Vai al contenuto
paolo46

Muffa e umidità nelle pareti

nel mio condominio a pianta a L io ho due pareti che presentano tracce di muffa e lievi infiltrazioni di acqua Mi è stato suggerito di installare un cappotto mi chiedo le spese sono a mio carico o devo dividerle secondo i millesimi con gli alti condomoni? grazie per la risposta

nel mio condominio a pianta a L io ho due pareti che presentano tracce di muffa e lievi infiltrazioni di acqua Mi è stato suggerito di installare un cappotto mi chiedo le spese sono a mio carico o devo dividerle secondo i millesimi con gli alti condomoni? grazie per la risposta

Chi suggerisce tali soluzioni, senza analizzare le cause, rischia di far spendere migliaia di euro inutilmente...

Si incarica un bravo tecnico per stabilire le cause, successivamente costui proporrà le varie soluzioni per il problema ed il relativo costo...ivi compreso se è o meno necessario realizzare la coibentazione a cappotto...che dovrà essere realizzata per l'intero stabile altrimenti non ha senso... pertanto i relativi costi graveranno sul condominio e pertanto con ripartizione a millesimi

vedi il mio appartamento occupa il gambo corto della L quindi solo io ho questo problema gli altri occupano il gambo lungo e sono da me parzialmente parati

se l'infiltrtazione proviene dalla faccciata esterna, è di competenza del condominio provvedere a rimuovere la causa.

se l'infiltrtazione proviene dalla faccciata esterna, è di competenza del condominio provvedere a rimuovere la causa.

si l'avevo detto trattasi di due pareti esterne dell'edificio ma che interessano solo il mio appartamento

In questo caso avverti l'amministratore a mezzo raccomandata della necessita di risovere il problema quanto prima, chiedi di far nominare un tecnico che dovrebbe relazionare, con una perizia giurata, sulle cause del problema e definire costi e modalità di intervento necessari per rimuovere le cause del problema, riservandoti nel frattempo di citare il conominio per un risarcimento di eventuali danni che potrebbero scaturire alla tua proprietà.

L'amministratore nei casi di necessita e urgenza può anticipare delle spese e ralazionare poi il tutto nella prima assemblea.

Buonasera a tutti, se mi posso permettere ritengo anch'io fondamentale capire la causa di un problema tecnico per poterne dare la soluzione e quindi l'intervento di un tecnico preparato e dotato di buon senso credo sia un ottimo suggerimento. Se posso inoltre contribuire alla discussione volevo chiarire che è importante stabilire innazitutto se l'umidità sia dovuta da condensazione interna o da infiltrazione, che sono le due problematiche più frequenti e che ovviamente come detto prima hanno soluzioni e competenze diverse. In ogni caso mi permetto di segnalare che nel caso vi fosse una problematica da infiltrazione esterna e/o scarso isolamento con accentuati ponti termici è possibile risolvere con altre tecniche oltre ai cappotti con costi inferiori, Se invece si riterrà di intervenire con un cappotto, non usate materiali non traspiranti, nel tempo vi possono creare altre problematiche. Grazie per l'attenzione. Buonasera.

Salve a tutti. Sono nuovo e come primo intervento

inizio col rispondere a questo argomento unendomi alla discussione poiché ho lo stesso problema.

Prima di passare alla domanda vera e propria devo fare una doverosa premessa che è questa:

poco meno di 5 anni fà ho comprato in un parco un'appartamento al piano terra con la prospettiva (rivelatasi poi falsa)

di poter acquistare in seguito i locali inferiori per farci una taverna con annesso piccolo giardino privato

il cui accesso esclusivo mi sarebbe stato garantito da un viottolo.

Dopo quasi due anni vengo a sapere che i famosi locali, con impianto luce e acqua già predisposti oltre porta d'accesso blindata,

altro non erano che volumi tecnici che dovevano essere invece interrati.

Immaginate voi la delusione oltre all'amarezza per la mia superficialità ed ignoranza.

Succede che poi improvvisamente, in meno di due giorni, il costruttore ha dovuto riempire

l'area lasciata vacante con del terreno che, ad oggi, è ancora così come quando è stato scaricato.

Tralasciando ora l'aspetto igienico ed estetico, questo terreno sta lì da 3 anni circa senza un minimo di isolamento

e sta danneggiano le parti esterne del fabbricato e quindi del mio appartamento.

Dopo una serie di sollecitazioni fatte all'ultimo amministratore (il terzo in 4 anni dalla creazione del condominio),

ricevo una risposta che dice laconicamente: non è me che deve interpellare ma il costruttore poiché quell'area

non è condominiale ma è della proprietà.

Ora vengo alla domanda.

Indipendentemente dal fatto che sia o no condominiale, quell'area non è da considerarsi parte comune essendo confinante su due lati col mio appartamento e, analogamente, con altri appartamenti di una palazzina attigue

e che quindi spetta all'amministrare doverle gestire e amministrare??

