Vai al contenuto
Barbara Battiata

Posso votare contro l'abbattimento dell'albero del condominio per riuscire a salvarlo?

Buongiorno!

Vi scrivo di nuovo per chiedervi se potete aiutarmi a conoscere le leggi che possono tutelare un enorme Pino Silvestre che risiede all'interno di un condominio, un albero sano e maestoso di particolare bellezza che però purtroppo rischia di essere abbattuto al più presto per volontà della maggioranza dei condomini in quanto le radici stanno compromettendo la stabilità di un muretto del palazzo. Tale muretto, se dovesse cadere, potrebbe causare danni ai condomini che transitano sotto il muretto. L'albero che ha 40 di vita ed è alto 5 piani del palazzo, è un bene prezioso per tutta la collettività oltre che un bene che conferisce prestigio al palazzo. Come tutelarlo e allo stesso tempo garantire l'incolumità del condomini? Quali leggi di riferimento? L'albero può essere abbattuto con la maggioranza del consenso dei condomini oppure basta che un solo condomino voti contrario per salvarlo?

Un agronomo ha dichiarato che con una adeguata potatura e probabilmente con un intervento alle radici, il pino potrebbe essere salvato. Allo stesso tempo l'ingegnere strutturista ha proposto di rifare il muretto ma più solido alle spinte delle radici, in cemento armato.

Sono certa che alla riunione condominiale la maggioranza dei condomini voterà per spendere il meno possibile e a discapito dell'albero. Voteranno per l'abbattimento e per ripristinare il muretto in blocchetti (quello meno costoso). Insomma, prevarrà il criterio del minor costo. E'possibile che nelle metropoli la tecnologia permette di avere i giardini verticali o addirittura dentro casa senza che ciò comporti rischi a persone e cose e in questo caso non si possa salvaguardare l'albero?

Vi chiedo gentilmente un aiuto e idee in merito!

Se io fossi l'unico condomino a votare contro l'abbattimento del pino, posso salvarlo?

Vi ringrazio fin da subito per quello che potrete fare! 

Cordiali saluti, Barbara Battiata.

bc2755d1-e2ae-47dc-bc78-b1e2e78e0653.jpe

0939f727-e002-429c-9ec7-0779aecae51f.jpe

e2187261-8769-48f4-8047-0b75e59c1366.jpe

Barbara Battiata dice:

Buongiorno!

Vi scrivo di nuovo per chiedervi se potete aiutarmi a conoscere le leggi che possono tutelare un enorme Pino Silvestre che risiede all'interno di un condominio, un albero sano e maestoso di particolare bellezza che però purtroppo rischia di essere abbattuto al più presto per volontà della maggioranza dei condomini in quanto le radici stanno compromettendo la stabilità di un muretto del palazzo. Tale muretto, se dovesse cadere, potrebbe causare danni ai condomini che transitano sotto il muretto. L'albero che ha 40 di vita ed è alto 5 piani del palazzo, è un bene prezioso per tutta la collettività oltre che un bene che conferisce prestigio al palazzo. Come tutelarlo e allo stesso tempo garantire l'incolumità del condomini? Quali leggi di riferimento? L'albero può essere abbattuto con la maggioranza del consenso dei condomini oppure basta che un solo condomino voti contrario per salvarlo?

Un agronomo ha dichiarato che con una adeguata potatura e probabilmente con un intervento alle radici, il pino potrebbe essere salvato. Allo stesso tempo l'ingegnere strutturista ha proposto di rifare il muretto ma più solido alle spinte delle radici, in cemento armato.

Sono certa che alla riunione condominiale la maggioranza dei condomini voterà per spendere il meno possibile e a discapito dell'albero. Voteranno per l'abbattimento e per ripristinare il muretto in blocchetti (quello meno costoso). Insomma, prevarrà il criterio del minor costo. E'possibile che nelle metropoli la tecnologia permette di avere i giardini verticali o addirittura dentro casa senza che ciò comporti rischi a persone e cose e in questo caso non si possa salvaguardare l'albero?

Vi chiedo gentilmente un aiuto e idee in merito!

