Vai al contenuto
emeloro

Sostituzione luce cabina ascensore

Buongiorno a tutti, abito un condominio composto da tre fabbricati, io abito all'ultimo piano e qualche settimana fà il neon che illumiva l'interno dell'ascensore si è bruciato.

Un condomino ha deciso, di sua iniziativa, di modificare l'impianto e collegare una barra di led, lodevole iniziativa mirata a consumare meno corrente, ma, credo, senza avere le autorizzazioni "legali".

Mi confermate che, anche per cambiare il neon nell'interno dell'ascensore deve intervenire la ditta che si occupa della manutenzione dell'ascensore ?

Con questa modifica, possono fermare l'impianto perchè non a norma ?

ciao

 

l'illuminazione della cabina non è prerogativa esclusiva della ditta cui è stato dato l'incarico della manutenzione, e quindi se l'intervento è nel rispetto delle norme, non ci sono problemi. Il cambio di un neon affidato alla ditta di manutenzioni spesso costa anche 3 o 4 volte quella di un elettricista abilitato.

Ringraziate quel condomino. Per sostituire il neon basta chiamare anche un elettricista - la ditta di manutenzione dell'ascensore lo consiglia pure -

Ciao

Nicola:l

il condomino deve invece essere diffidato dal compiere atti di manutenzione che la legge pone a carico esclusivo del manutentore .

'unico soggetto abilitato e' ascensorista patentato ovvere in possesso del patentino prefettizio .

 

dm 37/08

Art. 10.

Manutenzione degli impianti

omissis

3. Per la manutenzione degli impianti di ascensori e montacarichi

in servizio privato si applica il decreto del Presidente della

Repubblica 30 aprile 1999, n. 162 e le altre disposizioni specifiche.

 

 

 

Art. 15.

Manutenzione

 

1. Ai fini della conservazione dell'impianto e del suo normale

funzionamento, il proprietario o il suo legale rappresentante sono

tenuti ad affidare la manutenzione di tutto il sistema dell'ascensore

o del montacarichi a persona munita di certificato di abilitazione o

a ditta specializzata ovvero a un operatore comunitario dotato di

specializzazione equivalente che debbono provvedere a mezzo di

personale abilitato.

Il certificato di abilitazione e' rilasciato dal prefetto, in

seguito all'esito favorevole di una prova teorico- pratica, da

sostenersi dinanzi ad apposita commissione esaminatrice ai sensi

degli articoli 6, 7, 8, 9 e 10 del decreto del Presidente della

Repubblica 24 dicembre 1951, n. 1767.

omissis

 

 

il condomino se vuole potra' cambiare tutte le lampadine che vuole (a casa sua,sule scale condominiali,el giardino condominiale )ma non certo dentro l'ascensore .

 

p.s. la stessa cosa vale per l'elettricista ovvero non puo' sostiture le lampadine dell'ascensore .(anche se lo consiglia la ditta di manutenzione )

Grazie per le risposte.

L'intervento è stato effettuato da un non elettricista, la mia preoccupazione è che quando verrà la ditta di manutenzione possa lamentarsi di questa modifica.

Grazie per le risposte.

L'intervento è stato effettuato da un non elettricista, la mia preoccupazione è che quando verrà la ditta di manutenzione possa lamentarsi di questa modifica.

lamentarsi sarebbe il minimo ,la ditta per tutelarsi potrebbe anche segnalare la cosa all'autorita' competente per l'accertamento delle responsabilita' ammiinistrative e penali .

lamentarsi sarebbe il minimo ,la ditta per tutelarsi potrebbe anche segnalare la cosa all'autorita' competente per l'accertamento delle responsabilita' ammiinistrative e penali .

OK, vedo dal tuo profilo che sei esperto di questo cose (TECNICO ASCENSORISTA), ora per ripristinare il tutto cosa si deve fare ?

Da come ho capito, il condomino non ha intenzione di smontare la barra di led.

Non scriviamo corbellerie o terrorismo ascensoristico. L'autorità competente ha altro a cui pensare che alla sostituzione di una lampadina. La sostituzione della lampadina di per se ha poca importanza, è la modifica eseguita che deve essere valutata. Se la modifica da lampadina a filamento o al neon con lampada a LED è stata eseguita secondo i criteri di buona tecnica, nessun ascensorista si prenderà la briga di avanzare contestazioni.

E' vero quanto scritto prima e cioè è dalla notte dei tempi che l'ascensorista consiglia la sostituzione della lampadina. Anche perchè presentare un conto da 100/150 € per una lapadina, costo che potrebbe essere giustificato dagli spostamenti ecc, classificherebbe l'ascensorista come "ladro".

