Vai al contenuto
enrico dimitri

Lavoro approvato ma fatturato solo in parte: esigibilità del relativo credito.

Lo scorso esercizio 2011/2012 nel mio condominio è stato ratificato un lavoro(fatto per necessità e urgenza e ordinato dall'amministratore senza preventiva delibera) per un costo di 7000 euro.

Andando io a ricostruire la contabilità dello stesso condominio(da semplice condòmino)ho riscontrato che ve ne sono 2000 non fatturate.

Cosa posso proporre in assemblea?

a)pretendere ovviamente la fatturazione e per il momento proporre il pagamento parziale di 5000.

b)pagare comunque tutto subito ma pretendere la fatturazione.

Ma:il credito per la parte non fatturata(i 2000 extra fattura),anche se approvata,è esigibile o no?

Io credo che il credito sia esigibile per la parte dimostrabile e fatturata,cioè i 5000.

Che ne pensate?

NO:

Contrariamente a quanto detto da chi mi ha preceduto l' amministratore può esigere (e in mancanza ricorrere al D.I.) per tutto quanto abbia una delibera di pagamento.

Quindi si deve versare anche per lavori non ancora fatti o fatturati se è stata approvata delibera con riparto spesa.

 

Posto che i lavori sono straordinari . ratificati e relativi all' anno 2011/2012 è logico pensare che in sede di consuntivo si siano approvate pure le quote di ripartizione.

Quindi ti tocca pagare e comunque puoi chiedere cpia delel fatture.

Magari sono somme non ancora liquidate (professionista?) in attesa di un fondo cassa adeguato.

Intanto grazie ad entrambi per la gentilezza nel rispondermi.

Si tratta di lavori eseguiti in nero dal portiere,celati dentro altri lavori di importo maggiore.

Nel ricostruire-da condomino-il bilancio,mi sono accorto che nella documentazione mancano le relative fatture.Siamo stati incauti come assemblea.

Io in assemblea non avevo chiesto la fatturazione per una questione di fiducia;poi mi sono trovato coinvolto nella ricostruzione perché me lo ha chiesto l'amministratore stesso,che anche lui nel passaggio di consegne dal precedente,non aveva controllato nulla.

Io farò così: la mia parte sono circa 180 euro,di cui 50 non fatturati:io informerò l'assemblea per iscritto di quello da me rilevato;se la situazione non sarà sanata entro trenta giorni dall'assemblea stessa,denuncerò io il fatto tramite il mio legale in tutte le sedi competenti. Perché il problema non è solo fiscale:chi ha fatto il lavoro non aveva secondo me nemmeno la tutela assicurativa per eventuali incidenti sul lavoro. Entrambi fatti gravissimi.

Un saluto.

... il problema non è solo fiscale:chi ha fatto il lavoro non aveva secondo me nemmeno la tutela assicurativa per eventuali incidenti sul lavoro. Entrambi fatti gravissimi.

Un saluto.

Sicuramente fatti gravissimi ma prima di cominciare accertati chi ne pagherà le conseguenze.

Io credo che in prima battuta la responsabilità ed eventuali sanzioni saranno a carico di tutto il condominio.

Eventualmente il condominio dovrà procedere con azione di rivalsa ma....

se il condomominio ha anche ratificato la spesa non poteva non sapere e quindi... il Giudice potrebbe ritenere il condominio complice dell'amministratore.

Per quanto mi dai a capire l' unico responsabile è l' amminstratore preedente....mentre all'assemblea dei condomini si può solo imputare la colpa di mancata verifica approfondita (pressochè impossibile e non richiesta).

 

Ora il problema è molteplice visto che tali "lavori" sarebbero stati eseguiti da un "dipendente" del condominio ...il portiere!!!

Ora non capsico come possa l' assemblea sanare la situazione...ma in ogni caso tu non puoi parzializzare il pagamento.

 

Non partire per la tangente...vi sono sicuramente problemi "fiscali"...che come dice correttamente Leonardo possono implicare, di prima battuta, anche costi per l' intero condominio (quindi anche tu).

Le coperture "previdenziali/assicurative" se la mansione era "regolare" potevano già comprendere...ma non hai chiarito di che "lavori" si trattasse.

 

Il Condominio poteva benissmo anche "non sapere" dacche l' amministratore poteva produrre documenti falsi e in ogni caso è l' amministratore responsabile per ciò che presente. Dubnito che in assemblea abbiate approvato pagamenti in nero.

 

Certe volte è meglio non sollevare certi "coperchi"....ora tocca rimediare.

in tutto quello che dite c'è della verità.

premetto:io non sono affatto una persona severa nella vita,ma le regole vanno rispettate.

I lavori sono di pitturazione.

si tratta di danni da infiltrazione causati dallo scoppio di due tubi della caldaia centralizzata. danni alle pareti e ai soffitti!(come siano stati interessati i soffitti è un mistero....)

Colpa in vigilando del condominio,e anche mia dunque,semplice condomino:non c'è dubbio. Ma queste connivenze tra portiere e amministratore ci sono sempre state,ed è il motivo per cui io non ho mai accettato l'incarico di occuparmi del mio condominio.

Non è la prima volta che accade.

E per cifre ancora più alte,molto più alte,che io ho impedito fossero portate in assemblea per l'approvazione perché non fatturate.Il triplo di quella di cui stiamo discutendo!e ancora aspetto che la situazione si regolarizzi.

Se non si procede con una terapia d'urto tutto continuerà come prima,ed io non mi sento tranquillo.tra l'altro io mi sono sempre espresso per la trasparenza più assoluta.

Soprattutto ho timore perché il lavoratore non ha alcuna tutela assicurativa per eventuale infortunio su tale lavoro,e la sua età non è più verdissima.Se cade dalla scala chi paga?Perché oltre che pago debbo anche assumermi rischi?

Ripeto:non voglio passare per quello che non sono:ma continuare a far finta di nulla,vuol dire quasi certezza che queste situazioni si ripeteranno.

Grazie ancora a tutti per i preziosi contributi.

in tutto quello che dite c'è della verità.

premetto:io non sono affatto una persona severa nella vita,ma le regole vanno rispettate.

Colpa in vigilando del condominio,e anche mia dunque,semplice condomino:non c'è dubbio. Ma queste connivenze tra portiere e amministratore ci sono sempre state,ed è il motivo per cui io non ho mai accettato l'incarico di occuparmi del mio condominio.

Non è la prima volta che accade!

E per cifre ancora più alte,molto più alte,che io ho impedito fossero portate in assemblea per l'approvazione perché non fatturate.Il triplo di quella di cui stiamo discutendo!e ancora aspetto che la situazione si regolarizzi.

Se non si procede con una terapia d'urto tutto continuerà come prima,ed io non mi sento tranquillo.tra l'altro io mi sono sempre espresso per la trasparenza più assoluta.

Soprattutto ho timore perché il lavoratore non ha alcuna tutela assicurativa per eventuale infortunio su tale lavoro,e la sua età non è più verdissima.

Ripeto:non voglio passare per quello che non sono:ma stavolta non posso continuare a far finta di nulla.

Grazie ancora a tutti per i preziosi contributi.

Credevo si trattasse di un unico episodio ormai avvenuto.

Se credi che la cosa rischia di ripetersi ancora fai bene a mettere dei paletti parlando chiaro all'assemblea.

×