Se io fossi l'unico condomino a votare contro l'abbattimento del pino, posso salvarlo?

Vi ringrazio fin da subito per quello che potrete fare! 

Cordiali saluti, Barbara Battiata.

bc2755d1-e2ae-47dc-bc78-b1e2e78e0653.jpe

0939f727-e002-429c-9ec7-0779aecae51f.jpe

e2187261-8769-48f4-8047-0b75e59c1366.jpe

Se c'è una perizia di un agronomo il quale afferma al non pericolosità dell'albero questo non si può abbattere a maggioranza dei condomini; 

 

 

Modificato da Tullio01
  • Mi piace 2

Intanto prima di abbatterlo bisogna avere il benestare dall'ufficio del verde del tuo comune,  comunque non è sufficiente la maggioranza per decidere, visto che la proprietà dell'albero è di tutti i condomini,  a meno che non si dimostri che l'albero sta provocando dei gravi danni, ma questo accertamento spetta, come detto, al Comune.  Quindi, in conclusione, se non viene dimostrata la pericolosità,  per abbatterlo occorra il consenso di tutti, anche il tuo.

Modificato da JOSEFAT
  • Mi piace 1
Barbara Battiata dice:

Vi scrivo di nuovo per chiedervi se potete aiutarmi a conoscere le leggi che possono tutelare un enorme Pino Silvestre che risiede all'interno di un condominio,

Come mai hai aperto una nuova discussione?  Era preferibile continuare nell'altra. Già sono stati emessi dei giudizi da parte delle persone tecniche ( se l'ha affermato una guardia forestale...) e perciò non è che devi fare una battaglia contro il mondo per salvare il pino diventato per vostra colpa pericioloso perchè dovevate potarlo e tenerlo sotto controllo e  soprattutto non piatarlo li che manda in malora il muretto necessario ai vostri garage se ho capito bene. Le battaglie bisogna farle avendo una base quasi sicura di vittoria, ma se è peredente in partenza te lo dice un biologo che ama animali e piante : ma a tutto c'è un limite.  Rileggi quello che ti ho scritto nell'altra discussione.

Certamente sei libera di votare come credi meglio.

Modificato da Dino40
  • Mi piace 1
Barbara Battiata dice:

E'possibile che nelle metropoli la tecnologia permette di avere i giardini verticali o addirittura dentro casa senza che ciò comporti rischi a persone e cose e in questo caso non si possa salvaguardare l'albero?

Già nell'alytra discussione ti riportato il parere di un esperto agronomo (ambientalista!!!) e giardiniere che sconsigliavano di piantare pini nei corili condominiali. Non è sufficiente? Fate fare le perizie e decidete.

JOSEFAT dice:

a meno che non si dimostri che l'albero sta provocando dei gravi danni

Già si sono proununciati forestale, ingegnere  e agronomo: devi trovare solo quello che la pensa come te cara Barbara.

Modificato da Dino40
Dino40 dice:

Già nell'alytra discussione ti riportato il parere di un esperto agronomo (ambientalista!!!) e giardiniere che sconsigliavano di piantare pini nei corili condominiali. Non è sufficiente? Fate fare le perizie e decidete.

a parte le perizie da parte di agronomi privati, quello che  conta  è il benestare dell'ufficio del verde del comune, che farà fare una perizia da un suo agronomo, questo perché il Pino è un albero protetto e non può essere abbattuto d'iniziativa di nessuno.

Nel caso specifico, sicuramente il comune dirà di potarlo e rifare il muretto, naturalmente a spese del condominio.

dal mio post del  21 Settembre, 2015 (CDW)

 

"L'abbattimento di alberi condominiali, comportando la distruzione di un bene comune, deve considerarsi innovazione vietata ai sensi dell'art. 1120, 2º c. cod. civ. e che, in quanto tale, richiede l'unanime consenso di tutti i partecipanti al condominio. La delibera a sola maggioranza che prevede lo sradicamento degli alberi condominiali é nulla e impugnabile in ogni tempo."

