Vai al contenuto
Spaesato

Durata del mandato dell'amministratore.

Buongiorno,

 

Ancora non ho ben compreso sel a durata del mandato è annuale o per la durata dell'esercizio di gestione ordinaria.

 

Ovvero se un amministratore è nominato ad settembre e l'esercizio termina a dicembre, tra dicembre e la successiva assemblea ordinaria (mettiamo di maggio) è in carico pro tempore e quindi va messo all'ODG nomina amministratore oppure il suo mandato dura fino a settembre e nell'assemblea di maggio non va messo all'odg nomina amministratore?

 

Lo chiedo in merito al diritto di compenso in caso di revoca fino a fine mandato.

Art. 1129 comma 10 c.c.:"L'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata."

La durata del mandato è annuale e và conteggiata dal momento della prima nomina.

 

Nulla c'entra la durata dell' esercizio contabile o quando si terrà assemblea ordinaria di approvazione del bilancio.

Poichè è impossibile far coincidere l' assemblea ordinaria sempre lo stesso giorno di ogni anno e/o in concomitanza con la scadenza del mandato si potranno verificare dei temporanei momenti di gestione in "prorogatio".

 

Se avete nominato al 10 Settembre 2013 resta in carica fino al 09 Settembre 2014 e qualora lo revochiate anticipatamente dovrete corrispondere il compenso fino alla data di scadenza.

 

Corretto con quanto disquisito sul link che hai postato...tranne che per l'evidente errore di considerare imprescindibile il 31 Dicembre come scadenza di qualsiasi nomina.

 

Se dopo il primo mandato (10 Settembre 2013 - 09 Settembre 2014) l' amministratore venisse riconfermato con delibera per assemblea tenuta al 10 Novembre 2014...la sua scadenza sarebbe sempre e comunque al 10 Settembre 2015.

 

L' unico modo per "alterare" la data di scadenza (magari per ravvicinarla con quella per l' assemblea annuale di approvazione) sarebbe quella di dimissioni immediate del professionista e contemporanea nuova nomina dello stesso durante appnto una assemblea ordinaria.

 

L' anno successivo il problema si ripresenterebbe visto che ci sono 180 giorni di tempo per convocare assemblea di approvazione bilanci dalla scadenza dell' esercizio.

  • Mi piace 1

Ho letto il link, e capisco che ti abbia generato confusione. Come chiaramente descritto dalla legge, la durata dell' incarico dell'amministratore è di 1 anno e non di 1 anno commerciale o amministrativo. Altrimenti tutte le nomine dovrebbero essere obbligatoriamente effettuate dal primo dell'anno. Credo con tutto il rispetto dell'avvocato che ha scritto il link che abbia dato solo una sua personale interpretazione, diversa da quello che stabilisce la legge stessa. Infatti prova ne è che quando si tratta di stabilire a chi spettano gli obblighi fiscali, esempio presentazione 770, la legge indica come obbligato colui che in quel momento ricopre la carica di amministratore.

L'anno amministrativo è indipendente da chi è l'amministratore al suo inizio, alla sua fine o nel suo durante.

Per quanto riguarda nello specifico l'anno di gestione condominiale, lo stesso non ha l'obbligo di coincidere con l'anno solare e sta di fatto che molti " bilanci" invece coincidono contestualmente con l'inizio e terminano con la fine gestione dell'amministratore in carica.

 

P.s. Dimaraz sei stato più veloce.

Ora mi è più chiaro, grazie a tutti.

 

Possiamo dire che l'ideale impossibile sarebbe tenere l'assemblea di approvazione del bilancio e la nomina il primo gennaio.

Ora mi è più chiaro, grazie a tutti.

 

Possiamo dire che l'ideale impossibile sarebbe tenere l'assemblea di approvazione del bilancio e la nomina il primo gennaio.

 

...già me li vedo i condomini...all' unanimità in assemblea piuttosto che a svagarsi sugli scii o abbuffarsi dai parenti.🙂

×