Vai al contenuto
LuigiF

Verifica contabile precedente gestione

Buona sera a tutti,

 

il condominio in cui sono subentrato era gestito dal "collega" precedente con prelievi di assegni per la cassa ma ovviamente durante il passaggio di consegne di giustificativi per tali movimentazioni non c'è traccia (solo del prelievo sul c/c).

Ora su mandatato dei condomini dovrei fare una sorta di revisione contabile sull'ultimo anno di gestione e sui 4 mesi di prorogatio, ma non essendo troppo esperto chiederei a qualcuno se cortesemente mi da una mano per non impazzire dietro ai numeri.

Il consuntivo al passaggio di consegne (6-11-15) recita

 

SPESE 3091,78

INCASSI 2174,40

RIPORTO PRECEDENTE 2351,06

SALDO GESTIONE -3268,44

 

ATTIVO

crediti vs condomini 5159,52

c/c bancario 1358,66

cassa contanti 1130,63 (mi ha dato un suo assegno 🤔

 

ATTIVO

crediti vs condomini 5159,52

c/c bancario 1358,66

cassa contanti 1130,63 (mi ha dato un suo assegno 🤔

Ciao Leonardo, innanzitutto grazie!!!:thanks:

Quello è lo stato patrimoniale dal 1/7 al 6/11 (data del passaggio di consegne). Ho anche la contabilità e i rendiconti degli ultimi 3 esercizi. Il problema è che diverse spese a bilancio non sono transitate dal c/c ma pagate per contanti o pagate con il c/c dello studio e poi prelevate con assegni (ovviamente di questi movimenti non c'è contabilità).

Mi resta poi il dubbio delle fatture non contabilizzate e non pagate: ti pare normale che uno spende soldi nel 2014, l'esercizio si chiude a giugno 2015 e dopo 1 anno e mezzo non le hai messe in contabilità? E quando pensava di farlo?

Ciao Leonardo, innanzitutto grazie!!!:thanks:

Quello è lo stato patrimoniale dal 1/7 al 6/11 (data del passaggio di consegne). Ho anche la contabilità e i rendiconti degli ultimi 3 esercizi. Il problema è che diverse spese a bilancio non sono transitate dal c/c ma pagate per contanti o pagate con il c/c dello studio e poi prelevate con assegni (ovviamente di questi movimenti non c'è contabilità).

Mi resta poi il dubbio delle fatture non contabilizzate e non pagate: ti pare normale che uno spende soldi nel 2014, l'esercizio si chiude a giugno 2015 e dopo 1 anno e mezzo non le hai messe in contabilità? E quando pensava di farlo?

Se le fatture sono state pagate per contanti risulteranno quietanzate.

Non ti fissare con il conto corrente ma controlla la contabilità.

Al momento hai 5159,52 da incassare dai morosi.

Controlla lo stato patrimoniale precedente per verificare se quegli €. 5.757,73 di debiti vs società xyz sono anche debiti del rendiconto precedente o solo di quest'anno.

Naturalmente se nel frattempo arrivano altre fatture di competenza di questo esercizio devi verificare tu a cosa si riferiscono.

Devi ricostruire la contabilità ma se i soldi transitati tra c/c, contanti e conto personale ti creano già confusione, ti consiglio di affidarti ad un esperto contabile per partire almeno dall'ultimo rendiconto approvato (quello fino al 31/06) dove c'è una situazione di debiti e crediti certi e da lì inserire tutti i dati del nuovo esercizio che parte dal 01/07/2015 e chiuderai tu al 31/6/2015 con i dati tuoi e dell'ex amministratore.

Non ti fissare con il conto corrente ma controlla la contabilità.

Mi "fisso" eccome con il c/c perchè tutti i problemi di ammanchi, contabilità sballate, conti che non tornano, ecc.. nascono proprio da tutti quei colleghi che non usano solo ed esclusivamente tale mezzo come previsto dalla normativa. Io pago tutto con bonifico e persino i 30€ per la sala parrocchiale li prelevo con assegno e mi faccio firmare la ricevuta della banca dal parroco! Se passo la mia contabiltà ad un collega non ha niente da fare: tutto quadra voce per voce con il c/c: questa è massima trasparenza! E allo stesso modo i condomini dal sito vedono l'estratto c/c e tutte le fatture-utenze pagate... chiunque può analizzare la mia gestione in 5 min anche con solo la 3a media!

Devi ricostruire la contabilità ma se i soldi transitati tra c/c, contanti e conto personale ti creano già confusione, ti consiglio di affidarti ad un esperto contabile per partire almeno dall'ultimo rendiconto approvato (quello fino al 31/06) dove c'è una situazione di debiti e crediti certi e da lì inserire tutti i dati del nuovo esercizio che parte dal 01/07/2015 e chiuderai tu al 31/6/2015 con i dati tuoi e dell'ex amministratore.