(Corte di Appello di Roma, sent. n. 478/2008)

“Per deliberare lo sradicamento degli alberi condominiali occorre l’unanimità dei partecipanti poiché i danni conseguenti al taglio degli alberi di alto fusto sono irreversibili."

(Cass. Pen. n. 24396/2005)

Occorre anche precisare che è necessario, se previsto dal Regolamento Comunale, ottenere il premesso d'abbattimento

 

http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n679-contro-tutto-il-condominio-ferma-l-abbattimento-di-un-albero--cosa-dice-la-legge

  • Mi piace 2

A me fa rabbia il comportamento dei condomini: dove sono stati in tutti questi anni compresa  Barbara Battiata? Lo hanno trascurato, non l'hanno potato, hanno fatto il muretto di mattoni , hanno piantato il pino a pochi metri dal muretto e adesso piange e dibatte? Non abbattetelo!!! Ci vuole coerenza nelle cose.

  • Mi piace 1
Dino40 dice:

A me fa rabbia il comportamento dei condomini: dove sono stati in tutti questi anni compresa  Barbara Battiata? L

parole sante.

da me in condominio è successa la stessa cosa.

se ne sono accorti  dal 1962 dopo 56 anni. abbattuto nel 2018.

due agronomi due perizie opposte.

mah..

era un cedro del libano,che faceva comunque danni enormi ai box sottostanti e al condominio vicino.

tra l'altro piantato senza nessuna autorizzazione in un giardino privato senza che nessuno in 56 anni si fosse fatto  alcun problema.

nei condomini è così: il primo problema è l'indifferenza,va tutto bene se non ti tocca la tasca.

il sceondo è l'eccessivo delegare gli altri su ogni decisione; a tutti piace avere qualcuno che decida per te.

comunque:

a) se non c'è alcuna malattia dell'albero si considera di facciata e ci vuole l'unanimità.

b) se invece andrebbe capitozzato va capitozzato e bastano con 500 mill.

m aattenti a non fare danni a terzi,altrimenti l'ecologia lascia il posto a un forte risarcimento danni.

ciao.

 

 

Modificato da enrico dimitri
  • Mi piace 1
Dino40 dice:

Già nell'alytra discussione ti riportato il parere di un esperto agronomo (ambientalista!!!) e giardiniere che sconsigliavano di piantare pini nei corili condominiali. Non è sufficiente?

Dino, i pareri degli esperti agronomi che sconsigliano di piantare pini nei cortili condominiali non significa che questo od altri già a dimora, debbano essere automaticamente abbattuti. Al contrario esiste una procedura da seguire per circostanze come questa, ed è già stata illustrata da chi mi ha preceduta. 🙂

 

Dino40 dice:

Lo hanno trascurato

Chi ti dice che sia stato trascurato?

Esmeralda dice:

Chi ti dice che sia stato trascurato?

Hai letto l'altezza che ha raggiunto? Hai visto la foto? E' la foto di un pino curato? A me non sembra, ma posso sempre sbaglaire.

Esmeralda dice:

Dino, i pareri degli esperti agronomi che sconsigliano di piantare pini nei cortili condominiali non significa che questo od altri già a dimora, debbano essere automaticamente abbattuti.

Certamente i pareri sono pareri, ma il fatto è che il muretto è in pericolo.

ciao

la perizia dell'agronomo deve certificare che la pianta è morta per una decisione a maggioranza, in tutti gli altri casi ci vuole l'unanimità.   Quindi anche se uno dei condomini si oppone all'abbattimento, a prescindere dai regolamenti comunali, questo non può essere abbattuto e si potrà allora deliberare a maggioranza per una energica potatura o opere di contenimento.    Dura lex sed lex.    

  • Mi piace 3
Dino40 dice:

Hai letto l'altezza che ha raggiunto? Hai visto la foto?

Dino più lo leggo e più lo trovo attento.

complimenti.

  • Grazie 1
Dino40 dice:

Hai letto l'altezza che ha raggiunto? Hai visto la foto? E' la foto di un pino curato? A me non sembra, ma posso sempre sbaglaire. 

