Vai al contenuto
spray

Ritenute acconto

Ancora sulla gestione delle ritenute d'acconto condominiali da versare cumulativamente. Entro il 30 giugno andranno versate le ritenute cumulate per codice che non superano l'importo di € 500.00. L'ade si riferisce al periodo dicembre-maggio. Domanda: si intendono tutte le ritenute operate nel mese di dicembre? Nel modello F24 le ritenute del mese dicembre 2017 vanno tenute separate rispetto il periodo gennaio-maggio e che mese di riferimento mettere per entrambi?  Inoltre se si volessero inserire anche le ritenute operate nel mese di giugno? Inoltre chiedo come procedere  per le ritenute d'acconto cumulate ma non versate alle scadenze del 30 giugno e del 20 dicembre. Grazie per le risposte

Parto dall'ultimo quesito. Se non hai ottemperato a quanto previsto dall'AdE devi fare il ravvedimento operoso ovvero pagare una sanzione per il ritardo. L'ammontare della sanzione aumenta a seconda dei giorni di ritardo. Il codice sanzione per omesso versamento come sostituto d'imposta mi sembra sia 8906.

Per quanto riguarda il primo quesito occorre precisare che la possibilità di versare le ritenute cumulative riguarda SOLAMENTE quelle al 4% e che riguardano servizi o contratti di appalto (cod. 1019 o 1020) ma NON quelle dei professionisti (anche l'amministratore) che vanno pagate alle scadenze tradizionali.

Il periodo dicembre-maggio (e quindi giugno-novembre) fa riferimento al momento in cui è stato corrisposto l'emolumento per le prestazioni, che corrisponde ad un versamento della r.a. entro il 16 del mese successivo (guardacaso gennaio/giugno). Quindi non serve separarle.

Le scadenze sono 30 giugno e 20 dicembre

Modificato da bilbetto

In caso di pagamenti singoli codice 1019 relativi a pagamenti mese 8.2017 in "ritardo" a novembre andava fatto il ravvedimento operoso oppure con il nuovo sistema essendo dentro al 20.12 è ok? 

spray dice:

Ancora sulla gestione delle ritenute d'acconto condominiali da versare cumulativamente. Entro il 30 giugno andranno versate le ritenute cumulate per codice che non superano l'importo di € 500.00. L'ade si riferisce al periodo dicembre-maggio. Domanda: si intendono tutte le ritenute operate nel mese di dicembre? Nel modello F24 le ritenute del mese dicembre 2017 vanno tenute separate rispetto il periodo gennaio-maggio e che mese di riferimento mettere per entrambi?  Inoltre se si volessero inserire anche le ritenute operate nel mese di giugno? Inoltre chiedo come procedere  per le ritenute d'acconto cumulate ma non versate alle scadenze del 30 giugno e del 20 dicembre. Grazie per le risposte

Mi accodo a quanto ti è già stato detto da chi mi ha preceduta, cerco solo di semplificare:

1) relativamente al periodo dicembre/maggio, si intendono le ritenute su fatture emesse in quel periodo, ma pagate da gennaio a giugno (come dice Bilbetto)

2) nel modello F24 cumulativo si specificano i periodi: le ritenute delle fatture pagate a gennaio sono da indicare con periodo di riferimento 01 - 2018 codice 1029 o 1020, quelle delle fatture pagate a febbraio con periodo 02 - 2018 e così via

3) volendo puoi anche inserire le ritenute delle fatture pagate a giugno, anticipi un adempimento, l'erario ringrazia

4) come già detto da chi mi ha preceduta per le ritenute non pagate c'è da calcolare il ravvedimento operoso: se non hai un software che te lo calcola qui puoi trovare uno dei tanti calcolatori presenti in internet : http://www.studioripa.it/in-evidenza/ravvedimento-operoso-2018-foglio-excel-di-calcolo/

personalmente detesto questa possibilità di pagare cumulativamente, anche se molti la preferiscono: mi sembra molto piu' semplice adottare il sistema del 16 del mese successivo, ma ognuno ha i suoi gusti.

Spero sia tutto chiaro

davidino1978 dice:

In caso di pagamenti singoli codice 1019 relativi a pagamenti mese 8.2017 in "ritardo" a novembre andava fatto il ravvedimento operoso oppure con il nuovo sistema essendo dentro al 20.12 è ok? 

