Vai al contenuto
janliuc

Pagamento spese condominiali - presentare le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime?

Buongiorno, ho un quesito da porre: è stato approvato un bilancio in cui sono state approvate delle spese non deliberate dall'assemblea (in quanto il bilancio o si approva oppure non si approva) . Vi chiedo se io non pago le spese non deliberate, ma approvate nel bilancio, l'amministratore dovrà procedere nei miei confronti con D.I. potrò oppormi al D.I. e presentare le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime? Nell'attesa di un riscontro grazie

Buongiorno, ho un quesito da porre: è stato approvato un bilancio in cui sono state approvate delle spese non deliberate dall'assemblea (in quanto il bilancio o si approva oppure non si approva) . Vi chiedo se io non pago le spese non deliberate, ma approvate nel bilancio, l'amministratore dovrà procedere nei miei confronti con D.I. potrò oppormi al D.I. e presentare le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime? Nell'attesa di un riscontro grazie
Scusa mi pare ci sia una contraddizione a quanto dici, tu dici che è stato approvato il bilancio, per cui in questo bilancio ci sono anche le spese che tu dici non approvate, come può essere?

Tanto è vero che tu dici giustamente che il bilancio si approva o non si approva, ovvero se si approva si approvano anche tutte le spese.

Ti puoi spiegare meglio per favore? Grazie.

Quando il bilancio consuntivo ed i relatini riparti sono regolarmente approvati dall'assemblea, l'amministratore ha l'obbligo di agire per il recupero di eventuali morosità, salvo sia dispensato dal farlo dalla stesa assemblea.

 

Presumo tu faccia riferimento a spese ordinarie non preventivate ed eseguite nel corso della gestione senza passare dall'assemblea.

Ciò è possibile per lavori urgenti salvo informare i condòmini nella prima assemblea utile.

La cosa cambia per lavori straordinari od innovazioni.

la maggioranza per non far cadere l'amministratore hanno approvato il bilancio pur sapendo delle spese illegittime. Io ed altri condomini abbiamo votato contro. la mia domanda è la seguente: non ho intenzione come gli altri condomini a pagare quelle spese l'amministratore dovrà procedere nei confronti con D.I. potrò oppormi al D.I. e presentare al giudice le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime?

la maggioranza per non far cadere l'amministratore hanno approvato il bilancio pur sapendo delle spese illegittime. Io ed altri condomini abbiamo votato contro. la mia domanda è la seguente: non ho intenzione come gli altri condomini a pagare quelle spese l'amministratore dovrà procedere nei confronti con D.I. potrò oppormi al D.I. e presentare al giudice le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime?
Non puoi non pagare se il bilancio è stato approvato, tutt'al più puoi impugnare il bilancio dimostrando che sono state approvate spese illegittime (sempre ci siano)

Buongiorno, ho un quesito da porre: è stato approvato un bilancio in cui sono state approvate delle spese non deliberate dall'assemblea...

----------------------------------

Le spese straordinarie non urgenti e non decise in assemblea,si possono contestare.

Non puoi di tua iniziativa sospenderle.

 

--link_rimosso--

...non ho intenzione come gli altri condomini a pagare quelle spese l'amministratore dovrà procedere nei confronti con D.I. potrò oppormi al D.I. e presentare al giudice le prove documentali che tali spese non sono dovute in quanto illegittime?

--------------------------------------------------------------

Posto in questi termini,vi viene rigettata e vi tocca non solo pagare il dovuto ma anche interessi,spese legali al condominio e al tuo avvocato.

Tuttavia, come confermato di recente dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 305, del 12.01.2016, tale principio trova un eccezione, allorquando ci si trovi dinnanzi una delibera radicalmente nulla.

 

Come nel mio caso è nulla in quanto l'assemblea ha incaricato un estraneo al condominio a scegliere il preventivo di un lavoro e nello stesso tempo ha fatto eseguire un lavoro non urgente senza passare dall'assemblea.

 

La legge dice che nessuno si può sostituire all'assemblea nel prendere decisioni valide per tutto il condominio (per esempio, la scelta di un preventivo di ristrutturazione anziché un altro), perfino quando l'assemblea li abbia a ciò autorizzati.

