Vai al contenuto
Umberto Miceli

Rate pagate ma rendiconto errato

Salve.

L'amministratore del mio condominio ha diffuso un rendiconto da cui risulto debitore per circa 600 euro per il mancato pagamento di alcune rate condominiali. In verità le rate sono state pagate, ma tramite bonifici bancari, che sono stati regolarmente acquisiti e notificati; l'amministratore ha dimenticato di consegnarmi le ricevute, e ha basato la redazione del rendiconto sulle ricevute rimastegli, anziché sull'estratto conto del condominio.

Ho pertanto inviato all'amministratore un resoconto con gli estremi dei bonifici in uscita tramite lettera raccomandata, che però non è stata ritirata ed è tornata al mittente - cioè a me.

Ora io temo un decreto ingiuntivo ai miei danni, e vorrei consigli per sapere come tutelarmi. Vorrei anche sapere se ci sono dei precedenti per una querela; potrebbero esserci gli estremi, visto che sono stato additato come moroso - pur non essendolo - e che molti condòmini mi hanno tolto il saluto.

Grazie.

Se hai fatto i versamenti non devi temere nulla. richiedi comunque all'amministratore una copia dell'estratto conto condominiale nel periodo che hai fatto i bonifici così potrai verificare la contabilizzazione degli accrediti riferiti ai tuoi pagamenti.

Nell'impossibilità di comunicare con l'amministratore sia in via informale ("non ho tempo"), sia tramite raccomandata, ho verificato presso la filiale della banca l'acquisizione e la notifica dei bonifici effettuati; temo non basti...

perché non puoi comunicare tramite raccomandata?

Chiami l'amministratore e ti fai dare la PEC. Così risparmi pure i soldi della raccomandata.

Non ci credo che uno studio amministrativo non riceva le raccomandate: non è che hai sbagliato indirizzo?

In alternativa ti presenti con le ricevute dei bonifici effettuati nello studio dell'amministratore e gliene dai copia.

Spesso condomini in questa sede lamentano il mancato accredito di somme a mezzo bonifico. Mi chiedo ma che professionalità dimostra questo signore? ma perchè non va a fare un altro lavoro? tante campagne abbandonate a causa di mancanza di braccia? Al Sig. Umberto Miceli consiglio sempre di proseguire con i versamento a mezzo bonifico perchè a distanza di tempo sempre si può risalire alla transazione. Ha fatto la raccomandata per evidenziare l'errore dell'amministratore (i soldi sono arrivati nel conto corrente ma forse per provvidenza)? la raccomandata è tornata indietro perchè sicuramente non ritirata?. Nulla da temere dal punto di vista legale è notificata. Adesso aspetti che l'amministratore faccia le sue mosse e poi il via per dargli una bella lezione!! (attraverso le vie giudiziaria con spese a suo carico).

Salve.

L'amministratore del mio condominio ha diffuso un rendiconto da cui risulto debitore per circa 600 euro.

Io resto sempre sorpreso da queste situazioni. Come diavolo ha fatto a far quadrare i flussi di cassa col conto corrente condominale? Non è un amministratore che redige il rendiconto con lo stato patrimoniale del condominio. Tutta la contabilità è da verificare.

L'indirizzo è corretto; non è esattamente uno studio, ma l'abitazione privata dell'amministratore che esercita per amicizia e per rapporto di parentela con un condomino - ovviamente dietro regolare compenso. E' abituato alla ricezione personale delle quote, e alla consegna della ricevuta compilata a mano, quando si presenta periodicamente nei locali condominiali.

L'indirizzo è corretto; non è esattamente uno studio, ma l'abitazione privata dell'amministratore che esercita per amicizia e per rapporto di parentela con un condomino - ovviamente dietro regolare compenso. E' abituato alla ricezione personale delle quote, e alla consegna della ricevuta compilata a mano, quando si presenta periodicamente nei locali condominiali.

Gli dai un colpo di telefono spieghi l'errore invii mezzo mail/fax/posta ordinaria la documentazione oppure ti presenti da lui che magari si scusa per l'errore e ti offre un caffè.......poi in assemblea rettificate l'errore........se ti arriva un ricorso di decreto ingiuntivo semplicemente fai opposizione.......errare è umano solo chi non lavora non sbaglia.........