Se hai pagato agosto 2017 entro il 20 dicembre 2017 sei a posto, niente ravvedimento.

Danielabi dice:

Se hai pagato agosto 2017 entro il 20 dicembre 2017 sei a posto, niente ravvedimento.

Va bene quindi compilare l'F24 come avrei fatto normalmente con le singole ritenute 1019 e indicato il periodo del pagamento 8.2017....grazie, pensa che ho messo in difficoltà un'amica commercialista, molto brava fra l'altro...

davidino1978 dice:

Va bene quindi compilare l'F24 come avrei fatto normalmente con le singole ritenute 1019 e indicato il periodo del pagamento 8.2017....grazie, pensa che ho messo in difficoltà un'amica commercialista, molto brava fra l'altro...

in effetti questa doppia possibilità è un assurdo, ma........direi anche che gli assurdi sono normali.

Grazie per le risposte. Forse non ho capito o forse non mi sono spiegata. Se nel mese di dicembre 2017 ho pagato fatture con ritenute d'acconto codice 1019 e codice 1020, così a seguire nei mesi successivi sino a maggio 2018 senza superare la soglia dei 500 euro, entro il 30 giugno verserò l'importo cumulato suddiviso per codice, ma tenendo separato l'anno di riferimento 2017 e 2018 oppure no? Poi se si decide di cumulare a mio avviso non ha senso segnalare nel modello F24 ogni singolo periodo in cui si è trattenuta la ritenuta d'acconto. Però a questo punto che periodo indicare nel modello F24 maggio 2018? E se si volessero inserire anche le ritenute di giugno? Per quanto riguarda il ravvedimento, scegliendo la formula del versamento cumulativo, si opera considerando le scadenze 30 giugno e 20 dicembre? Non ho trovato nessuna informazione in merito. Un saluto a tutti

spray dice:

Grazie per le risposte. Forse non ho capito o forse non mi sono spiegata. Se nel mese di dicembre 2017 ho pagato fatture con ritenute d'acconto codice 1019 e codice 1020, così a seguire nei mesi successivi sino a maggio 2018 senza superare la soglia dei 500 euro, entro il 30 giugno verserò l'importo cumulato suddiviso per codice, ma tenendo separato l'anno di riferimento 2017 e 2018 oppure no? Poi se si decide di cumulare a mio avviso non ha senso segnalare nel modello F24 ogni singolo periodo in cui si è trattenuta la ritenuta d'acconto. Però a questo punto che periodo indicare nel modello F24 maggio 2018? E se si volessero inserire anche le ritenute di giugno? Per quanto riguarda il ravvedimento, scegliendo la formula del versamento cumulativo, si opera considerando le scadenze 30 giugno e 20 dicembre? Non ho trovato nessuna informazione in merito. Un saluto a tutti

Spray non è un "parere" quello di suddividere i periodi, sono le istruzioni dell' Agenzia delle Entrate, che da' facoltà di pagare cumulativamente ma ha necessità di conoscere i periodi. Del resto tu stessa ti chiedi quale periodo indicare.......

Le ritenute relative alle fatture pagate nel 2017 hanno come periodo di riferimento 12 - 2017

Le ritenute relative alle fatture paate a giugno 2018 hanno come periodo di riferimento 06 - 2018

Il ravvedimento si calcola partendo dalla scadenza non rispettata, quindi 20 dicembre o 30 giugno

Grazie per la risposta. Il dubbio comunque rimane in quanto le disposizioni dell'ade sia sul periodo da inserire sul modello F24 sia sul calcolo delle sanzioni partendo dalla scadenza non rispettata, io non le ho trovate. Purtroppo l'incertezza non agevola il lavoro

Salve, io continuo con il sistema tradizionale ovvero pago la fattura unitamente alla ritenuta. Così non ho problemi da anni e non devo ricordare nulla.

Buon lavoro a tutti.

