Vai al contenuto
mirko63

Modifica montascale esistente

Buongiorno, mia suocera disabile al 100% insieme al marito anche lui disabile, anni fa montarono, nonostante la contrarietà dei condomini, un montascale fino al secondo piano naturalmente a proprie spese. Con il passare degli anni anche altri condomini sentono la necessita di usufruire del montascale, ora si sono decisi a fare installare un nuovo montascale fino al 4 piano con tutte le relative fermate e sono stati presentati vari preventivi tra cui anche quello dell'azienda che ha di fatto montato l'esistente che non andrebbe smantellato ma prolungato e modificato. Mia suocera è obbligata a partecipare alla spesa del nuova installazione/modifica che vogliono effettuare? Nel caso vogliano smantellare l'attuale per installarne uno nuovo quali obblighi ha il condominio nei confronti di mia suocera per la spesa che ha sostenuto per il montaggio passato?

Spero di essermi spiegato

 

Grazie

Mirko

Teoricamente a tua suocera dovrebbero ritornare anzi indietro dei soldi, come per l'ascensore se uno vuole subentrare deve pagarne quota, tua suocera avendo già pagato tutto il lavoro sicuramente dovrà essere pagata per via dei lavori fatti da pian terreno a piano secondo.

Non so come questo debba essere calcolato però. ...

Se gli altri condomini vogliono utilizzare il montascale dei tuoi suoceri possono subentrare nella proprieta' e contribuire alle spese di elettricita' e di manutenzione. Le spese relative a l'installazione del nuovo montascale fino al quarto piano saranno ripartite tra i condomini interessati sulla base dei loro millesimi di proprieta'.

 

Se invece fosse l'assemblea a decidere i tuoi suoceri, essendo gia' serviti, possono notificare il loro dissenso dalla spesa e quindi non parteciparvi, ma non potranno utlizzare il prolungamento del montascale e neanche dovranno partecipare alle spese di manutenzione per quel tratto.

Se l’impianto attuale venisse modificato e prolungato (e quindi riutilizzato) tua suocera dovrebbe partecipare alle spese di ammodernamento dell’impianto esistente in base alla sua quota di proprietà ma nel contempo tutti coloro che ne cominciassero ad usufruire dovrebbero pagare la loro quota di comproprietà di quanto già in essere, ai sensi dell’art 1121 cc comma 3. Per il nuovo tratto dovranno concorrere alla spesa tutti i condòmini dal secondo piano in avanti, suddividendo la spesa per millesimi di proprietà. A questo punto le spese d’uso e manutenzione seguiranno la tabella scale presumibilmente esistente.

 

Se l’impianto invece venisse smantellato e sostituito, il condominio (escludendo tua suocera) sarebbe tenuto a risarcire interamente la spesa originaria. A quel punto si applicherebbe per intero l’art 1121 cc

 

Qualora l’innovazione importi una spesa molto gravosa o abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni e all’importanza dell’edificio, e consista in opere, impianti o manufatti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati da qualsiasi contributo nella spesa.

Se l’utilizzazione separata non è possibile, l’innovazione non è consentita, salvo che la maggioranza dei condomini che l’ha deliberata o accettata intenda sopportarne integralmente la spesa.

Nel caso previsto dal primo comma i condomini e i loro eredi o aventi causa possono tuttavia, in qualunque tempo, partecipare ai vantaggi dell’innovazione, contribuendo nelle spese di esecuzione e di manutenzione dell’opera.

Quindi, se come dice mirko63, il lavoro lo facesse la ditta che ha gia' installato il montascale dei suoi suoceri procedendo solo con eventuali modifiche e l'allungamento (senza bisono di smantellarlo) dovrebbero i suoceri partecipare alla spesa oppure ne sarebbero esenti?

 

E il discorso dell'assemblea e' corretto?

 

Grazie se vorrai rispondere al mio quesito :-)

Cribbio bilbetto! Oltre a non aver letto bene, il tuo post e' veramente venuto a completare ed a precisare il mio come hai detto da subito. Oggi sono una gran pasticciona, chiedo venia

×