Vai al contenuto
kleanthes

Ingiunzione di pagamento - secondo voi ho speranze che venga rigettato ?

Buonasera a tutti,

cerco di spiegare la mia situazione, l'amministratore del condominio dove vivo non mi ha mai inviato la ripartizione ne i bollettini per poter eseguire i pagamenti ( assemblea si è tenuta a giugno 2019 e non ho partecipato ), a  luglio 2019 ho inviato una raccomandata a\r all'amministrazione richiedendo gli importi e le scadenze in modo da poter pagare, non mi ha mai risposto se non con una raccomandata a\r con all'interno un foglio dove mi si comunicava che le aveva imbucato a mano nella mia casella postale.

Ovviamente nella mia casella di posta non ho mai rinvenuto nulla, pertanto ho rinviato immediatamente una seconda raccomandata a\r sollecitando nuovamente gli importi e le scadenze e specificando di non aver rinvenuto nulla nella mia casella postale e che volevo pagare.

Ad ottobre con stupore ho ricevuto un atto di ingiunzione per le spese condominiali 1100€ piu oltre 1200€ di spese legali, ho pagato gli importi delle spese condominiali immediatamente dato che finalmente conoscevo gli importi, indicati nell'ingiunzione ma ovviamente non intendo pagare le spese legali, secondo voi ho speranze che venga rigettato ? mi sono rivolto ad un legale ma sono in attesa....ho fornito le prove delle raccomandate e i relativi testi, inoltre uno o due giorni prima della ricezione dell'ingiunzione avevo pagato una rata forfettaria specificando nella causale che non mi erano mai stati comunicati gli importi per l'anno 2019 e pertanto facevo riferimento a quello dell'anno precedente.

 

Nessun sollecito mi è mai stato inviato.

 

( ho comunicato esclusivamente con raccomandate a\r perchè non sono in buoni rapporti con l'amministrazione e credo sia stato più un dispetto, la cosa assurda è che molti non hanno pagato le spese ma per loro volontà ma non hanno ricevuto nessun ingiunzione)

 

grazie 

Modificato da kleanthes

hai detto che non hai partecipato all'assemblea che ha approvato il preventivo di spesa, domanda: hai ricevuto il verbale assembleare?

JOSEFAT dice:

hai detto che non hai partecipato all'assemblea che ha approvato il preventivo di spesa, domanda: hai ricevuto il verbale assembleare?

Si ho ricevuto il verbale ma era illeggibile e non era allegato il riparto, posso dimostrarlo perché si è avvalso della spedizione on line del sito delle poste e pertanto su ogni pagina oltre al numero di raccomandata è presente il progressivo ed avendo le 10 pagine di 10 è dimostrabile che nessun riparto è stato allegato, inoltre avevo comunicato che il verbale non era consultabile data la cattiva stampa del servizio postale.

Modificato da kleanthes
JOSEFAT dice:

hai detto che non hai partecipato all'assemblea che ha approvato il preventivo di spesa, domanda: hai ricevuto il verbale assembleare?

Ci sono amministratori che sono davvero indifendibili.

Va bene tutto ma se un condòmino ti scrive chiedendoti quanto deve pagare, anche se fosse stato presente e/o avesse perso il verbale dell'assemblea, TU JOSEFAT avresti inviato una raccomandata dicendo che i bollettini li hai messo nella cassetta postale oppure avresti risposto mettendo in condizione il tuo amministrato di pagare usando la media diligenza del padre di famiglia richiesta nell'esecuzione del mandato? (Io credo che non tu saresti mai comportato come l'amministratore di cui si sta parlando ma avresti comunicato al condòmino gli importi da pagare).

E dopo tutto questo scambio epistolare, ciliegina sulla torta, decreto ingiuntivo senza nemmeno una raccomandata di messa in mora.

Questi comportamenti non fanno altro che infangare la categoria dei tanti amministratori che amministrano con professionalità.

  • Mi piace 2
Leonardo53 dice:

Ci sono amministratori che sono davvero indifendibili.

