Vai al contenuto
pappice

Imposta di registro relativa a sentenza che respinge il ricorso e compensa le spese

Buonasera a tutti

 

a seguito di una causa da me intentata con ricorso nei confronti del mio Condominio,conclusasi come a margine ,mi è stato notificato " avviso di liquidazione dell'imposta di registro" dall'Agenzia delle Entrate pari a €250 circa.Lo stesso avviso è stato notificato all'amministratore in carica al tempo della causa.

.Vi chiedo : Come e in quale misura devo corrispondere detta imposta alla luce della sentenza e della normativa che regola l'imposta di registro nella fattispecie ? Nel caso che siano obbligati al pagamento anche" i condomini come parti in causa" devo consegnare l'avviso in questione all'attuale amministratore in modo che questi provveda al pagamento e poi addebiti le competenti quote a condomini compreso il sottoscritto? Oppure...... Ringrazio anticipatamente chi mi aiutera' a risolvere il quesito.Cordiali saluti.

Se le spese sono state compensate in sentenza, l'imposta di registro va pagata in parti uguali tra le "parti" attore e convenuto.

Tutte le parti in causa sono tenute nei confronti del fisco al pagamento dell’imposta di registro sugli atti giudiziari (sentenze, ordinanze, decreti ingiuntivi, ecc.), e ne sono obbligati in solido (cioè ognuna per l’intero)Non Ade non interessa chi paga o in che percentuale.

Solitamente quando io faccio i decreti è il mio cliente che paga la tassa di registro. Io poi la chiedo in precetto al soccombente. Ma intanto la faccio pagare perchè altrimenti l'agenzia delle entrate inizia a metterci sopra le more...e inizia a "perseguitare" chi ha i beni..non di certo chi è magari nullatenente

Il post si riferisce all'imposta di registro dovuta alla sentenza e non per l'iscrizione a ruolo della causa. Al termine del processo emessa la sentenza gli atti vengono inviati all'AdE per la tassazione. A mio avviso, se la sentenza ha stabilito spese compensate esse devono essere sostenute egualmente tra le parti. Sia chiaro, ha ragione Sister il pagamento è in solido nel senso che una se paga il tutto libera l'altra, però se paga il 50% è obbligata in solido a pagare anche l'altro 50% e poi chiedere il rimborso alla controparte.

Buongiorno a tutti

vi ringrazio per aver dato riscontro al mio quesito.tuttavia trattandosi di un condominio vi prego chiarirmi come mi devo regolare con esso .Se in base alla sentenza e/o alla normativa vigente in tema dell'imposta in questione, sono debitori (non solo solidali)dell'imposta anche i condomini (convenuti e sono 12) ,allora il pagamento deve avvenite tramite l'amministratore ?oppure? grazie e cordiali saluti.

Certamente che tutti i Condomini Convenuti nel giudizio devono pagare. Può provvedere globalmente l'Amministratore e ripartire (ai 12 Condomini) l'importo anche perché deve essere pagato con modello F23 l'intero importo e non 1/12. Ciascun condomino non può pagare autonomamente 1/12 (la sua pro quota - tra l'altro da calcolare in base ai millesimi di proprietà e non in parti uguali- e, qualora lo facesse se gli altri condomini non versassero con F23 (la loro pro quota pari a 1/12) l'Ade può recuperare l'importo restante in solido chiedendolo anche ad un solo condomino che magari ha già pagato la sua quota pari a 1/12 (mi ripeto da calcolare e pagare in base ai millesimi) con F23.

In parole povere, l'amministratore può pagare tutto lui e frazionare.

 

Paga il 100% lui

poi divide il 50% a te

il restante 50% diviso 12

 

LA cosa importante è che l'amministratore fornisca a TUTTI la copia dell'F23 attestante il pagamento dell'intera tassa.

 

In questo modo tutti quelli che avessero ricevuto, o riceveranno, avviso di pagamento, potranno recarsi all' AGE con la copia dell'F23 e far cancellare la loro posizione

Il post si riferisce all'imposta di registro dovuta alla sentenza e non per l'iscrizione a ruolo della causa. Al termine del processo emessa la sentenza gli atti vengono inviati all'AdE per la tassazione. A mio avviso, se la sentenza ha stabilito spese compensate esse devono essere sostenute egualmente tra le parti. Sia chiaro, ha ragione Sister il pagamento è in solido nel senso che una se paga il tutto libera l'altra, però se paga il 50% è obbligata in solido a pagare anche l'altro 50% e poi chiedere il rimborso alla controparte.

ma io infatti ho parlato di registro, non di iscrizione a ruolo.

Ogni volta io faccio pagare al mio anche vittorioso la tassa di regsitro, poi mi rivalgo e nel precetto inserisco tutta la tassa ove il mio sia vittorioso anche in punto spese.

Cio' perchè se l'altra parte non paga il registro, questi viene poi da me a chiedere il saldo.

Quindi la parte diligente è meglio paghi, salvo rivalsa a seconda di quanto disposto in sentenza dal giudice

×