Vai al contenuto
DLF

Passaggio di consegne - è lecito richiedere denaro?

Buongiorno,

al momento del passaaggio di consegne tra amministratore uscente e quello entrante, è giusto e ammesso che l'amministratore uscente chieda del denare per il passaggio di consegne?

E se è lecito chiedere dei soldi per il passaggio di consegne, devo far approvare la spesa all'assemblea oppure posso tranquillamente pagare la fattura per l'importo richiesto?

Grazie

Buongiorno,

al momento del passaaggio di consegne tra amministratore uscente e quello entrante, è giusto e ammesso che l'amministratore uscente chieda del denare per il passaggio di consegne?

E se è lecito chiedere dei soldi per il passaggio di consegne, devo far approvare la spesa all'assemblea oppure posso tranquillamente pagare la fattura per l'importo richiesto?

Grazie

Il passaggio di consegne rientra fra gli obblighi dell'ordinaria gestione e non va riconosciuto alcun compenso aggiuntivo a meno che all'epoca della presentazione del preventivo non sia stato concordato contrattualmente (accettazione tramite delibera assembleare dei compensi dettagliati nell'offerta)

Il passaggio di consegne rientra fra gli obblighi dell'ordinaria gestione e non va riconosciuto alcun compenso aggiuntivo a meno che all'epoca della presentazione del preventivo non sia stato concordato contrattualmente (accettazione tramite delibera assembleare dei compensi dettagliati nell'offerta)
Perfettamente d'accordo, ossia gli accordi si adottano prima e non si impongono o si chiedono dopo, il passaggio delle consegne è una prassi normale che succede ogniqualvolta si cambia amministratore, in pratica è compresa nella gestione stessa.
Il passaggio di consegne rientra fra gli obblighi dell'ordinaria gestione e non va riconosciuto alcun compenso aggiuntivo a meno che all'epoca della presentazione del preventivo non sia stato concordato contrattualmente (accettazione tramite delibera assembleare dei compensi dettagliati nell'offerta)

Questo fino al 18/6/13.

Con la riforma l'art.1129 (inderogabile) ne sancisce il divieto e l'inderogabilità dell'articolo non può esser soppressa da nessuna unanimità.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Buongiorno,

al momento del passaaggio di consegne tra amministratore uscente e quello entrante, è giusto e ammesso che l'amministratore uscente chieda del denare per il passaggio di consegne?

E se è lecito chiedere dei soldi per il passaggio di consegne, devo far approvare la spesa all'assemblea oppure posso tranquillamente pagare la fattura per l'importo richiesto?

Grazie

Se fatturati i compensi possono essere o meno leciti ma DEVONO essere approvati e tu non sei autorizzato a pagare un bel nulla.

Questa è una regola basilare.

Mai staccare a/b per fantomatiche richieste da parte degli amministratori uscenti in sede di passaggio consegne ossia in quella fase in cui non sai ancora nulla del condominio,della sua situazione risorse etc.

Premesso che sono da sempre per i "patti chiari" fin dal principo e che un preventivo di gestione con clausola che contempli un premio in caso di passaggio di consegna specificatamente approvato dalla maggioranza và "onorato" per principio...la questione derogabile o inderogabile diventa primo opinabile e secondo aggirabile.

 

E' lo stesso articolo che prevede:

L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve

specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo

di compenso per l'attività svolta.

 

Quindi se lo stesso art. giustifica una specifica analitica non può allo stesso tempo renderla inefficace.

 

 

Forse la riforma Bersani che a parole cancellava le penali per il recesso da un contratto di fornitura (adesione) ha un riscontro pratico?

Non le chiamano più penali ma spese di gestione trasferimento/distacco.

 

Forse che la modifica che cancellava la Commissione di Massimo Scoperto ha raggiunto lo scopo?

Non si chima più CMS ma Commissione Dsponibilità Fondi e per non farsi mancare nulla hanno raddoppiato con Commisione Istruttoria Veloce

Premesso che sono da sempre per i "patti chiari" fin dal principo e che un preventivo di gestione con clausola che contempli un premio in caso di passaggio di consegna specificatamente approvato dalla maggioranza và "onorato" per principio...la questione derogabile o inderogabile diventa primo opinabile e secondo aggirabile.

 

E' lo stesso articolo che prevede:

L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve

specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo

di compenso per l'attività svolta.

 

Quindi se lo stesso art. giustifica una specifica analitica non può allo stesso tempo renderla inefficace.

 

 

Un topolino direbbe...ma cosa dici mai???

La norma specifica che l'importo a titolo di compenso debba esser dettagliato ma non dice qualunque tipologia di compenso vi passi per l'anticamera del cervello in un momento di follia senza esclusioni di sorta può esser ivi inclusa.Parla solo della forma di esposizione,non del contenuto.

Quindi,devi semplicemente coniugare i due passaggi ossia il compenso perchè la nomina sia valida deve esser dettagliato ma non deve riguardare passaggi consegne o compensi per periodi post revoca.

Il "divieto" c'era già prima della riforma...

-------------------------------------------------------------------

L'amministratore non ha diritto a compensi per il passaggio della documentazione

 

Tribunale di Milano, XIII Sez. Civ., sentenza del 4 gennaio 2010 n. 247

L’amministratore non ha diritto a compensi per tutte quelle attività che rientrino nell’ambito dei suoi doveri di mandatario. Pertanto una volta revocato dall'incarico non ha diritto di trattenere somme per i suoi onorari e in ogni caso non ha diritto ad alcun compenso aggiuntivo per il passaggio della documentazione condominiale, rientrando tale attività, tra gli atti cui è tenuto in via ordinaria.

 

- - - Aggiornato - - -

 

La pretesa era già vietata prima della riforma.

Un topolino direbbe...ma cosa dici mai???

La norma specifica che l'importo a titolo di compenso debba esser dettagliato ma non dice qualunque tipologia di compenso vi passi per l'anticamera del cervello in un momento di follia senza esclusioni di sorta può esser ivi inclusa.Parla solo della forma di esposizione,non del contenuto.

Quindi,devi semplicemente coniugare i due passaggi ossia il compenso perchè la nomina sia valida deve esser dettagliato ma non deve riguardare passaggi consegne o compensi per periodi post revoca.

Rispetto la tua opinione ...ma mi tengo la mia.

×