Gianni

Sì certo sarebbe la soluzione migliore. Ma in caso contrario? Qualcuno ha qualche idea?

spray dice:

Sì certo sarebbe la soluzione migliore. Ma in caso contrario? Qualcuno ha qualche idea?

be', per carità non pretendo di essere "qualcuno", pero' le idee mi sembra di avertele date, se non ti convincono la cosa migliore è chiamare AdE, il call center risponde al numero 848.800.444

I pareri e le idee delle persone che partecipano al forum sono sempre ben accette da parte mia. Sto solo cercando di capire un pò meglio. Tra l'altro ieri cercando su condominioweb, ho trovato un articolo scritto dall'Avv. Tarantino in data 29.06.17 proprio in merito al discorso delle ritenute da versare cumulativamente. Buona giornata a tutti.

  • Mi piace 1
spray dice:

Ancora sulla gestione delle ritenute d'acconto condominiali da versare cumulativamente. Entro il 30 giugno andranno versate le ritenute cumulate per codice che non superano l'importo di € 500.00. L'ade si riferisce al periodo dicembre-maggio. Domanda: si intendono tutte le ritenute operate nel mese di dicembre? Nel modello F24 le ritenute del mese dicembre 2017 vanno tenute separate rispetto il periodo gennaio-maggio e che mese di riferimento mettere per entrambi?  Inoltre se si volessero inserire anche le ritenute operate nel mese di giugno? Inoltre chiedo come procedere  per le ritenute d'acconto cumulate ma non versate alle scadenze del 30 giugno e del 20 dicembre. Grazie per le risposte

In merito al periodo di riferimento da inserire nel mod. F24 per il versamento delle ritenute cumulative alle scadenze del 30 giugno e del 20 dicembre, vi faccio un esempio pratico, propostomi stamane da un amico amministratore il quale ha un condominio con 3 ascensori, manutenuti dalla stessa ditta che, per comodità di versamenti dei condomini, emette fatture trimestrali sfalsate, es. a gen - ascensore A; a feb - ascensore B; a mar - ascensore C; e così via. In questo modo il condominio ha un RID (o SDD come si chiama adesso) mensile con la ditta.  Il 30/06 l’amministratore dovrebbe compilare 6 righi con periodi di riferimento 0012; 0001; 0002; 0003; 0004 e 0005 solo per il cod. 1020 più altri righi per il 1019, per cui non si capisce il senso della novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2017, art. 1, comma 43 che doveva essere quello di semplificare e ridurre il numero degli adempimenti a carico del Condominio e conseguente anche i relativi costi di gestione. Per cui, questo amministratore compila un unico rigo con periodo 0006 (e 0012) per il versamento cumulativo delle ritenute, anche perché, se il 30/06 dimentica il versamento e lo fa il 30/08 il ravvedimento da quando dovrebbe partire? Dal 16 del mese successivo al pagamento delle fatture o dal 30/06?

Muskjo 2 dice:

In merito al periodo di riferimento da inserire nel mod. F24 per il versamento delle ritenute cumulative alle scadenze del 30 giugno e del 20 dicembre, vi faccio un esempio pratico, propostomi stamane da un amico amministratore il quale ha un condominio con 3 ascensori, manutenuti dalla stessa ditta che, per comodità di versamenti dei condomini, emette fatture trimestrali sfalsate, es. a gen - ascensore A; a feb - ascensore B; a mar - ascensore C; e così via. In questo modo il condominio ha un RID (o SDD come si chiama adesso) mensile con la ditta.  Il 30/06 l’amministratore dovrebbe compilare 6 righi con periodi di riferimento 0012; 0001; 0002; 0003; 0004 e 0005 solo per il cod. 1020 più altri righi per il 1019, per cui non si capisce il senso della novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2017, art. 1, comma 43 che doveva essere quello di semplificare e ridurre il numero degli adempimenti a carico del Condominio e conseguente anche i relativi costi di gestione. Per cui, questo amministratore compila un unico rigo con periodo 0006 (e 0012) per il versamento cumulativo delle ritenute, anche perché, se il 30/06 dimentica il versamento e lo fa il 30/08 il ravvedimento da quando dovrebbe partire? Dal 16 del mese successivo al pagamento delle fatture o dal 30/06?

