Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
peppe45

Pensilina condominiale e Tosap

Buonasera, e’ la prima volta che scrivo nel forum, e vorrei porvi il mio quesito. Abito in una palazzina categoria catastale A/3, composta da 3 piani e 7 condomini. Dovendo eseguire la manutenzione di facciata e balconi, abbiamo pensato anche di sostituire la vecchia e obsoleta pensilina in ferro (risalente agli anni ‘50) con una nuova di cm 200x85, in acciaio inox e policarbonato. E qui la sorpresa: per detta pensilina dobbiamo versare annualmente il Comune di Salerno la tassa Tosap ai sensi dell’art. 38 del DLgs 507/93 s.m.i.:

“1. Sono soggette alla tassa le occupazioni di qualsiasi natura, effettuate, anche senza titolo, nelle strade, nei corsi, nelle piazze e, comunque, sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile dei comuni e delle province.

2. Sono, parimenti, soggette alla tassa le occupazioni di spazi soprastanti il suolo pubblico, di cui al comma 1, con esclusione dei balconi, verande, bow-windows e simili infissi di carattere stabile, nonche' le occupazioni sottostanti il suolo medesimo, comprese quelle poste in essere con condutture ed impianti di servizi pubblici gestiti in regime di concessione amministrativa”.

La nostra pensilina, differenza di quelle brutte ed enormi pensiline in muratura delle palazzine popolari adiacenti, non è considerata facente parte in maniera permanente del complesso architettonico dell’edificio.

E’ giusta l’interpretazione data dal mio Comune al suddetto art. 38?

Grazie a chi vorra’ illuminarmi in proposito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si, è corretta l'interpretazione del Comune.

Sono esenti solamente gli aggetti che risultano calpestabili all'estradosso (balconi, verande, ecc..) e le gronde dei tetti di copertura dell'edificio.

Non sono esenti gli aggetti a copertura del solo suolo pubblico

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dura lex, sed lex...

Grazie molte, Meri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Torno sull'argomento, perché ho letto che in molti Comuni le pensiline sono assimilate agli “sbalzi” ed ai “corpi aggettanti aperti.

Ma allora il balzello sulla pensilina condominiale dipende dai singoli Comuni? In breve è il nostro Sindaco che sta tassando anche l'impossibile? Sono curioso di sapere in quali città d'Italia si paga un canone annuo per una pensilina del portone condominiale che è nata con la palazzina stessa. Come pure non mi è chiara la differenza tra pensilina in muratura e pensilina permanente con struttura in ferro o in acciaio dal momento che ambedue non sono superfici calpestabili e ambedue rispondono alla stessa funzione di riparare cose e persone dalla pioggia. Grazie. Saluti cordiali

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nel Comune dove lavoro ed in tutti quelli che conosco è come ti ho scritto. Leggi l'art. 38, comma 2° del D.Lgs 507/93 in:

 

http://www.assieme.re.it/pagine72194/arc00035Decreto%20Legislativo%20507-93.PDF

 

e vedrai che l'esclusione tratta solo di di balconi, verande e bow-windows e simili (ovvero aventi simile funzione). Se quindi in qualche Comune hanno esteso l'esenzione anche al non utilizzabile superiormente penso che siano in errore e quindi passibili di intervento della Corte dei Conti per danno all'erario (mancato introito nella casse comunali di tributi dovuti per legge).

Contenti loro.....

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×