Vai al contenuto
mark87rm

Decreto Ingiuntivo: devo pagare anche se non ero proprietario?

Buonasera a tutti,

Lo scorso settembre 2017 sono diventato proprietario di un appartamento presso un residence formato da 5 edifici, i quali sono gestiti da singoli amministratori i quali hanno anche istituito un Supercondominio gestito da un amministratore.

 

Oggi ci è giunta una comunicazione, che sarà oggetto della riunione del Condominio del mio edificio il prossimo lunedì, nella quale si può evincere il decreto ingiuntivo emesso ai "danni" del Supercondominio per fatture di manutenzione degli impianti per il riscaldamento e acqua calda avvenuti nel 2016.

 

Si parla di ben 12.000€ circa (più 580€ di spese per il decreto stesso e altri piccoli oneri che in confronto sono spiccioli), da suddividere su 120 appartamenti (alcuni dei quali non ancora venduti in quanto nuovi per i quali risponderà la società costruttrice così come risponde attualmente delle quote relative a condominio e Supercondominio).

 

Il mio quesito per voi è: è corretto che, nel caso in cui venisse sentenziato dal giudice che il decreto ingiuntivo è legittimo e che quindi dobbiamo pagare le somme pattuite, devo pagare anche se non ero proprietario ai tempi dei fatti e sopratutto se non ho usufruito dei servizi che sono stati erogati?

 

La rappresentante del nostro edificio ha confermato che non si sa ancora il risultato del decreto, se verrà reso esecutivo oppure no, ma ha anche ammesso che forse sarebbe meglio evitare di rincorrere in ulteriori contestazioni al decreto per non vedere accrescere la cifra finale.

 

Io naturalmente sono contrario a questo modo di pensare in quanto considerata la cifra, mi scoccerebbe tirare fuori 120€ (che corrispondono a ben 2 mesi di condominio) per qualcosa avvenuta anche quando non ero proprietario.


Si può contestare questa cosa, oppure nel momento in cui divento proprietario rispondo anche delle eventuali modifiche/miglioramenti apportati in periodi precedenti?


Insomma, posso evitarmi la spesa?


Grazie a tutti!

Modificato da mark87rm
mark87rm dice:

Si può contestare questa cosa, oppure nel momento in cui divento proprietario rispondo anche delle eventuali modifiche/miglioramenti apportati in periodi precedenti?

 

Poichè hai acquistato nel 2017, sei responsabile in solido con il venditore per l'anno di gestione in cui hai acquistato e per l'anno precedente.

In pratica l'amministratore può chiedere a te di pagare le gestione 2016 ma tu puoi rivalerti sul venditore in quanto erano spese di sua competenza.

 

La solidarietà è riportata nell'art. 63 di attuazione del codice civile di cui ti riporto uno stralcio:

 

Art. 63 d.a.c.c.

... Chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato solidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente...

Ah benissimo, grazie per l'informazione. A questo punto potrei tentare di verificare a quale periodo sono di competenza le spese addebitate (anche se presumo non abbiano emesso fatture ad agosto 2016 per lavori eseguiti nell'esercizio precedente....) ed eventualmente se sono tutte del 2016, tentare di andare contro l'azienda costruttrice nonché precedente proprietario.

 

Secondo voi, come sarebbe meglio procedere? PEC? Raccomandata?

mark87rm dice:

Ah benissimo, grazie per l'informazione. A questo punto potrei tentare di verificare a quale periodo sono di competenza le spese addebitate (anche se presumo non abbiano emesso fatture ad agosto 2016 per lavori eseguiti nell'esercizio precedente....) ed eventualmente se sono tutte del 2016, tentare di andare contro l'azienda costruttrice nonché precedente proprietario.

 

Secondo voi, come sarebbe meglio procedere? PEC? Raccomandata?

hai detto che hai acquistato a settembre 2017 per cui tu rispondi di tutte le spese gennaio/dicembre 2017 (anno del rogito) e tutte le spese dell'anno precedente (gennaio/dicembre 2016).

Se l'amministratore chiede a te le spese del 2016 tu le devi pagare ma puoi rivalerti di quel che paghi verso il venditore/costruttore

Nel mio caso,anche se ho la dichiarazione dell'amministratore ,prima dell'acquisto della casa, dove afferma che l'ex proprietario ha evaso ogni pendenza con il condominio,mi vengono richieste le spese saldate dal ex proprietario e vengono considerate come spese personali (aggiunte al consuntivo).😷

lara24 dice:

Nel mio caso,anche se ho la dichiarazione dell'amministratore ,prima dell'acquisto della casa, dove afferma che l'ex proprietario ha evaso ogni pendenza con il condominio,mi vengono richieste le spese saldate dal ex proprietario e vengono considerate come spese personali (aggiunte al consuntivo).

Beh, se sono spese personali significa che non potevano essere preventivate nelle quote deliberate ma devi visionare i giustificativi di spesa perchè se sono spese antecedenti al rogito, con quella documentazione potrai rivalerti sul'ex proprietario.

Se la somma sichiesta è importante, vale la pena che ti fai assistere da un buon contabile per leggere il rendiconto ed incrociarlo con i giustificativi di spesa

Ma se chi subentra ha in mano la dichiarazione dell'amministratore che l'ex proprietario ha evaso ogni pendenza con il condominio e in piu nel atto notarile e specificato che l'ex proprietario e responsabile di tutte le spese ante e dop che vende,devo pagare lo stesso?io subentro nel preventivo .

 

lara24 dice:

Ma se chi subentra ha in mano la dichiarazione dell'amministratore che l'ex proprietario ha evaso ogni pendenza con il condominio e in piu nel atto notarile e specificato che l'ex proprietario e responsabile di tutte le spese ante e dop che vende,devo pagare lo stesso?io subentro nel preventivo . 

 

Semplicemente il precedente proprietario aveva pagato quanto preventivato fino a quel momento, non vuol dire che non possano insorgere successivamente in sede di conguaglio o magari perdendo una causa ecc relative a periodi precedenti. Gli amministratori non hanno la sfera di cristallo.

×