Vai al contenuto
dgiero

Copertura stalli motocicli in cortile

Buongiorno, vorrei installare una copertura a conchiglia in una stallo per motocicli nel cortile condominiale.

 

Qualcuno può chiarirmi i concetti di "uso più intenso della cosa comune" e "modifiche per il miglior godimento della cosa comune" di cui parla l'art. 1102 c.c.?

 

Alcuni condomini pongono il problema del rendere utilizzabile lo stallo solamente da me, ma se lasciassi fruibile il posto coperto agli altri condomini quando non presente il mio mezzo, nel caso di utilizzo da parte loro io dovrei essere rimborsato del costo dell struttura, come indicato nella nota al secondo comma dell'art. 1102?

 

2) Il partecipante alla comunione ha il diritto di modificare la cosa comune sostenendo i relativi costi al fine di realizzare un godimento migliore della cosa stessa.
In tale ultima ipotesi gli altri comunisti, se non domandino la rimozione del miglioramento effettuato a loro favore da un singolo comunista, hanno diritto di acquisirla; ciò, ovviamente, sempre che essa sia fruibile e si connoti alla stregua di un'innovazione (art. 1108 del c.c.) della cosa comune. Al comunista autore dell'innovazione compete, dunque, il rimborso delle spese sostenute per migliorare il bene comune.

 

Nel caso invece si domandasse la rimozione, con quale maggioranza dovrebbe deliberare l'assemblea?

 

Aggiungo che ad oggi nonostante siano disponibili meno stalli di quanti siano i condomini, oltre la metà di essi è sempre inutilizzata, quindi anche impedendo ad altri di usare lo stallo chiudendo la copertura tramite lucchetto, non vi sarebbe una concreta limitazione a chi utilizza effettivamente gli stalli.

 

 

Non puoi "impossessarti" di un bene comune, costruendo una copertura a tuo esclusivo beneficio, addirittura mettendoci un lucchetto per un tuo uso esclusivo.

 

Il Codice non lo permette.

 

Non c'è maggioranza che tenga, l'assemblea potrebbe concederti in uso esclusivo lo stallo in oggetto, ma ci vorrebbe l'unanimità dei consensi (difficile che qualcuno sia così stupido da concederti gratuitamente o a pagamento un bene comune).

 

Non so chi abbia scritto la "nota" da te riportata sopra, non ha alcun senso, anzi, è in contrapposizione proprio con il 2° comma dell'art. 1102

 

Prova a far mettere all'ordine del giorno la tua richiesta nella prossima assemblea e vediamo se otterrai l'unanimità dei consensi per concederti in esclusiva lo stallo in oggetto!

 

 

 

Claistron dice:

Non puoi "impossessarti" di un bene comune, costruendo una copertura a tuo esclusivo beneficio, addirittura mettendoci un lucchetto per un tuo uso esclusivo.

Non ho scritto che voglia metterci un lucchetto, in quella parte parlavo per ipotesi. La domanda principale chiedeva infatti cosa succederebbe se dopo avere installato la copertura altri ne facessero uso proprio perché lasciata libera. 

 

Claistron dice:

Non so chi abbia scritto la "nota" da te riportata sopra, non ha alcun senso, anzi, è in contrapposizione proprio con il 2° comma dell'art. 1102

 

La nota citata è scritta nel codice civile che si trova su questo sito:

https://www.brocardi.it/codice-civile/libro-terzo/titolo-vii/capo-i/art1102.html

 

Quindi posto che non voglio appropriarmi di alcuno stallo, e posto che il TAR della Campania ha ritenuto legittime delle coperture come scritto su questo stesso sito (https://www.condominioweb.com/box-cortile-condominiale.15000), ripongo la domanda: 

Una tale copertura è o no un "uso più intenso della cosa comune" e rientra tra le "modifiche per il miglior godimento della cosa comune"? E l'assemblea per chiedere la rimozione con quale maggioranza deve deliberare e secondo quale articolo del c.c.?

 

Vi ringrazio per la risposta.

 

È inutile che insisti sperando di avere ragione.

 

Certo che puoi installare una copertura su uno stallo a tue spese, ma non per questo diventa "tua" a tutti gli effetti e gli altri non possono utilizzarla.

 

Si nota che non ti piace proprio il 2° comma dell'art. 1102.

 

Leggi con la massima attenzione anche il 3° comma dell'art. 1108:

 

È necessario il consenso di tutti i partecipanti per gli atti di alienazione o di costituzione di diritti reali sul fondo comune e per le locazioni di durata superiore a nove anni.

 

Potrei citarti altri articoli del Codice che ti precludono di portare a termine la tua iniziativa.

 

Come sempre ho a disposizione anche parecchie sentenze di Cassazione nel mio vastissimo archivio, alle quali attingo prima di intervenire in una discussione.

 

 

Claistron dice:

È inutile che insisti sperando di avere ragione.

 

Certo che puoi installare una copertura su uno stallo a tue spese, ma non per questo diventa "tua" a tutti gli effetti e gli altri non possono utilizzarla.

 

Si nota che non ti piace proprio il 2° comma dell'art. 1102.

 

 

Mi scusi ma chi cerca di insistere? Ho scritto già due volte che vorrei capire se installandola e non usandola come "mia" questa possa rientrare tra i casi previsti dell'articolo 1102, che a differenza di quanto dice mi piace molto.

Nessuna richiesta di costituzioni di diritti reali o atti di alienazione.

 

Se metto a mie spese una copertura che non utilizzo in modo esclusivo ma che possa essere utilizzata dagli altri condomini che volessero servirsene quando libera, può l'assemblea deliberare di farla rimuovere e se sì con quale maggioranza?

 

Spero che questa volta sia ben esposta la domanda.

 

Buona serata.

Ecco, adesso ti esprimi correttamente e individui la possibilità di agire legalmente.

 

Certo che puoi installare una "tettoia" su uno stallo, sempre che non limiti la manovra agli altri posti, ma questo posto resterà a disposizione di tutti, non solo tuo.

 

Fai attenzione comunque allo stravolgimento del decoro del complesso condominiale, ove detta installazione non dovesse "piacere" alla maggioranza dei condómini.

×