Vai al contenuto
Allanom

Ripartizione spese quando queste sono urgenti

Salve a tutti ragazzi e grazie a chi mi aiuterà con il mio quesito,

Abito in un Condominio costituito da 4 palazzine, tempo fa nella mia palazzina si è manifestato un grave problema sul tetto che richiedeva il rifacimento dell'intero lastrico solare, ho chiesto informazioni sull'eventuale ripartizione della spesa, ma purtroppo l'amministratore del condominio ha constato l'impossibilità della partecipazione dell'intero condominio alla spesa.

Dopo qualche tempo alcuni condomini delle altre palazzine, discutevano della necessità di ripristinare i cornicioni di due palazzine che stanno in fondo al condominio (specifico che quella è una parte che non uso mai perchè la mia palazzina è molto lontana da queste) e qui l'amministratore mi assicurò sul fatto che io non avrei dovuto partecipare alla suddetta spesa, poichè non pertinente alla mia palazzina, un bel giorno sotto le lamentele di molti, i lavori sui suddetti cornicioni sono stati svolti (senza informare il condominio) ed alla riunione successiva l'amministratore del condominio ha risposto semplicemente che c'era un carattere d'urgenza, e che non vi era il tempo di invocare nessuna riunione, nessun preventivo, nulla, un condomino si è assunto l'onere di chiamare una ditta che svolgesse semplicemente i lavori. 

L'amministratore oggi mi comunica che parteciperò a questa spesa che sarà a carico dell'intero condominio.

La mia domanda è...PERCHE'? è un bene comune di cui non usufruisco, non capisco il carattere d'urgenza..chi lo decide? non ci dovrebbe essere un pubblico ufficiale (che so dei vigili del fuoco? delle perizie?) che ne attesta il carattere d'urgenza? e perchè se la spesa è normale non sono tenuto a pagare, ma se questa è di carattere d'urgenza dovrei farlo? 

 

Grazie a chi mi saprà aiutare

 

Allanom dice:

è un bene comune di cui non usufruisco, non capisco il carattere d'urgenza..chi lo decide? non ci dovrebbe essere un pubblico ufficiale (che so dei vigili del fuoco? delle perizie?) che ne attesta il carattere d'urgenza? e perchè se la spesa è normale non sono tenuto a pagare, ma se questa è di carattere d'urgenza dovrei farlo? 

Il carattere di urgenza lo giustifica l'amministratore dicendo che il cornicione era pericolante ma lo approva l'assemblea a maggioranza e la minoranza dissenziente può impugnare la delibera ricorrendo al Giudice.

In tal caso l'amministratore dovrà dimostrare al Giudice il carattere d'urgenza.

L'altra faccia della medaglia è: se la maggioranza approva, avrebbe approvato anche lo stesso preventivo di spesa presentato in assemblea, quindi, in pratica è la maggioranza che decide.

 

Si, ma la mia domanda è, un cornicione che fa parte di un edificio che non è di mia pertinenza condominiale (è staccato dal mio edificio) devo partecipare anche io alle spese?

Perchè per il lastrico solare del mio edificio non può partecipare tutto il condominio, ma per il cornicione di un altro edificio devo partecipare anche io?

Allanom dice:

Si, ma la mia domanda è, un cornicione che fa parte di un edificio che non è di mia pertinenza condominiale (è staccato dal mio edificio) devo partecipare anche io alle spese?

Perchè per il lastrico solare del mio edificio non può partecipare tutto il condominio, ma per il cornicione di un altro edificio devo partecipare anche io?

Se gli edifici sono completamente autonomi e distaccati, il criterio legale di riparto da applicare è il terzo comma dell'art. 1123 del codice civile che recita:

 

Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condòmini che ne trae utilità.

 

Stando a questo comma, tu non devi partecipare alla spesa ma questo criterio legale e derogabile attraverso una CONVENZIONE.

Una convenzione è il regolamentto di condominio contrattuale.

Se esiste un regolamento contrattuale che obbliga tutti a parteciapre atutte le spese, il regolamento contrattuale prevale sul criterio legale.

Leonardo53 dice:

Se gli edifici sono completamente autonomi e distaccati, il criterio legale di riparto da applicare è il terzo comma dell'art. 1123 del codice civile che recita:

 

Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condòmini che ne trae utilità.

 

Stando a questo comma, tu non devi partecipare alla spesa ma questo criterio legale e derogabile attraverso una CONVENZIONE.

Una convenzione è il regolamentto di condominio contrattuale.

Se esiste un regolamento contrattuale che obbliga tutti a parteciapre atutte le spese, il regolamento contrattuale prevale sul criterio legale.

E sono d'accordo con te, solo che non penso vi sia un regolamento di condominio, o almeno non mi è stato consegnato alcuno quando sono andato ad abitare, prova ne è il fatto che per quanto concerne il tetto dell'edificio in cui abito, dovrei partecipare soltanto io e chi occupa l'edificio, per lo stesso criterio, non capisco perchè io debba partecipare alle spese che riguardano un altro edificio. Il carattere d'urgenza non giustifica appunto l'articolo 1123 del C.V. secondo me, volevo appunto un vs parere.

Tendo anche a sottolineare che purtroppo in questo condominio, popolano un pò di furbetti, primo fra tutti proprio l'amministratore, che mi fa avere il rapporto di pagamento dopo ben 2 anni di residenza al condominio, e soltanto grazie al MIO controllo di tutte le ricevute, gli faccio notare che mi avevaa caricato circa 300 euro in più di spesa sul conto da saldare.

Il tutto senza ricevere un minimo di scuse per quella che considero Incompentenza o semplice malafede

×