Vai al contenuto
StudioGiaeCla

Pagamento Quote condominiali - al precedente proprietario

Buongiorno,

Da tempo scrivo all'amministratore chiedendo se il precedente proprietario dell'immobile abbia più o meno saldato il consuntivo. Fermo restando che se non dovesse pagare il precendete proprietario sono costretto io in solido al pagamento fino ai 12 mesi precedenti. posso successivamente adire all'autorità giudiziaria per la riscossione del debito oppure posso imporre all'amministratore la riscossione delle somme al precedente proprietario?

Modificato da StudioGiaeCla

sei responsabile in solido per l'anno del rogito e quello precedente.

se però iul venditore farà orecchie da mercante tu dovrai saldare il debito e rivalerti poi sul venditore.

 

il venditore, non essendo più condomino non ha più legami col condomìnio e l'amministratore non ha poteri per agire contro di lui direttamente

ok perfetto, ma l'amministratore è tenuto a comunicarmi che il saldo del consuntivo dell'anno precedente da parte del vecchio proprietario non è stato saldato? mica posso trovarmi un "conguaglio a sorpresa" rispetto a quanto preventivato?

StudioGiaeCla dice:

ok perfetto, ma l'amministratore è tenuto a comunicarmi che il saldo del consuntivo dell'anno precedente da parte del vecchio proprietario non è stato saldato? mica posso trovarmi un "conguaglio a sorpresa" rispetto a quanto preventivato?

certo che sì.

d'altronde il condomino ora sei tu, e la situazione contabile della tua unità devi per forza conoscerla.

lì puoi vedere cosa si sta "trascinando" di precedente al tuo acquisto e puoi chiedere chiarimenti e precisazioni all'amministratore che è tenuto a fornirtele.

 

una cosa mi chiedo però: all'atto dell'acquisto non hai fatto chiedere la dichiarazione dell'amministratore circa la situazione contabile dell'unità, eventuali lavori straordinari o liti giudiziarie in corso ?

in base a quella già potevi sapere qualcosa, per il conto definitivo c'è da aspettare il consuntivo dell'esercizio.

StudioGiaeCla dice:

ok perfetto, ma l'amministratore è tenuto a comunicarmi che il saldo del consuntivo dell'anno precedente da parte del vecchio proprietario non è stato saldato? mica posso trovarmi un "conguaglio a sorpresa" rispetto a quanto preventivato?

Il nuovo acquirente è obbligato in solido non per i 12 mesi precedenti l'acquisto, bensi, per l'esercizio nel corso del quale ha acquistato e per l'esercizio precedente.

Ad esempio, se l'esercizio annuale del condominio va da giugno a maggio dell'anno successivo e tu hai acquistato a marzo 2018, potresti non conoscere il conguaglio dell'esercizio giugno/2017 - maggio/2018 perchè l'amministratore ha sei mesi di tempo a partire da maggio 2018 per consuntivare quell'esercizio.

Il conguaglio dell'esercizio giugno/2018 - maggio 2019 lo conoscerai presumibilmente a fine 2019.

 

Questo per dirti che, fermo restando il tuo diritto di chiedere copia di ogni rendiconto annuale, per darti una risposta più precisa bisognerebbe sapere la data precisa del rogito e le date di inizio e fine degli esercizi annuali.

Generalmente:

- nei condominii senza riscaldamento centralizzato l'esercizio annuale segue l'anno civile (1 gennaio - 31 dicembre)

- nei condominii con riscaldamenti centralizzato si fa coincidere l'esercizio annuale con il periodo in cui c'è certezza di non dover usare i riscaldamenti (si parte da maggio/giugno luglio e si finisce con aprile/maggio/giugno dell'anno successivo).

la dichiarazione dell'amministratore l'ho avuta all'atto dell'acquisto nella quale dichiarava che nulla era in pendenza salvo conguagli. dichiarazione alquanto discutibile. ho preso atto di una lite giudiziaria in pendenza solo nell'assemblea ordinaria (in aprile) ma mai in precedenza. quando ho fatto il rogito il consuntivo non era ancora pronto (ho fatto il rogito a gennaio il consuntivo l'ho conosciuto ad aprile). qualche giorno fa ho chiesto all'amministratore di sapere se il precednete proprietario ha provveduto al saldo del consuntivo, non avendolo io approvato in assemblea, essendomi astenuto. ancora tuttora nessuna risposta. non pretendo che sia lui ad agire nei confronti del vecchio proprietario ma di fornirmi le informazioni a me necessarie questo si. staremo a vedere. vi terrò informati 

StudioGiaeCla dice:

la dichiarazione dell'amministratore l'ho avuta all'atto dell'acquisto nella quale dichiarava che nulla era in pendenza salvo conguagli. dichiarazione alquanto discutibile. ho preso atto di una lite giudiziaria in pendenza solo nell'assemblea ordinaria (in aprile) ma mai in precedenza. quando ho fatto il rogito il consuntivo non era ancora pronto (ho fatto il rogito a gennaio il consuntivo l'ho conosciuto ad aprile). qualche giorno fa ho chiesto all'amministratore di sapere se il precednete proprietario ha provveduto al saldo del consuntivo, non avendolo io approvato in assemblea, essendomi astenuto. ancora tuttora nessuna risposta. non pretendo che sia lui ad agire nei confronti del vecchio proprietario ma di

. staremo a vedere. vi terrò informati 

non mi sembra ci siano anomalie in tutto ciò che dici, salvo l'omissione della lite giudiziaria.

 

la dichiarazione dell'amministratore non può essere una "liberatoria" (come alcuni erroneamente la chiamano) ma una fotografia della situazione alla data: non può sapere se per la fine dell'esercizio si presenteranno spese impreviste o risparmi che genereranno conguagli.

 

StudioGiaeCla dice:

fornirmi le informazioni a me necessarie

ne hai tutto il diritto, ci mancherebbe ...

 

Modificato da paul_cayard
×