Vai al contenuto
annibale

Criteri per il parcheggio auto in base all'art 1118

Ciao a tutti

sono nuovo del forum e amministro da condomino il mio condominio

nel nostro palazzo vi è un atrio nel quale i posti disponibili sono 10 e nel regolamento adottato circa venti anni fa è stato stabilito il criterio delle carature millesimale cioè i possessori di piùmillesimi di proprietà hanno diritto al parcheggio e gli altri no, secondo il disposto dell'art 1118 del Codice Civile.

cercando in rete ho visto che tale criterio, a fronte di pronunciamenti della Cassazione, non è leggittimo e che tutti hanno diritto al parcheggio, prevedendosi la turnazione con sorteggio se i posti auto non sono sufficenti.

 

adesso vi chiedo:

 

ma l'art. 1118 allora cosa disciplina se non anche il cortile condominiale?

 

i proprietari di garage interni e con ingresso dall'atrio, non residenti nel palazzo, hanno anch'essi diritto al parcheggio in quanto condomini proprietari?

 

che è proprietario ed esercita una attività di Bed and Breakfast e non vive nel Palazzo, può far parcheggiare i propri ospiti o il diritto non è cedibile?

 

che ha preso in affitto un appartamento per avviare una attività di Bed and Breakfast, ha diritto a cedere il posto auto ai propri clienti anche se non è il proprietario?

 

chi possiede tre appartamenti può parcheggiare tre auto?

 

grazie e scusate la quantità delle domande

Ogni proprietario di un appartamento (compreso il b&b) ha diritto a un posto auto.

 

Se i posti auto sono inferiori al numero di proprietari, si deve fare la turnazione.

 

I millesimi non contano nulla.

 

Se uno possiede tre appartamenti e' come se fossero tre proprietari diversi e, quindi, ha diritto a un posto auto per ogni appartamento.

e chi è proprietario di garage e non abita nel Palazzo?

ed inoltre , chi è proprietario e non abita nel Palazzo ma in altra regione d'Italia, può cedere il suo posto auto ad altro condomino, diciamo ad esempio per semplice amicizia o cortesia consentendo così il parcheggio di due vetture?

e chi è proprietario di garage e non abita nel Palazzo?

L'ho scritto sotto... e' come se fossero tre proprietari diversi (rivedi post #2).

e quidi va rifatto il regolamento?? cioè un condomino deve chiedere una assemblea con la questione all'odg o servono maggioranze qualificate?

e quidi va rifatto il regolamento?? cioè un condomino deve chiedere una assemblea con la questione all'odg o servono maggioranze qualificate?

 

non è che va rifatto il regolamento: ci si riunisce e si regolamenta la questione parcheggio in funzione dell'obsolescenza dell'articolo del vecchio rdc.

serve comunque la maggioranza di almeno 500/1000 da reperire in assemblea con quel punto all'odg.

http://www.arai.it/modifica-regolamento-contrattuale/

Ciao a tutti

sono nuovo del forum e amministro da condomino il mio condominio

nel nostro palazzo vi è un atrio nel quale i posti disponibili sono 10 e nel regolamento adottato circa venti anni fa è stato stabilito il criterio delle carature millesimale cioè i possessori di piùmillesimi di proprietà hanno diritto al parcheggio e gli altri no, secondo il disposto dell'art 1118 del Codice Civile.

cercando in rete ho visto che tale criterio, a fronte di pronunciamenti della Cassazione, non è leggittimo e che tutti hanno diritto al parcheggio, prevedendosi la turnazione con sorteggio se i posti auto non sono sufficenti.

 

adesso vi chiedo:

 

ma l'art. 1118 allora cosa disciplina se non anche il cortile condominiale?

 

i proprietari di garage interni e con ingresso dall'atrio, non residenti nel palazzo, hanno anch'essi diritto al parcheggio in quanto condomini proprietari?

 

che è proprietario ed esercita una attività di Bed and Breakfast e non vive nel Palazzo, può far parcheggiare i propri ospiti o il diritto non è cedibile?

 

che ha preso in affitto un appartamento per avviare una attività di Bed and Breakfast, ha diritto a cedere il posto auto ai propri clienti anche se non è il proprietario?

 

chi possiede tre appartamenti può parcheggiare tre auto?

 

grazie e scusate la quantità delle domande

Veramente L' art 1118 non dice che hanno diritto a un posto auto solo chi ha piu' millesimi .

Sono d'accordo con peppe e aggiungo che i "diritti" di cui parla l'art. 1118 cc si riferiscono ai diritti di voto in assemblea e non certo ad un diritto in misura maggiore per coloro che posseggono un numero superiore di millesimi rispetto agli altri.

Mi sembra di capire che siamo in presenza di un regolamento assembleare, ma chiedo conferma: è regolamento assembleare o contrattuale ?

 

Perché se è un regolamento di natura assembleare... bè vedete di modificare in fretta quella norma sui posti auto riservati ai "soli divini", prima che qualcuno si alzi mali e decida di portarvi dal giudice previa mediazione civile (per altro con tutte le sacrosante ragioni!)

Veramente L' art 1118 non dice che hanno diritto a un posto auto solo chi ha piu' millesimi .

Mi aggancio per una la situazione inerente ma particolare

Un condominio formato da due edifici distinti che in comune hanno solo una corte (dove i condomini parcheggiano) e che saranno oggetto di ristrutturazione esterna (facciate e coperture). Uno è stato già ristrutturato internamente con la creazione di 6 appartamenti mentre l’altro edificio che un tempo era utilizzato come “affittacamere” suddiviso in camere con bagno (circa 3 per piano per un totale di 3 piani) ma già da decenni non utilizzato, in stato di forte degrado ed inagibile. E’ composto catastalmente da molti enti classificati in A/2 da 1,5 vani. I proprietari hanno recentemente manifestato l’intenzione di ristrutturarlo anche internamente creando 3 appartamenti (uno per piano) unificando quindi gli attuali enti catastali.

Oggi si pone il problema di dover regolamentare i parcheggi (la corte ne può ospitare 6) e pertanto si chiede se nel computo dei condomini beneficiari della turnazione di un parcheggio devono rientrare anche i proprietari di ogni singola unità catastale attuale quindi 6 appartamenti + 9 enti “affittacamere” inagibili oppure fino a che la ristrutturazione interna di quest’ultimi non sarà completata i parcheggi spettano solo ai 6 appartamenti attuali?

l'art 1118 parla di uso della cosa comune proporzionato al valore della unità immobiliare e quindi alla caratura millesimale di proprietà pertanto è legittimo pensare che ha un appartamento di 200 mq e che paga di più per manutenzione, illuminazione, pulizie ed altre spese inerenti la gestione di uno spazio comune, possa avere qualche diritto in più di un piccolo magazzino di 10 mq. O no?

l'art 1118 parla di uso della cosa comune proporzionato al valore della unità immobiliare e quindi alla caratura millesimale di proprietà pertanto è legittimo pensare che ha un appartamento di 200 mq e che paga di più per manutenzione, illuminazione, pulizie ed altre spese inerenti la gestione di uno spazio comune, possa avere qualche diritto in più di un piccolo magazzino di 10 mq. O no?

NO... hai capito male.

art 1118 primo comma "Il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell'unità immobiliare che gli appartiene"

 

di certo io non avrò capito ma ai meno esperti come me sembrano parole chiare

×