Vai al contenuto
maria22

Inadempimento e impugnazione mesi a pigione

buongiorno, il mio inquilino mi ha comunicato qlc giorno fa di essere in difficoltà economica a causa della crisi corona virus e di non poter pagare. Mi ha chiesto se per i mesi di aprile e maggio posso imputare a canone le due mensilità anticipate versate a titolo di pigione alla stipulazione del contratto con la promessa che dopo due mesi pagherà regolarmente(?!). Come mi comporto?

In un caso simile al tuo ho informato il locatario che il deposito cauzionale non può essere utilizzato in conto canone e stabilito con lui una riduzione del canone per tre mesi e un piano di rientro della quota rimanente spalmata per i sei mesi successivi. In pratica per tre mesi paga una quota moolto ridotta del canone e terminati i tre mesi torna a canone pieno + quota di rientro canone sospeso.

 

Oppure puoi valutare di acconsentire ad una riduzione temporanea del canone registrando la riduzione all'AdE per evitare di pagare le tasse sulla parte del canone non ricevuta

jerrySM dice:

Oppure puoi valutare di acconsentire ad una riduzione temporanea del canone registrando la riduzione all'AdE per evitare di pagare le tasse sulla parte del canone non ricevuta

Non conosco le modalità esecutive per procedere come suggerisci, né i relativi costi. Mi interesserebbe una precisazione in tal senso. Per i costi, diminuiscono se si è optato per la cedolare secca?

Grazie.

Se si opta per una riduzione del canone di locazione anche se non è obbligatorio la registrazione dell'atto all'AdE è comunque vivamente consigliata, sia a tutela del locatore (in modo da fornire data certa al documento che stabilisce la riduzione del canone da esibire in caso di contestazione del fisco), sia a tutela del locatario, in caso di contestazione con il locatore. Tanto più che la sua registrazione non comporta il pagamento di alcuna imposta ne di registro ne di bollo come stabilito dal  decreto legge del 12 settembre 2014 art 19 che recita:

 

Art. 19
 
(Esenzione da ogni imposta degli accordi di riduzione dei  canoni  di locazione)

 
  1. La registrazione dell'atto  con  il  quale  le  parti dispongono esclusivamente la riduzione del canone di un contratto  di  locazione ancora in essere e' esente dalle imposte di registro e di bollo.
"

 

La diminizione puo' essere stabilita per tutta la durata residua del contratto oppure per un periodo ben definito.

  • Grazie 1
×