Va bene tutto ma se un condòmino ti scrive chiedendoti quanto deve pagare, anche se fosse stato presente e/o avesse perso il verbale dell'assemblea, TU JOSEFAT avresti inviato una raccomandata dicendo che i bollettini li hai messo nella cassetta postale oppure avresti risposto mettendo in condizione il tuo amministrato di pagare usando la media diligenza del padre di famiglia richiesta nell'esecuzione del mandato? (Io credo che non tu saresti mai comportato come l'amministratore di cui si sta parlando ma avresti comunicato al condòmino gli importi da pagare).

E dopo tutto questo scambio epistolare, ciliegina sulla torta, decreto ingiuntivo senza nemmeno una raccomandata di messa in mora.

Questi comportamenti non fanno altro che infangare la categoria dei tanti amministratori che amministrano con professionalità.

Purtroppo non lo definirei un amministratore, si tratta di un condomino che fa l'amministratore e purtroppo la maggioranza l'ha votato, essendo un condomino con cui non andava d'accordo sono quasi certo che voleva farmi un dispetto date le mie diverse raccomandate dove esternavo la volontà di pagare ma non essere nelle condizioni di farlo, l'unica soluzione era fare dei bonifici a caso ma non mi sembrava corretto.

Leonardo53 dice:

Ci sono amministratori che sono davvero indifendibili.

Va bene tutto ma se un condòmino ti scrive chiedendoti quanto deve pagare, anche se fosse stato presente e/o avesse perso il verbale dell'assemblea, TU JOSEFAT avresti inviato una raccomandata dicendo che i bollettini li hai messo nella cassetta postale oppure avresti risposto mettendo in condizione il tuo amministrato di pagare usando la media diligenza del padre di famiglia richiesta nell'esecuzione del mandato? (Io credo che non tu saresti mai comportato come l'amministratore di cui si sta parlando ma avresti comunicato al condòmino gli importi da pagare).

E dopo tutto questo scambio epistolare, ciliegina sulla torta, decreto ingiuntivo senza nemmeno una raccomandata di messa in mora.

Questi comportamenti non fanno altro che infangare la categoria dei tanti amministratori che amministrano con professionalità.

la mia domanda era solo per sapere se l'amministratore poteva o meno richiedere le quote del preventivo, se non fosse stato mandato il verbale assembleare @kleanthes non aveva nulla da temere nemmeno a seguito della notifica del D.I.

Naturalmente sono d'accordo con te che il comportamento dell'amministratore non sia giustificabile, anzi dirò di più  bisognerebbe sostituirlo perché  questo modo di fare dimostra poca attenzione agli interessi dei condomini e del condominio.

 

kleanthes dice:

urtroppo non lo definirei un amministratore, si tratta di un condomino che fa l'amministratore

questo non giustifica certo il suo comportamento, anzi a maggior ragione si dovrebbe comportare con imparzialità se vuole continuare a fare l'amministratore interno. 

kleanthes dice:

si tratta di un condomino che fa l'amministratore

Questa è addirittura un'aggravante perchè avrebbe potuto e dovuto comunicare con te anche a stretto giro.

Anch'io sono un amministratore interno e siccome i condòmini sono tutti residenti, io non ho mai inviato a loro ne una lettera di posta ordinaria, ne una raccomandata ne una e-mail ma ho sempre consegnato tutto a mano.

Visto che hai già contattato un avvocato e gli hai consegnato tutta la documentazione epistolare, chiedigli anche se in quel suo comportamento l'amministratore ha abusato della sua autorità e se ci sono i presupposti per richiedere al Giudice la revoca giudiziale perchè se ci sono i presupposti, la revoca giudiziale può avvenire anche su richiesta di un solo condòmino.

JOSEFAT dice:

la mia domanda era solo per sapere se l'amministratore poteva o meno richiedere le quote del preventivo, se non fosse stato mandato il verbale assembleare @kleanthes non aveva nulla da temere nemmeno a seguito della notifica del D.I.