Tuttavia, come confermato di recente dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 305, del 12.01.2016, tale principio trova un eccezione, allorquando ci si trovi dinnanzi una delibera radicalmente nulla.

 

Come nel mio caso è nulla in quanto l'assemblea ha incaricato un estraneo al condominio a scegliere il preventivo di un lavoro e nello stesso tempo ha fatto eseguire un lavoro non urgente senza passare dall'assemblea.

 

La legge dice che nessuno si può sostituire all'assemblea nel prendere decisioni valide per tutto il condominio (per esempio, la scelta di un preventivo di ristrutturazione anziché un altro), perfino quando l'assemblea li abbia a ciò autorizzati.

La nullità dovrà essere decretata dal Giudice, tu non puoi esimerti e non pagare, devi ricorrere impugnando il bilancio, oppure attendi il D.I. e fare opposizione entro 40 giorni.

Tullio è la risposta che attendevo!!! perchè devo essere io ad iniziare l'azione legale quando l'amministratore mi farà pervenire l'ingiunzione di pagamento entro 40 giorni produrrò in opposizione adeguata documentazione che dimostrerà che quanto richiesto è illeggittimo. cosi se ho ragione tutte le spese saranno addebitate al condominio. é assurdo che un condomino deve pagare ciò che è illegale per il semplice fatto che l'assemblea approvi.

Janulic ... se l'assemblea ha deliberato a maggioranza l'approvazione del bilancio "implicitamente" ha ratificato la spesa che tu reputi irregolare. Se vuoi opporre qualcosa DEVI impugnare la delibera (che non è nulla ma annullabile, da ciò che leggo) e fornire la documentazione probatoria di quanto affermi.

 

Se farai trascorrere i 30 giorni senza impugnazione, la delibera è definitivamente valida e dovrai pagare. L'opposizione all'eventuale D.I. non è valida (sempre a mio giudizio) perchè le spese sono state validamente approvate e ripartite.

 

Quindi se vuoi fare qualcosa puoi solo impugnare la delibera di approvazione di quel bilancio e spiegarne in sede giudiziaria i motivi.

Se farai trascorrere i 30 giorni senza impugnazione, la delibera è definitivamente valida e dovrai pagare. L'opposizione all'eventuale D.I. non è valida (sempre a mio giudizio) perchè le spese sono state validamente approvate e ripartite.
Io invece non metto mai limite alla provvidenza, se veramente queste spese e delibere sono assolutamente nulle (da verificare), l'opposizione al decreto ingiuntivo potrebbe essere accolta, e visto che il futuro non si può conoscere, lascio a janliuc decidere quanto a lui conviene

Il nostro ex amministratore ha fatto di più. Ha fatto eseguire dei lavori voluttuari, nello scantinato box ( € 6.500,00) senza indire una assemblea dove si sarebbe dovuto discutere sulla necessità, scelta del preventivo, ripartizioni preventive.

A lavori conclusi ha presentato la spesa in assemblea per essere ratificata. Una maggioranza non qualificata ha accettato la spesa.

Io ed altri due condomini abbiamo votato contro in quanto non siamo possessori di nessuna u. I. nello scantinato box. Abbiamo comunicato all'amministratore che se voleva riscuotere i saldi doveva farlo con D. I.

Ha preferito dimettersi.

Il nuovo amministratore ha chiesto i saldi senza analizzare la vicenda per cui gli abbiamo recapitato la stessa comunicazione inviata al precedente.

È già trascorso un anno, e benché lo avessimo invitato più volte a inserire l'argomento nell'odg in una assemblea, fino a oggi nessun inserimento e D. I.

Buon pomeriggio a tutti.

Le vie degli amministratori sono infinite ....

 

Mi chiedo, in questi casi e soprattutto per un amministratore entrante, cosa ci vuole ad indire un assemblea per discutere il problema e trovare una soluzione con i condòmini? Non trovo che "farsi di nebbia" migliori le cose e soprattutto "cancelli" il problema. Quelle quote sono ripartite ma, in un certo senso, nessuno le vuole esigere per evidenti problemi alla fonte. Rimane un "debito" che in qualche modo dovrà essere ripianato .... rimandare il problema non ha alcun senso.

Lo abbiamo " sommerso" di sentenze attinenti l'argomento..... ma solo silenzio assoluto da parte sua.

Buon pomeriggio e grazie per la risposta.

×