Se così fosse, e sinceramente credo di si, non è tra i compiti dell'amministrarore interfacciarsi tra il condomino e la proprietà per ogni problematica??

Inoltre, poiché il cattivo isolamento oltre a causare danni esterni sta lentamente rendendo insalubri gli ambienti, infatti il tasso di umidità all'interno dell'appartamento è molto più alto rispetto a quello rilevabile esternamente e si iniziano ad intravedere macchien provenienti dal battiscopa, posso citare il condominio in giudizio per questo??

Aggiungo poi che il fenomeno non è isolato ma comune a tutte le persone che si sono fatti incantare dalla prospettiva

di una taverna con sbocco su giardino privato e che ora si trovano a combattere con questi problemi.

Mi scuso per il lungo intervento.

Spero in una risposta, se possibile e quando possibile, supportata da codici o leggi che possano spiegarmi il vostro intervento rendendomi meno ignorante. Grazie

Beh le pareti esterne sono condominiali, quindi se procedi ai lavori devi avere il benestare dell'assemblea e forse anche altri dovrebbero fare il tuo stesso intervento per non vedere un puzzle di cappotto! Personalmente trovo che il cappotto non sia la soluzione migliore in quanto l'umidità si crea a causa di poco ricambio di aria e di buon isolamento....io prima proverei con un più economico deomidificatore e poi passerei alle maniere brutali!

 

Su questo argomento avrei anche io una domanda.... settimana scorsa ho preso in affitto un appartamento, il vecchio inquilino aveva tinteggiato pochi mesi prima quindi non ho chiesto che fosse richiesta la tinteggiatura. Dopo il trasloco ho notato muffa dietro l'armadio che ovviamente necessita di essere trattata. Questa spesa a chi spetta? Al vecchio inquilino, a me anche se sono lì da 7 giorni o al proprietario di casa??

Ciao nel mio condominio di 4 appartamenti ci sono problemi di umidità , che io ho risolto con il non asciugare panni all interno aerare i locali spesso e cappotto interno , gli altri inquilini non fanno tutto ciò e chiedono di fare il cappotto esterno io non sono d'accordo xche il problema è risolto , la mia domanda sono obbligato a farlo e contribuire alla spesa ?

nel mio condominio a pianta a L io ho due pareti che presentano tracce di muffa e lievi infiltrazioni di acqua Mi è stato suggerito di installare un cappotto mi chiedo le spese sono a mio carico o devo dividerle secondo i millesimi con gli alti condomoni? grazie per la risposta

Soltanto un tecnico può stabilire le cause e fornire le opportune soluzioni, peraltro non è escluso che le lievi infiltrazioni da te lamentate siano frutto di condense interne.

Il 23 gennaio 2013 ho inviato raccomandata A/R all'amministratore con relative foto delle mie pareti dopo che lui mi ha mandato un geometra a verificare la situazione. In assemblea hanno deciso di non intervenire sul mio lato ma su quello opposto si, perchè non sto simpatico a qualcuno. A questo punto che posso fare? Ci sono crepe sulla facciata nei punti in cui ho muffa... come faccio a smuovere qualcosa? Io e mia mamma(invalida al 100% cardiopatica) soffriamo di asma e la muffa non ci aiuta di certo

muffa.jpg

Il 23 gennaio 2013 ho inviato raccomandata A/R all'amministratore con relative foto delle mie pareti dopo che lui mi ha mandato un geometra a verificare la situazione. In assemblea hanno deciso di non intervenire sul mio lato ma su quello opposto si, perchè non sto simpatico a qualcuno. A questo punto che posso fare? Ci sono crepe sulla facciata nei punti in cui ho muffa... come faccio a smuovere qualcosa? Io e mia mamma(invalida al 100% cardiopatica) soffriamo di asma e la muffa non ci aiuta di certo

Quale è stato il giudizio del geometra che ha fatto il sopralluogo.

Che arriva dall'esterno, il terremoto ha provocato delle crepe in tutto il palazzo abbiamo la muffa 15 condomini su 16

Avresti dovuto fare opposizione alle delibera che ha deciso di non intervenire sul tuo lato. A questo punto se sono scaduti i termini chiedi nuovamente all'amministratore la costituzione di una nuova assemblea, in caso negativo protesti chiedere tramite legale un provvedimento d'urgenza art. 700 cpc anche in considerazione delle crepe sui muri.

Avresti potuto fare opposizione alla delibera con la quale è stato deciso di eseguire i lavoro solo parzialmente.

 

Potresti fare - tramite legale - ricorso ex art. 700 cpc al fine d'imporre al Condominio di provvedere all’immediata eliminazione delle cause delle infiltrazioni presenti all’interno dell’appartamento.

×