Caro Dino, non si abbatte un albero quarantennale di quella maestosità solo in funzione della manutenzione a cui è stato soggetto. Nel caso si può provvedere al momento attuale, smussando gli eventuali fastidi che può aver cominciato a procurare. La tua ipotesi è l'extrema ratio e solo in caso di grave pericolo o necessità contingente, quale certamente non è un muretto in parte ammalorato.

  • Mi piace 2

Se parla di condominio o di leggi alzo le mani perché ne so veramente poco, ma se mi parli di Botanica o di biologia in genere penso che qualcosa so, sempre poco, ma qualcosa so soprattutto sull'apparato radicale dei pini piantati eccessivamente vicino a strutture murarie. Quando uno decide di mettere a dimora una pianta deve sapere tutto quello che deve fare negli anni. Non si può piantare e buona notte come hanno fatto. Ora si strilla. 

Modificato da Dino40
Dino40 dice:

Se parla di condominio o di leggi alzo le mani perché ne so veramente poco, ma mi parli di Botanica o di biologia in genere penso che qualcosa so, sempre poco, ma qualcosa so soprattutto sull'apparato radicale dei piani piantati eccessivamente vicino a strutture murarie. Quando uno decide di mettere a dimora una pianta deve sapere tutto quello che deve fare negli anni. Non si può piantare e buona notte come hanno fatto. Ora si strilla. 

purtroppo non si può condannare, oggi, quello che è successo 40 anni fa, allo stato attuale bisogna solo prendere una decisione circa l'abbattimento, previa autorizzazione comunale. Peraltro considera che in questi casi il comune se dovesse autorizzare il taglio, cosa difficile in questo caso, metterebbe come condizione l'obbligo di piantare un'altro albero sempre di alto fusto.

Dino40 dice:

Se parla di condominio o di leggi alzo le mani perché ne so veramente poco, ma se mi parli di Botanica o di biologia in genere penso che qualcosa so, sempre poco, ma qualcosa so soprattutto sull'apparato radicale dei pini piantati eccessivamente vicino a strutture murarie. Quando uno decide di mettere a dimora una pianta deve sapere tutto quello che deve fare negli anni. Non si può piantare e buona notte come hanno fatto. Ora si strilla. 

Non nego che avrebbero potuto ragionare meglio la messa a dimora di un albero dalla crescita potenziale, in altezza e radicale, così importante ma il punto non è questo, quanto piuttosto valutare il da farsi ora per risolvere il problema, tenendo conto delle procedure previste in questi casi che tendono, a mio avviso correttamente, alla salvaguardia piuttosto che all'abbattimento di piante di questa rilevanza.

 

Modificato da Esmeralda

Il discorso sul forum a questo punto è solo perdita di tempo perché è il condominio che dovrà prendere una decisione seguendo il parere sottoscritto di chi vogliono loro e il loro Comune. Io chiudo qui. Resta il fatto che in Italia si strilla e si sbraita quando è  tardi come in tante altre cose.

Modificato da Dino40

Per non ridurre il discorso a perdita di tempo, diamo qualche indicazione "concreta" a Barbara, cioè qualche indicazione giurisprudenziale e normativa.

 

Per la maggioranza richiesta qui trovi le argomentazioni giurisprudenziali: https://www.avvocatopacchiarini.it/blog/abbattimento-degli-alberi-condominiali-quale-maggioranza

 

Purtroppo pare che la Regione Sardegna non abbia deliberato un piano verde comprendente le piante da salvaguardare, a parte l'olivo, così come il Comune di Cagliari ha un piano per il verde molto datato.

Tuttavia esiste la legge n. 10/2013, all'art. 7 prevede la tutela degli alberi monumentali....non proprio il tuo caso, ma vedi se ti puo' essere utile.

Se ti va di leggere un po', qui: lineeguida_finale_25_maggio_17.pdf  

edito dal Ministero dell'Ambiente che contiene i criteri per stabilire un buon piano del verde, non so se ti potrà essere utile in assemblea, ma potrebbe essere di ispirazione per portare avanti eventuali istanze di richiesta di un nuovo regolamento del verde al Comune di Cagliari.

Il parere dell'agronomo c'è, penso che un po' di carte da giocare tu le abbia.