Vedi Muskjo dovremmo fare un paio di considerazioni:

1° stai tranquillo che se chiedi a 10 uffici diversi di AdE riceverai almeno 5/6 pareri discordanti

2° non ci sono riferimenti precisi di AdE al riguardo, ci sono diversi pareri piu' o meno autorevoli, non tutti concordanti. Ti posto un esempio riportato da Anaci:

immagine.thumb.png.c939406f2f998589b153e6c05dce8a04.png

 

so che ce ne sono altri che danno le indicazioni da te riportate, pare che AdE le accetti tutte.....quindi, per logica conclusione, sono entrambe corrette. Personalmente non adotto questo sistema, proprio perchè lascia spazio a troppe interpretazioni.

3° rispetto alle semplificazioni stenderi un velo pietosissimo, non so quanto tu abbia dimestichezza con il fisco, ma è da quando sono nata che sento i ministri/funzionari di turno che si impegnano alla semplificazione e il risultato è un aumento folle di adempimenti peraltro in parte, a mio parere, inutili e anche poco intelligenti (non mi riferisco solo ai condomìni la cui fiscalità è piuttosto ristretta)

4° a voler essere pignoli indicare come periodo di riferimento giugno non è corretto in base all'indicazione che il periodo dovrebbe essere quello relativo al momento in cui è sorto il debito (pagamento della fattura), ma considerando che è stata data facoltà ai condomìni di pagare in altro modo rispetto al "solito" e non avendo specificato quale deve essere il periodo da indicare, ritorniamo punto e a capo (peraltro nella risoluzione che istituiva i codici 1019 e 1020 si indica come d'obbligo solo all'anno...sempre a favore della semplificazione)

5° per il calcolo del ravvedimento direi che vale una sorta di comportamento concludente: se paghi entro il 30 giugno o il 20 dicembre calcolerai il ravvedimento da quel momento, eccezione alla regola.

In sostanza, sino a che il "sistema" di AdE non inizia a sfornare avvisi bonari, va tutto bene. Ripeto, personalmente questo sistema "semplificato" non mi piace e non lo adotto, anche se questo non significa nulla....(lo so)

  • Mi piace 1
Danielabi dice:

Vedi Muskjo dovremmo fare un paio di considerazioni:

1° stai tranquillo che se chiedi a 10 uffici diversi di AdE riceverai almeno 5/6 pareri discordanti

2° non ci sono riferimenti precisi di AdE al riguardo, ci sono diversi pareri piu' o meno autorevoli, non tutti concordanti. Ti posto un esempio riportato da Anaci:

immagine.thumb.png.c939406f2f998589b153e6c05dce8a04.png

 

so che ce ne sono altri che danno le indicazioni da te riportate, pare che AdE le accetti tutte.....quindi, per logica conclusione, sono entrambe corrette. Personalmente non adotto questo sistema, proprio perchè lascia spazio a troppe interpretazioni.

3° rispetto alle semplificazioni stenderi un velo pietosissimo, non so quanto tu abbia dimestichezza con il fisco, ma è da quando sono nata che sento i ministri/funzionari di turno che si impegnano alla semplificazione e il risultato è un aumento folle di adempimenti peraltro in parte, a mio parere, inutili e anche poco intelligenti (non mi riferisco solo ai condomìni la cui fiscalità è piuttosto ristretta)

4° a voler essere pignoli indicare come periodo di riferimento giugno non è corretto in base all'indicazione che il periodo dovrebbe essere quello relativo al momento in cui è sorto il debito (pagamento della fattura), ma considerando che è stata data facoltà ai condomìni di pagare in altro modo rispetto al "solito" e non avendo specificato quale deve essere il periodo da indicare, ritorniamo punto e a capo (peraltro nella risoluzione che istituiva i codici 1019 e 1020 si indica come d'obbligo solo all'anno...sempre a favore della semplificazione)

5° per il calcolo del ravvedimento direi che vale una sorta di comportamento concludente: se paghi entro il 30 giugno o il 20 dicembre calcolerai il ravvedimento da quel momento, eccezione alla regola.

In sostanza, sino a che il "sistema" di AdE non inizia a sfornare avvisi bonari, va tutto bene. Ripeto, personalmente questo sistema "semplificato" non mi piace e non lo adotto, anche se questo non significa nulla....(lo so)

Grazie per la tua cortese risposta molto esaustiva.

Muskjo 2 dice:

Grazie per la tua cortese risposta molto esaustiva.

grazie a te!

×