... E' abituato alla ricezione personale delle quote, e alla consegna della ricevuta compilata a mano, quando si presenta periodicamente nei locali condominiali...

Se è abituato ad incassare personalmente le quote per contanti, chissà che non sia abituato anche a pagare i fornitori per contanti con il denaro incassato dai condòmini, non ottemperando all'obbligo di far transitare tutto il denaro dal c/c.

Io chiederei anche una copia dell'estratto c/c bancario ed una copia del registro di contabilità con entrate ed uscite riportate in ordine cronologico.

Purtroppo, nell'eventualità che manchi il dialogo e questo rendiconto venga approvato, non si eviterà un spreco di tempo e denaro per far valere i propri diritti, cominciando dall'impugnare il rendiconto con mediazione obbligatoria.

.... oppure ti presenti da lui che magari si scusa per l'errore e ti offre un caffè.......poi in assemblea rettificate l'errore... errare è umano solo chi non lavora non sbaglia.........

Un errore non da poco: compilare un rendiconto senza leggere l'estratto conto. Dopo avermi "svergognato" con tutti i condomini, il caffè mi sembra una soluzione a buon mercato.

Se è abituato ad incassare personalmente le quote per contanti, chissà che non sia abituato anche a pagare i fornitori per contanti con il denaro incassato dai condòmini, non ottemperando all'obbligo di far transitare tutto il denaro dal c/c.

Io chiederei anche una copia dell'estratto c/c bancario ed una copia del registro di contabilità con entrate ed uscite riportate in ordine cronologico.

Purtroppo, nell'eventualità che manchi il dialogo e questo rendiconto venga approvato, non si eviterà un spreco di tempo e denaro per far valere i propri diritti, cominciando dall'impugnare il rendiconto con mediazione obbligatoria.

Grazie mille; spero di non dover arrivare a tanto, ma seguirò il Suo consiglio.

Gli dai un colpo di telefono spieghi l'errore invii mezzo mail/fax/posta ordinaria la documentazione oppure ti presenti da lui che magari si scusa per l'errore e ti offre un caffè.......poi in assemblea rettificate l'errore........se ti arriva un ricorso di decreto ingiuntivo semplicemente fai opposizione.......errare è umano solo chi non lavora non sbaglia.........

L'errore umano potrebbe essere quello di dimenticare una registrazione ma se ha "dimenticato" di registrare un pagamento portando €. 600,00 tra le ATTIVITA' del condominio (crediti da condòmino), per pareggiare lo stato patrimoniale dovrebbe portare €. 600,00 in meno tra le altre risorse attive (c/c e cassa).

Come ha quadrato lo stato patrimoniale? Sicuramente dichiarando una liquidità minore a quella reale senza aver controllato.

Errore MOLTO GRAVE se almeno prima di presentare un rendiconto non si controlla e ricontrolla che il totale della disponibilità contabile corrisponda al totale della disponibilità fisica.

Ma non parliamo di errore unamo...... questo è un emerito incompetente di contabilità, è un arraffone, rivolgiti ad un avvacota e chiedi la revisione contabile di tutto, sia della presente gestione che dei precedenti.

Nell'impossibilità di comunicare con l'amministratore sia in via informale ("non ho tempo"), sia tramite raccomandata, ho verificato presso la filiale della banca l'acquisizione e la notifica dei bonifici effettuati; temo non basti...

... il conto corrente su cui hai versato le tue quote condominiali tramite bonifico è il conto corrente del condominio intestato al condominio vero ?

mica il suo personale .....

... lasciagli copia dei tuoi bonifici "eseguiti" nella cassetta postale e chiedi tramite raccomandata (magari glielo anticipi con una nota quando gli dai gli eseguiti) di far mettere all'odg della prossima assemblea la "rettifica del bilancio consuntivo dell'anno xxxx e del rendiconto entrate/uscite e dello stato patrimoniale".

poi lascialo fare... ti opponi, chiedi le sue dimissioni, vai facile.

×