Vai al contenuto
wolverine75

Stipula contratto lavori condominiali e assemblee straordinarie

Buongiorno a tutti.

Vi chiedo consiglio su una spiacevole situazione, secondo me, in cui si trova il condominio dove vive mio cognato.

Vi spiego nel miglior modo possibile i fatti.

All'inizio di quest'anno decidono di cambiare amministratore (quello precedente era totalmente latitante), dando incarico ad un amministratore che già amministra altro palazzo all'interno dello stesso parco condominiale.

All'atto dell'accettazione dell'incarico, da quel che mio cognato ricorda, non viene stipulato alcun contratto (primo errore), con l'accordo che sarebbe stato un periedo di prova e che l'amministratore avrebbe "usato" le stesse condizioni contrattuali del precedente amministratore.

nel palazzo già sapevano di dover fare dei lavori di messa in sicurezza sia di alcune parti comuni sia di tutti i balconi e quindi si è proceduto con le varie cose da fare, inclusa la nomina di un direttore dei lavori, la scelta della ditta e quant'altro.

In una riunione del mese di gennaio l'amministratore ha messo a verbale che per tali lavori la sua percentuale sarebbe stata del 3% e oltre questo non avrebbe chiesto null'altro.

Adesso, dopo vari mesi, altre riunioni per definire le varie cose si è presentato con:

  • fattura con percentuale calcolata al 4%
  • richiesta di 750 euro per assemblee straordinarie
  • richiesta di 750 euro+IVA+cassa avvocati (lui è avvocato) per aver redatto il contratto con la ditta vincitrice (contratto non ancora approvato e firmato dai condomini)

In tutto ciò va premesso che nulla è stato richiesto preventivamente per le assemblee straordinarie nè per redigere il contratto (cosa che di solito, ad esempio, fa il D.L. o il tecnico che redige il computo metrico, se le due figure non coincidono proprio).

Capirete che sono leggerissimamente alterati e non hanno intenzione di fargliela passare liscia (secondo me ci sta provando alla grande).

Ora vi chiedo: quali sono i riferimenti normativi che questo signore ha violato e soprattutto cosa gli può essere contestato e non pagato in quanto la richiesta è illegittima perchè non autorizzata e deliberata in nessuna assemblea?

Grazie a tutti voi

1129 cc

L'assemblea può subordinare la nomina dell’amministratore alla presentazione ai condomini di una

polizza individuale di assicurazione per la responsabilità civile per gli atti compiuti nell’esercizio del

mandato.

L'amministratore è tenuto altresì ad adeguare i massimali della polizza se nel periodo del suo

incarico l'assemblea deliberi lavori straordinari. Tale adeguamento non deve essere inferiore

all'importo di spesa deliberato e deve essere effettuato contestualmente all'inizio dei lavori. Nel caso

in cui l'amministratore sia coperto da una polizza di assicurazione per la responsabilità civile

professionale generale per l'intera attività da lui svolta, tale polizza deve essere integrata con una

dichiarazione dell'impresa di assicurazione che garantisca le condizioni previste dal periodo

precedente per lo specifico condominio

L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare

analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per

l'attività svolta.

molti condomini si fidano troppo .... !

  • Mi piace 1

Grazie Mario. Secondo te quindi come devono comportarsi???? Non ti sembra assurdo che richieda un costo del genere per un contratto (che ripeto in genere fa il D.L.)???

L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare

analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per

l'attività svolta.

Non approvino nulla... dimettano con procedure di legge l'amministratore , ne eleggano uno evitando la superficialità ......................

Mario questo lo so. La questione è: ormai l'errore lo hanno fatto e secondo me minacciarlo di non pagargli nemmeno un euro non so fino a che punto gli convenga perchè hanno questi lavori in ballo. Quindi, stringendo proprio ai minimi termini, tu cosa faresti????

Io gli ho consigliato di fargli capire che comunque le sue richieste sono illegittime ma che essendo stato fatto un errore da parte del condominio e una furbata da parte sua.....di trovare un accordo bonario, ed ovviamente stipulare immediatamente un contratto regolare con l'amministratore. Non so se sia un consiglio troppo bonario......tutto qui.

×