Vai al contenuto
antonio.borrello

Ripartizione spese elettriche parti comuni

Secondo il vostro parere è corretta questa ripartizione?

 

"Le spese dell’energia elettrica saranno ripartite secondo le seguenti percentuali:

 

15% sulle centrali termiche, 15% sui servizi illuminazione e altri servizi e il 70% sugli ascensori"

 

Di cui queste ultime divise secondo superficie e altezza?

Senza dati sull'impianto è impossibile valutare.

 

Nel mio caso specifico l'ascensore fa il 30% (kone space, alto risparmio energetico, una cosa come 1,5kw di picco!) dei consumi, consuma molto la centrale termica.(pompe)

Senza dati sull'impianto è impossibile valutare.

 

Nel mio caso specifico l'ascensore fa il 30% (kone space, alto risparmio energetico, una cosa come 1,5kw di picco!) dei consumi, consuma molto la centrale termica.(pompe)

Ma posso capire se è corretto o meno?

Partiamo dal presupposto che le spese vanno ripartite con le apposite tabelle;detto questo, la percentuale di ripartizione deve essere decisa dall'assemblea ovvero essere contenute in un regolamento condominiale. Da quanto esponi suppongo che non abbiate contatori a defalco bensì un unico contatore.

Infine, il consumo di energia per l'ascensore e/o la scala deve essere ripartito solo per altezza piano.

L'installazione dei contatori a defalco per: c.le termica, ascensori,autoclave - se ne avete- e la differenza sottratta, tra la lettura del contatore generale e la sommatoria dei contatori a defalco, fra le parti comuni. Ogni consumo lo ripartisci secondo tabelle stabilite dal regolamento condominiale.

Si abbiamo unico contatore, ma non capisco se viene fatto con un criterio o a caso questa ripartizione tra pompa, illuminazione e ascensori.

Mi sembra troppo la quota ascensori

le percentuali devono essere stabilite dall'assemblea condominiale tenendo conto dei consumi annui di ciascun impianto..

Il problema è che il condominio è nuovo, non abbiamo storico.

Comunque senza i contatori separati, come si fa ad avere uno storico? Ci sarà sempre un totale

Secondo il vostro parere è corretta questa ripartizione?

 

"Le spese dell’energia elettrica saranno ripartite secondo le seguenti percentuali:

 

15% sulle centrali termiche, 15% sui servizi illuminazione e altri servizi e il 70% sugli ascensori"

 

Di cui queste ultime divise secondo superficie e altezza?

A occhio direi che la percentuale dell'ascensore è alta trattandosi di casa nuova e mi pare bassa la centrale termica anche se funziona 6 mesi anno.

O fai fare un conto da un elettricista rilevando la corrente assorbita dalle varie linee con un amperometro e moltiplicando il valore per il tempo stimato di funzionamento o installi direttamente tre contatori a defalco che costano poco e evitano beghe future.

Propongo una domanda sull'argomento d'interesse collettivo: supponendo una bolletta Enel condominiale (solo luce scale) che sia costituita da 55% costi fissi (servizi di vendita) e 45% energia (servizi di rete), sarebbe corretto un riparto in cui si dividono:

 

- la quota di spese fisse amministrative, in base a millesimi di proprietà

- la quota variabile relativa ai consumi energetici, in base all'altezza piano?

No, poichè la luce delle scale si divide solo per altezza piano. Questo dice la norma. Se volete derogare, dovete essere tutti d'accordo cioè 1000/1000.

Se poi consideriamo che gran parte delle bollette luce scale alimentano solo luce e al massimo l'impianto d'antenna e che la luce è comandata da un relé temporizzato fisso, la proporzionalità ad altezza piano centra quanto il cavolo a merenda, ma tant'è.. "dura lex, sed lex" ...🙂

Buonasera,abitiamo in una villetta con ingresso indipendente pedonale ma facciamo parte di un contesto condominiale con il quale abbiamo in comune solo corsello box. Abbiamo un regolamento condominiale 'ritoccato a mano' con ripartizione spese della corrente 30% spazio scala comune (degli altri condomini) e 70% spazio esterno al quale dobbiamo contribuire. La ripartizione non ci sembra equa, e quando abbiamo chiesto di poter mettere un contakilowatt per leggere i consumi effettivi degli spazi a noi in comune, l'amministratrice mi dice che le spese per lavoro elettricista sono a carico mio, è corretto? Come possono aver definito in quelle percentuali il consumo, è un sistems forfetario.

Qualcuno ha dei riferimenti di legge a favore o sfavore? Grazie

×