Vai al contenuto
Alessandro 430

Approvazione spese condominiali senza Assemblea a causa del problema Corona Virus

Buongiorno,

Vi contatto per avere una delucidazione importante:

è risaputo che in questo preciso momento l'Italia sta attraversando un momento difficile e a causa dell'epidemia Corona Virus molte attività hanno avuto l'obbligo di fermarsi. Anche la categoria degli Amministratori dovrà evitare di convocare delle Assemblee condominiali se non risulta possibile garantire la distanza di sicurezza di 1,5 metri da ogni individuo. Esempio: la richiesta per la quota singole spese condominiali del nuovo anno che ogni condomino dovrebbe ricevere, potrà avvenire senza l'approvazione dell'Assemblea? L'Amministratore, potrà rendere "ufficiale" una richiesta di preventivo in caso d'impossibilità momentanea della Convocazione/approvazione con tutti i condomini?

Ringrazio anticipatamente e spero che qualcuno possa fornirmi un riscontro preciso.

Saluti

Alessandro 430 dice:

se non risulta possibile garantire la distanza di sicurezza di 1,5 metri da ogni individuo

No, l'ultimo decreto legge ha stabilito che non si possano tenere in ogni caso.

 

Alessandro 430 dice:

la richiesta per la quota singole spese condominiali del nuovo anno che ogni condomino dovrebbe ricevere, potrà avvenire senza l'approvazione dell'Assemblea?

Se l'amministratore dovesse trovarsi a corto di liquidità, puo' chiedere ai condòmini che provvedano provvisoriamente a pagamenti in acconto. Appena possibile si terrà l'assemblea per l'approvazione della ripartizione dei costi.

I condòmini non hanno nulla da perdere e il condomìnio puo' continuare a pagare i fornitori.

Buonasera. Mi allaccio alla questione con una domanda: l'amministratore può esigere il pagamento del conguaglio del consuntivo dell'anno 2019 senza che questo sia stato approvato?

DanieleVnc dice:

Buonasera. Mi allaccio alla questione con una domanda: l'amministratore può esigere il pagamento del conguaglio del consuntivo dell'anno 2019 senza che questo sia stato approvato?

Puo' esigere somme in acconto.

Se l'amministratore chiede il conguaglio intero, si può chiedere di definire un acconto oppure si può procedere con una percentuale definita?

DanieleVnc dice:

Se l'amministratore chiede il conguaglio intero, si può chiedere di definire un acconto oppure si può procedere con una percentuale definita?

Puoi dare più elementi per capire meglio la questione.
E’ emerso un debito di gestione ? (le spese del consuntivo non ancora approvato superano il relativo preventivo approvato in precedenza?)

Preciso che non stiamo parlando di cifre altissime pro capite, però è emerso un debito di gestione con conguagli massimi nell'ordine di 150-200 euro. Il consuntivo non è chiarissimo su cosa abbia determinato il debito e non ci sono i giustificativi di spesa. Dato che è stato chiesto il pagamento integrale del conguaglio e della prima quota 2020 perciò mi chiedevo se era regolare il pagamento del conguaglio (le quote 2020 giustamente sì). Lei mi ha detto che l'amministratore può chiedere un acconto in attesa dell'assemblea e io volevo sapere come era regolamentato il discorso dell'acconto in termini di legge (si può procedere unilateralmente, accordo con amministratore).

 

L'acconto che vi chiederà eche verserete consideratelo come un anticipo che verrà successivamente scorporato dalle reali rate condominiali che successivamente delibererete.

 

pizzy dice:

L'acconto che vi chiederà eche verserete consideratelo come un anticipo che verrà successivamente scorporato dalle reali rate condominiali che successivamente delibererete.

 

Credo anche io che queste questioni vadano risolte a buon senso, ove possibile. Il problema si crea in caso di insoluti-insolventi, perché l'amministratore non ha possibilità di agire in via esecutiva.

×