Vai al contenuto
pzcondomini

Sopraelevazione, quali maggioranze per le nuove tabelle??

Un condomino dell'ultimo piano ha realizzato un nuovo appartamento in più costruendo sulla sua terrazza di uso esclusivo a cui ora si devono attribuire dei millesimi, il proprietario si è affidato ad un tecnico che ha redatto le nuove tabelle sottraendo ad ognuno un tot. calcolato subase proporzionale tra le vecchie tabelle esistenti e le metrature degli appartamenti e la metratura realizzata ex-novo, quale maggioranza deve approvarle? I condomini potrebbero essere leggittimati a chiedere che vengano rimisurati tutti gli appartamenti?

 

Devo fare a breve un'assemblea al riguardo e non vorrei farmi trovare impreparata sull'approvazione e le maggioranze, la riforma dice:

69. I valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui

all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all’unanimità. Tali valori possono essere

rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista

dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di

incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un

quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il

relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al

regolamento di condominio ai sensi dell'articolo 68, può essere convenuto in giudizio unicamente il

condominio in persona dell'amministratore. Questi è tenuto a darne senza indugio notizia

all'assemblea dei condomini. L'amministratore che non adempie a quest'obbligo può essere

revocato ed è tenuto al risarcimento degli eventuali danni.

Le norme di cui al presente articolo si applicano per la rettifica o la revisione delle tabelle per la

ripartizione delle spese redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali. (1)

 

SECONDO VOI QUAL'E' LA COSA GIUSTA DA FARE??

Sicuramente il metodo adottato dal tecnico è il più economico, ma non è detto sia il più accurato.

Inoltre, sarebbe meglio se il tecnico fornisse un'esaustiva relazione del suo operato, dei riscontri metrici, dei coefficienti utilizzati per ogni vano e del calcolo.

 

Approvando tale metodo darebbero per scontato che le tabelle preesistenti andassero bene.

 

In ogni caso, poichè il tecnico potrebbe trovarsi di fronte a eventuali pressioni o istanze del committente, potrebbe essere meglio nominare un tecnico del condominio che tuteli lo stesso. Questo qualora qualcuno storca il naso o faccia opposizione in assemblea. Puoi anche proporlo tu qualora si verificasse un impasse.

 

Il resto è semplice, ma non è detto facile: meno di un quinto di aumento dei valori proporzionali = unanimità.

Più di un quinto = maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

"Un quinto di aumento dei valiri proporzionali", cosa si intende specificatamente? Se ho capito bene ci si riferisce al valore millesimale attribuito al nuovo appartamento rispetto ai valori millesimali dei restanti immobili dell'intero edificio?

Da ciò puoi comprendere l'importanza di verificare (come ti ho scritto su), la bontà del calcolo e l'uso dei coefficienti relativamente ai millesimi della nuova porzione immobiliare. A fronte della connessione con la maggioranza necessaria.

....ho ricevuto in extremis oggi (questa sera ho l'assemblea) una relazionetecnica del condomino interessato alla realizzazione della nuova opera per sopraelevazione con la quale viene chiaramente indicata un aumento superiore ad 1/5 della superficie, quindi in questo caso: maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

Qualcuno gentilmente sa confermarmi? Scusate ma con le nuove disposizioni ancora mi trovo in difficoltà,grazie.

Grazie!!! ...lui ha già fattoredigere a proprie spese le nuove tabelle e sono già state distribuite da tempo, questa sera c'è l'approvazione da parte dell'assemblea, che io sappia c'è slo un condomino per ora che si opporrà e sicuramente gli altri vorranno la mia opinione. Grazie ancora.

E' stato scritto:

 

Sarei grato se qualcuno volesse rivelare la fonte normativa di tale disposizione, ossia quale norma, art. o sentenza lo stabilisce.

Escludo che lo preveda l'onipresente art. 1136 del c/c.

grazie

E' stato scritto:

 

Sarei grato se qualcuno volesse rivelare la fonte normativa di tale disposizione, ossia quale norma, art. o sentenza lo stabilisce.

Escludo che lo preveda l'onipresente art. 1136 del c/c.

grazie

http://www.altalex.com/index.php?idnot=60204

 

a metà pagina:

 

Valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 disp. att. c.c. (art. 23) Possono essere rettificati o modificati all'unanimità. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio, nei seguenti casi:

  1. quando risulta che sono conseguenza di un errore;
  2. quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

 

L' apparente non coerenza nella maggioranza necessaria và riferita ad una scelta volontaria piuttosto che per errore dimostrato o modifica edilizia.

 

Tradotto:

1-se i condomini decidono di alterare a prorpi piacimento la tabella milliesimale (enza nemmeno fare opportuni calcoli) allora serve l' unanimità (tutti devono essere d' accordo)

2-se la modifica è per richiesta di un codomino che dimostri un errore nella tabella esistente o abbia aumentato la propria volumetria allora basta la maggioranza indicata.

quindi l'assemblea che ha deliberato l'approvazione dei millesimi nuovi con 787 M/m dopo aver appurato che è stato realizzato un vano superiore ad 1/5 è nella regolarità di quanto dettato dalla nuova riforma?

×