Sarebbero certi se avesse inserito tutte le fatture in contabilità e risultassero da pagare: ho ereditato un altro condominio di soli 11 appartamenti (senza riscaldamento e ascensori) ma con 13mila euro di debiti, però tutti indicati nello stato passivo... in questo caso invece non ci sono certezze: è dal 1998 che lo amministra la stessa persona... sposta fatture da un anno all'altro, pagamenti fatti come capita, sfido io a trovare un punto di partenza CERTO.

Rincaro la dose raccontantoti pure che lo stesso imputa interessi passivi ai condomini che pagano in ritardo e quei soldi a fine esercizio 13/14 se li era prelevati come avanzo di gestione per cassa.

Ovviamente è iscritto ad una delle più note associazioni di categoria che ben si guarda da far selezione ma solo ampia pubblicità sul quotidiano locale per poi proporre corsi a nuovi amministratori a botte di 1000€

Sfogo a parte, queste benedette fatture non contabilizzate e non pagate me le devo caricare nella mia gestione che ovviamente a preventivo non prevedeva quei 3000€? Così avrò pure problemi a fine esercizio per mancanza di liquidità...

Mi "fisso" eccome con il c/c perchè tutti i problemi di ammanchi, contabilità sballate, conti che non tornano, ecc.. nascono proprio da tutti quei colleghi che non usano solo ed esclusivamente tale mezzo come previsto dalla normativa. Io pago tutto con bonifico e persino i 30€ per la sala parrocchiale li prelevo con assegno e mi faccio firmare la ricevuta della banca dal parroco! Se passo la mia contabiltà ad un collega non ha niente da fare: tutto quadra voce per voce con il c/c: questa è massima trasparenza! E allo stesso modo i condomini dal sito vedono l'estratto c/c e tutte le fatture-utenze pagate... chiunque può analizzare la mia gestione in 5 min anche con solo la 3a media! ...

Possiamo disquisire sulla trasparenza quanto vuoi perchè con me sfondi una porta aperta.

E' dal 2009, anno in cui cominciai ad amministrare il mio condominio, che è tutto trasparente con ogni singolo pezzo di carta in mio possesso ed ogni dato di contabilità è sul sito web del condominio, aggiornato al massimo entro 5 giorni dalla data dell'ultima operazione.

 

La regola contabile, però, è unica ed il c/c è solo un contenitore di denaro.

Prima della riforma, ma anche prima che prendesse piede l'uso dei PC e delle calcolatrici, tutto (o quasi) veniva gestito per contanti (incasso quote porta a porta e pagamento ai fornitori).

Come credi che avvenisse il passaggio di consegne?

 

Devi partire dall'ultimo rendiconto approvato, certo non perchè esatto ma perchè, pur se errato, APPROVATO dall'assemblea.

Da quel punto e fino al giorno del passaggio di consegne devi verificare la contabilità del tuo predecessore.

Hai fatto approvare un preventivo spese ma i preventivi possono sempre essere rettificate in base alle esigenze.

Se emergono fatture insolute relative a gestioni precedenti già approvate, devi innanzitutto verificare che siano insoluti dovuti (lavori eseguiti e non pagati).

Dopodichè convochi l'assemblea perchè la pura regola contabile imporrebbe una revisione di bilancio per modificare un bilancio di competenza (si pensi all'acquirente subentrante che non deve pagare le spese di esercizio oltre quello precedente).

Se la fattura risulta davvero non pagata ma da pagare, se non ci sono state compravendite da imporre il giusto costo d'esercizio annuale e l'assemblea non vuole sostenere i costi di una revisione contabile, la stessa assemblea può deliberare di accollarsi il nuovo debito nell'esercizio in corso.

Ovviamente, dovrai far deliberare almeno una revisione di preventivo o una quota straordinaria per sopperire alla nuova spesa imprevista.

 

P.S. Poichè anch'io ho solo la 3a media e non sono nemmeno un amministratore professionista, prendi quanto da me scritto solo come il mio parere personale.

Magari un contabile o un amministratore professionista, se vorrà partecipare a questa discussione, potrà darti consigli migliori e/o correggermi se sbaglio.

Magari un contabile o un amministratore professionista, se vorrà partecipare a questa discussione, potrà darti consigli migliori e/o correggermi se sbaglio.

Come suggerito da Leonardo stesso - che ringrazio ancora una volta per aver condiviso il suo pdv - non c'è nessun altro collega che può/vuole contribuire a far luce sulla questione delle verifiche contabili sulle gestioni precedenti che ci troviamo ad ereditare?

×