Non scriviamo corbellerie o terrorismo ascensoristico. L'autorità competente ha altro a cui pensare che alla sostituzione di una lampadina. La sostituzione della lampadina di per se ha poca importanza, è la modifica eseguita che deve essere valutata. Se la modifica da lampadina a filamento o al neon con lampada a LED è stata eseguita secondo i criteri di buona tecnica, nessun ascensorista si prenderà la briga di avanzare contestazioni.

E' vero quanto scritto prima e cioè è dalla notte dei tempi che l'ascensorista consiglia la sostituzione della lampadina. Anche perchè presentare un conto da 100/150 € per una lapadina, costo che potrebbe essere giustificato dagli spostamenti ecc, classificherebbe l'ascensorista come "ladro".

appunto i criteri di buon norma prevedono che cio' sia eseguito dall'ascensorista . (lo prevede la legge )

 

se poi tu vuoi consigliare il libero arbitrio e'un altro discorso.(ovvero fallo tu ma tieni presente che non puoi farlo )

il condomino deve invece essere diffidato dal compiere atti di manutenzione che la legge pone a carico esclusivo del manutentore .

'unico soggetto abilitato e' ascensorista patentato ovvere in possesso del patentino prefettizio .

 

dm 37/08

Art. 10.

Manutenzione degli impianti

omissis

3. Per la manutenzione degli impianti di ascensori e montacarichi

in servizio privato si applica il decreto del Presidente della

Repubblica 30 aprile 1999, n. 162 e le altre disposizioni specifiche.

 

 

 

Art. 15.

Manutenzione

 

1. Ai fini della conservazione dell'impianto e del suo normale

funzionamento, il proprietario o il suo legale rappresentante sono

tenuti ad affidare la manutenzione di tutto il sistema dell'ascensore

o del montacarichi a persona munita di certificato di abilitazione o

a ditta specializzata ovvero a un operatore comunitario dotato di

specializzazione equivalente che debbono provvedere a mezzo di

personale abilitato.

Il certificato di abilitazione e' rilasciato dal prefetto, in

seguito all'esito favorevole di una prova teorico- pratica, da

sostenersi dinanzi ad apposita commissione esaminatrice ai sensi

degli articoli 6, 7, 8, 9 e 10 del decreto del Presidente della

Repubblica 24 dicembre 1951, n. 1767.

omissis

 

 

il condomino se vuole potra' cambiare tutte le lampadine che vuole (a casa sua,sule scale condominiali,el giardino condominiale )ma non certo dentro l'ascensore .

 

p.s. la stessa cosa vale per l'elettricista ovvero non puo' sostiture le lampadine dell'ascensore .(anche se lo consiglia la ditta di manutenzione )

Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare.

Ciao

Nicola.L

Non scriviamo corbellerie o terrorismo ascensoristico. L'autorità competente ha altro a cui pensare che alla sostituzione di una lampadina. La sostituzione della lampadina di per se ha poca importanza, è la modifica eseguita che deve essere valutata. Se la modifica da lampadina a filamento o al neon con lampada a LED è stata eseguita secondo i criteri di buona tecnica, nessun ascensorista si prenderà la briga di avanzare contestazioni.

E' vero quanto scritto prima e cioè è dalla notte dei tempi che l'ascensorista consiglia la sostituzione della lampadina. Anche perchè presentare un conto da 100/150 € per una lapadina, costo che potrebbe essere giustificato dagli spostamenti ecc, classificherebbe l'ascensorista come "ladro".

Punto primo evita certe esternazioni non richieste,grazie.

Punto secondo, se sei in grado, dimostra e documenta COME e CHI e a carico di CHI dovrebbe controllare-valutare se tale intervento è stato eseguito secondo norma.

Caso contrario la tua è disinformazione.

Per tua informazione,invece,il cambio di un neon può:

-esser già previsto ed incluso nel canone

-non costa quanto hai indicato

-gli ascensoristi,fino a prova contraria,non sono da definirsi "ladri".

Non scriviamo corbellerie o terrorismo ascensoristico. L'autorità competente ha altro a cui pensare che alla sostituzione di una lampadina. La sostituzione della lampadina di per se ha poca importanza, è la modifica eseguita che deve essere valutata. Se la modifica da lampadina a filamento o al neon con lampada a LED è stata eseguita secondo i criteri di buona tecnica, nessun ascensorista si prenderà la briga di avanzare contestazioni.

