrate al loro posto.

Penso che la cosa migliore sia che tu chieda all'ufficio tecnico del tuo comune di riferimento.

Diversi interventi ora sono possibili in edilizia libera, senza necessità di autorizzazioni e il tuo lavoro potrebbe rientrare, ma non puoi fare altro che chiedere agli uffici competenti.

George00 dice:

Buongiorno, abito nel comune di Roma e ho una casa con terrazzo con una tettoia. Ho deciso di rinnovare la tettoia poiché vecchia e la ditta che ha provveduto a fare i lavori mi ha suggerito di installare delle vetrate scorrevoli su binario (che a detta loro non necessitavano di concessione edilizia). Ora a seguito di comunicazione del condominio i vigili mi hanno chiesto il permesso di costruire che io non ho mai chiesto, poichè la tettoia era pre-esistente ed è stata solo sostituita mentre le vetrate sono di nuova installazione. So che probabilmente dovrò smontarle ma volevo sapere se è possibile chiedere la concessione in sanatoria o comunque sapere se esiste qualche sistema per sanare e lasciare le vetrate al loro posto.

ciao ma la tettoia che tu dici pre-esistente è disegnata sul progetto pilota?

Sul progetto approvato dal Comune?

Perché se non fosse così il problema di eventuale rimozione non è tanto nella veranda quanto proprio per la tettoia.

Infatti la vetrata scorrevole non ha bisogno del permesso edilizio mentre la tettoia si.

Ciao 

No, la tettoia è inclusa nella richiesta di condono  che è in fase di approvazione da un bel po di anni ed è stata fatta nel 1960; io ho provveduto a sostituirla(con approvazione dell assemblea condominiale) e ad aggiungere le vetrate scorrevoli. 

ciao ma scusa abbi pazienza non capisco.

Tu nel # 1 dici testualmente:

 

"Ora a seguito di comunicazione del condominio i vigili mi hanno chiesto il permesso di costruire"

 

Ora invece dici che la richiesta di condono è in attesa di approvazione.....

 

Come possono i vigili chiederti il permesso di costruire se bastava che tu gli facessi vedere la richiesta di condono di cui parli?

 

Delle due una.

Se è già stata richiesta una domanda di condono mi pare evidente che la sola sostituzione non comporta nulla.

Comprese le vetrate scorrevoli di cui non necessita nessuna approvazione dell'ufficio tecnico.

ciao

 

No scusami, ma sono stato poco chiaro. 

Alla fine c'è una richiesta di condono e la tettoia è anche accatastata, quindi non abusiva; il problema sarebbero le vetrate scorrevoli sulle quali non è chiaro se comportino o meno aumento volumetrico e se necessitino di concessione edilizia; per questo volevo sapere se esiste qualche legge regionale o del comune di roma che lo spieghi chiaramente. 

TI sei gia risposto George  da solo: ci sta una domanda di condono già presentata (forse già chiusa ed approvata dal Comune) facile da verificare presso il tecnico di fiducia a cui hai affidato la pratica di condono, oppure presso uffici del Comune.

 

Se hai sostituito la veranda/tettoia esistente condonata (con la volumetria approvata) non hai commesso abuso, probabilmente dovevi presentare una Cila o Scia al Suap   rivolgendoti ad un tecnico di tua fiducia come previsto nelle NTA del comune dove è l'abitazione. (comunicare al comune quello che desideravi fare, mettere relativo cartello di cantiere con estremi autorizzazione, etc) cosi che in caso arrivano vigili possono leggere che stai facendo lavori autorizzati.

 

Per sanare servirà presentare una Cila/Scia in sanatoria per omessa comunicazione lavori. Un geometra o ingegnere potrà facilmente risolvere la questione.

 

In caso di variazioni di volumetria serve verificare quella consentita come differenza da quella realizzata, per  sapere cosa fare  (sempre il professionista ti dara indicazioni)  

Modificato da SPL House
  • Mi piace 1
SPL House dice:

TI sei gia risposto George  da solo: ci sta una domanda di condono già presentata (forse già chiusa ed approvata dal Comune) facile da verificare presso il tecnico di fiducia a cui hai affidato la pratica di condono, oppure presso uffici del Comune.

 

Se hai sostituito la veranda/tettoia esistente condonata (con la volumetria approvata) non hai commesso abuso, probabilmente dovevi presentare una Cila o Scia al Suap   rivolgendoti ad un tecnico di tua fiducia come previsto nelle NTA del comune dove è l'abitazione. (comunicare al comune quello che desideravi fare, mettere relativo cartello di cantiere con estremi autorizzazione, etc) cosi che in caso arrivano vigili possono leggere che stai facendo lavori autorizzati.

 

Per sanare servirà presentare una Cila/Scia in sanatoria per omessa comunicazione lavori. Un geometra o ingegnere potrà facilmente risolvere la questione.

 

In caso di variazioni di volumetria serve verificare quella consentita come differenza da quella realizzata, per  sapere cosa fare  (sempre il professionista ti dara indicazioni)  

Ciao concordo totalmente

×