In bocca al lupo.

  • Mi piace 1
Dino40 dice:

Se parla di condominio o di leggi alzo le mani perché ne so veramente poco, ma se mi parli di Botanica o di biologia in genere penso che qualcosa so, sempre poco, ma qualcosa so soprattutto sull'apparato radicale dei pini piantati eccessivamente vicino a strutture murarie. Quando uno decide di mettere a dimora una pianta deve sapere tutto quello che deve fare negli anni. Non si può piantare e buona notte come hanno fatto. Ora si strilla. 

ciao @Dino40

 

Purtroppo negli anni 70 c'è stata la moda di mettere a dimora negli spazi verdi condominiali piante aghiformi, che provviste di un apparato radicale invadente ma anche fragile,  stanno causando una marea di danni.    Nella mia zona piano piano, li stanno sostituendo tutti con spese non modeste.   Parliamo di 1500 € media fresando il tronco.

Di fronte a danni manifesti e con alternative serie, è abbastanza facile arrivare alla soluzione della rimozione e sostituzione.     Naturalmente, se in condominio c'è qualcuno che non approva tale intervento, visto che qualsiasi delibera in tal senso sarebbe nulla, non resta che attendere che anche il più riottoso si convinca.   Qui però non si tratta di pollice verde, ma semplicemente di buon senso.

  • Grazie 1

Al servizio giardini, o pari emanazione del tuo comune va chiesto come funzioni tale pratica. Generalmente se ne occupa l'ufficio tecnico o il dipartimento ambiente, se c'è. Il tuo comune potrebbe avere un regolamento del verde.

Tieni presente, che quasi mai si abbatte e basta, ma quasi sempre si opera la sostituzione. Ovvero, abbatti e pianti un altro albero di una specie autoctona. 

 

Oltretutto, mi pare vi sia spazio per piantarlo decentemente e non malissimo come questo, se il muro già c'era.

 

Quindi, va considerata pure la spesa del nuovo albero.

In base alle norme modificate recentemente, salvo non sia in zona a vincolo, per effettuare la sostituzione, nemmeno hai bisogno di avvisare il comune. Sempre meglio farlo, ma non è un obbligo. Se per la Sardegna, statuto speciale, valgano eventuali norme regionali, non lo so.

 

In ogni caso, fuori dai vincoli non serve alcuna autorizzazione per la sostituzione. Serve invece per l'abbattimento senza sostituzione. 

 

In ogni caso, l'albero pare assai pendente; è probabile che dalla parte del muro non abbia radici e mi pare che l'unico sistema sia modificare il muro, lasciando passare le sue radici sotto. Ovvero, dei robusti pali, con la prima fila di elementi orizzontali staccata da terra. Poi va ridotta la chioma per ridurre di molto il peso.

 

Tieni presente che l'unica prova legalmente valida è lo scuotimento, che costa parecchio.  

  • Grazie 1
camillo50 dice:

 Qui però non si tratta di pollice verde, ma semplicemente di buon senso.

Caro Camillo non dovevi citare la mia frase perchè avevo detto di chiudere perchè non ha senso per me continuare a scrivere in quanto la decisione ultima la devono prendere i condomini di quel condominio valutando i pro e i contro. Non mi sembra, però,  che sia questo l'obiettivo di Barbara che si vuole solo opporre senza valutare i danni effettivi che produce. Certamente ora è tardi andare a veder di chi sia la colpa, ma certo che è singolare che si dica :"... è una pianta maestosa... abbellisce il condominio.." senza valutare i danni e il pericolo reale che causa. Se una persona addetta alla salvaguardia delle piante  come è l'agente della forestale ha sentenziato una certa sorte della pianta un qualsiasi forumista non dovrebbe, anche se a malincuore, insistere a dire: "no!! non bisogna abbattere una pianta così maestosa". Ripeto: forse forse amo più le piante degli animali anche se per me pari sono perchè son cresciuto tra loro.

efisio dice:

In ogni caso, l'albero pare assai pendente;

Il pino è stato lasciato a se stesso da sempre!!! Ora si strilla.

×