E' vero quanto scritto prima e cioè è dalla notte dei tempi che l'ascensorista consiglia la sostituzione della lampadina. Anche perchè presentare un conto da 100/150 € per una lapadina, costo che potrebbe essere giustificato dagli spostamenti ecc, classificherebbe l'ascensorista come "ladro".

se non erro mi sembra che anche voi abbiate previsto

 

La necessità che le operazioni di manutenzione siano eseguite da persone competenti addette

alla manutenzione (vedere 3.3) e provviste delle necessarie attrezzature e strumenti.

 

persona competente addetta alla manutenzione: Persona incaricata, adeguatamente

addestrata, (vedere serie EN ISO 9000), qualificata per conoscenza ed esperienza pratica,

provvista delle necessarie istruzioni e supportata nell’organizzazione di manutenzione

per permettere che le operazioni di manutenzione richieste siano eseguite in sicurezza.

 

e fino a prova contraria la sostituzione della lampadina e' parte integrante della manutenzione di un ascensore .

 

e' l'addetto alla manutenzione di un'ascensore per legge e' solo l'ascensorista patentato .

MI SI CONSENTA NELL' OCCASIONE DI AGGIUNGERE :

i locali del macchinario e delle pulegge di rinvio dell'impianto ascensore devono essere chiusi a chiave durante il servizio e la chiave deve essere affidata al personale di custodia o a persona incaricata (articolo 6.6 del Dpr 1497/1963). Sulla porta di accesso deve essere applicato un cartello con l'indicazione: « Ascensore (o Montacarichi) - Vietato l'accesso agli estranei». Un altro cartello deve indicare il nome e il recapito del manutentore (articolo 6.7, Dpr 1497/1963). Ancora, il manutentore provvede anche alla manovra di emergenza che, in caso di necessità, può essere effettuata anche da personale di custodia istruito per questo scopo (articolo 15, Dpr n. 162/1999).Sulla base dei dati normativi richiamati, solo persone specificamente istruite possono accedere ai locali del macchinario ed effettuare la manovra di emergenza in caso di necessità. Inoltre, si raccomanda che le istruzioni necessarie siano fornite direttamente dal manutentore nel corso di apposite riunioni, seguite da prove pratiche, formalmente indette e verbalizzate, e che l'incarico di eseguire la manovra di emergenza sia formalmente conferito con disposizione scritta (circolare ministero Difesa 1 dicembre 1999).Per quanto detto, la chiave di ingresso al locale deve essere accessibile sia al manutentore, sia alle persone appositamente istruite per la manovra; può essere affidata in custodia a più condomini e può anche essere posta in una cassetta con lastra di vetro frangibile nei pressi del locale stesso.

con ironia parafrasandoti:

Tanta gente rappresenta un osceno spettacolo del mondo. E si pagherebbe volentieri il biglietto per vederla in galera (RossiE)

Un conto è la manutenzione dell'ascensore che è regolata in Italia già dal Legge 24/10/1942 n 1415, un conto è la sostituzione della lampadina della cabina. Non si è mai parlto della sostituzione delle lampadine nel locale macchine, ammesso che il locale macchine esista, vedi MRL.

In risposta al moderatore è l'Ente Notificato a cui sono state affidate le visite periodiche biennali che verifica la conformità alle norme degli interventi eseguiti sugli impianti elevatori. La sostituzione di una lampadina e la sotituzione di una plafoniera di cabina non rientra negli interventi da sottoporre all'Ente Notificato. Tale intervento non è stato preso in considerazione nenchè dalla EN 10411-1/2 che si ocupa della modernizzazione degli impianti ascensori. Tale intervento e i relativi rischi non sono stati presi in considerazione quando con i miei colleghi italiani abbiamo scritto la norma europea UNI EN81.80 "Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti." Aver scritto "terrorismo ascensoristico" è stata una forzatura ma ne ho sentite troppe da parte degli ascensoristi. Tanto per togliere ombre e non sembri che sono contro gli ascensoristi ho lavorato a livello di manager in un azienda ascensoristica dal 1975 al 2010.

A completamento di quanto scritto dl moderatoe e cioè:

Per tua informazione,invece,il cambio di un neon può:

-esser già previsto ed incluso nel canone

-non costa quanto hai indicato

-gli ascensoristi,fino a prova contraria,non sono da definirsi "ladri".

 

-la sostituzione del cambio neon è una delle voci che vengono escluse dal canone, non ho ancora visto un contratto di manutenzione che lo preveda.

-costa quanto ho indicato e per le multinazionali anche di più, se devo eseguire un intervento solo per la lampadina e l'ascensore non è dietro l'ufficio occorrono tra andare e tornare circa 1 ora e mezza + mezzora per far arrivare l'ascensore smontare la plafoniera e sostituire la lampadina.