Naturalmente sono d'accordo con te che il comportamento dell'amministratore non sia giustificabile, anzi dirò di più  bisognerebbe sostituirlo perché  questo modo di fare dimostra poca attenzione agli interessi dei condomini e del condominio.

 

questo non giustifica certo il suo comportamento, anzi a maggior ragione si dovrebbe comportare con imparzialità se vuole continuare a fare l'amministratore interno. 

il fatto che il verbale non fosse leggibile e che non era presente il riparto non conta nulla secondo la sua esperienza? ok il verbale ma le quote come faccio a conoscerle non testo non sono indicate e l'allegato non è presente, inoltre non mi sono disinteressato della situazione anzi ho inviato le raccomandate per assolvere i miei doveri e pagare....

Leonardo53 dice:

Questa è addirittura un'aggravante perchè avrebbe potuto e dovuto comunicare con te anche a stretto giro.

Anch'io sono un amministratore interno e siccome i condòmini sono tutti residenti, io non ho mai inviato a loro ne una lettera di posta ordinaria, ne una raccomandata ne una e-mail ma ho sempre consegnato tutto a mano.

Visto che hai già contattato un avvocato e gli hai consegnato tutta la documentazione epistolare, chiedigli anche se in quel suo comportamento l'amministratore ha abusato della sua autorità e se ci sono i presupposti per richiedere al Giudice la revoca giudiziale perchè se ci sono i presupposti, la revoca giudiziale può avvenire anche su richiesta di un solo condòmino.

credo si stiano muovendo per fare l'opposizione al decreto ingiuntivo palesemente immotivato date le raccomandate inviate per conoscere le quote da pagare, inoltre nel verbale che non era leggibile non era presente il riparto ovviamente tutto ciò è dimostrabile.

Affrontare una causa per rimuoverlo non credo risolva dato che la maggioranza approva l'operato di questo soggetto.

Modificato da kleanthes
kleanthes dice:

Nulla da dire è stato votato e può farlo,  il fatto che nel verbale non fosse leggibile e che non era presente il riparto non conta nulla secondo la sua esperienza?

a mio parere ci sono tutti i presupposti per fare opposizione al D.I. e non credo che il giudice non accoglierà la tua richiesta, visto il comportamento poco corretto dell'amministratore.

  • Mi piace 1
JOSEFAT dice:

a mio parere ci sono tutti i presupposti per fare opposizione al D.I. e non credo che il giudice non accoglierà la tua richiesta, visto il comportamento poco corretto dell'amministratore.

Lo spero anche perché mi sono esposto dicendo di voler pagare come  ho sempre fatto ma purtroppo con questa persona c'è stato dell'attrito in passato e probabilmente ha voluto farmi un dispetto, inoltre conosco un condomino nelle mia stessa situazione ha richiesto le spese svariate volte tramite raccomandata ma nulla pero a lui non ha fatto il D.I.....chissà come mai....

kleanthes dice:

Lo spero anche perché mi sono esposto dicendo di voler pagare come  ho sempre fatto ma purtroppo con questa persona c'è stato dell'attrito in passato e probabilmente ha voluto farmi un dispetto, inoltre conosco un condomino nelle mia stessa situazione ha richiesto le spese svariate volte tramite raccomandata ma nulla pero a lui non ha fatto il D.I.....chissà come mai....

Se l'opposizione viene accolta, il condomìnio si troverà con dei costi legali da sostenere.

Puo' essere senz'altro un motivo valido per porre all'attenzione di tutta l'assemblea il comportamento non corretto dell'amministratore, scorrettezza che lo rende inaffidabile per tutti i condòmini (oggi è toccato a te, ma se litiga con qualcun altro toccherà a lui). E' bene che i condòmini si rendano conto che l'amministratore deve prima di tutto essere imparziale. (lascerei perdere altre considerazioni relative al comportamento descritto, che si commenta da solo)

A volte discutere apertamente in assemblea di certi problemi, fa emergere alleanze che sembravano impossibili.

Vai alle assemblee e parla!

×