2 ore tra viaggio e sostituzione + costo lampadina + costi per interni + margine aziendale e i conti son fatti.

- gli ascensoristi non sono "ladri" ma se fanno pagare una sostituzione di lampadina 100/150 € vengono tacciati per ladri ed è per questo che preferiscono afr sostituire la lampadina all'elettricista del condominio o a un condomino.

A completamento di quanto scritto dl moderatoe e cioè:

Per tua informazione,invece,il cambio di un neon può:

-esser già previsto ed incluso nel canone

-non costa quanto hai indicato

-gli ascensoristi,fino a prova contraria,non sono da definirsi "ladri".

 

-la sostituzione del cambio neon è una delle voci che vengono escluse dal canone, non ho ancora visto un contratto di manutenzione che lo preveda.

-costa quanto ho indicato e per le multinazionali anche di più, se devo eseguire un intervento solo per la lampadina e l'ascensore non è dietro l'ufficio occorrono tra andare e tornare circa 1 ora e mezza + mezzora per far arrivare l'ascensore smontare la plafoniera e sostituire la lampadina.

2 ore tra viaggio e sostituzione + costo lampadina + costi per interni + margine aziendale e i conti son fatti.

- gli ascensoristi non sono "ladri" ma se fanno pagare una sostituzione di lampadina 100/150 € vengono tacciati per ladri ed è per questo che preferiscono afr sostituire la lampadina all'elettricista del condominio o a un condomino.

A conclusione quindi:

-non c'è un ente o altro organo che verifichi detto impianto illuminante

-i condòmini in ogni caso non sono autorizzati come per ogni altro impianto comune

-essendo un impianto condominiale,taglio le mani ai condòmini che ci vogliono mettere per risparmiare 50€

-ho le fatture per detta sostituzione effettuate nel 2013 per tale importo (in pdf)

-tale importo è sicuramente inferiore a quello dell'elettricista che a sua volta non arriva a 100/150€.

 

La risposta quindi al quesito ufficiale è che il condòmino non è autorizzato ma lo è chi risulta abilitato,elettricista o manutentore che sia.

anche se uno potrebbe ritenere eccessivo il costo da parte del manutentore non significa essere leggittimati a compiere cio che la legge vieta .

ripeto il condomino ha facolta' di cambiare le lampadine a casa sua ,sulle scale condominali e su altre parti comuni , tranne che sull'ascensore .

A conclusione quindi:

-non c'è un ente o altro organo che verifichi detto impianto illuminante

-i condòmini in ogni caso non sono autorizzati come per ogni altro impianto comune

-essendo un impianto condominiale,taglio le mani ai condòmini che ci vogliono mettere per risparmiare 50€

-ho le fatture per detta sostituzione effettuate nel 2013 per tale importo (in pdf)

-tale importo è sicuramente inferiore a quello dell'elettricista che a sua volta non arriva a 100/150€.

 

La risposta quindi al quesito ufficiale è che il condòmino non è autorizzato ma lo è chi risulta abilitato,elettricista o manutentore che sia.

piccola precisazione ,nel caso del'ascensore per operare non e' sufficiente l'abilitazione ai sensi del dm 37/08 occorre essere abilitati alla manutenzione ovvero essere in possesso del patentino prefettizio .

Un conto è la manutenzione dell'ascensore che è regolata in Italia già dal Legge 24/10/1942 n 1415, un conto è la sostituzione della lampadina della cabina. Non si è mai parlto della sostituzione delle lampadine nel locale macchine, ammesso che il locale macchine esista, vedi MRL.

e la sostituzione di una lampadina quindi cosa e' se non un atto di manutenzione ?

Ringrazio tutti voi per le risposte, specie quelle di ordine legislativo, questa mattina viene il tecnico ascensorista e vediamo sul da farsi.

Io abito in un condominio di 5 scale con 12 alloggi ciascuna per un totale di 60 alloggi e ci stiamo interessando noi 5 capiscala alla gran parte di lavori di manutenzione del condominio con il consenso dei condomini. Il condominio è cambiato come dal giorno alla notte in quanto ci abitiamo noi e abbiamo tutto l'interesse di fare i lavori meglio delle ditte autorizzate. Con un risparmio enorme di milioni di euro. Purtroppo la burocrazia italiana non lo permette ma noi lo facciamo lo stesso. Cambiare una lampadina 70 euro dell'elettricità e 2 euro cambiata da noi. Ci vuole la certificazione? Premetto che ci siamo scontrati più volte con l'amministratore che forse non prende più la sua quota per ogni lavoro effettuato. Grazie.

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×