Vai al contenuto
genius2604

Ripartizione spese di manutenzione dell'impianto di antenna centralizzato.

Salve,avrei bisogno di un chiarimento.

Alcuni anni fa, nel condominio dove abito, si è deciso di installare un impianto di antenna centralizzato costituito da un'antenna per la ricezione del digitale terrestre e da un'antenna parabolica. In origine, nel palazzo non era presente tale impianto, avendo tutti i condomini la propria antenna.

Io sono stato favorevole alla realizzazione di tale impianto.

Quando sono venuti i tecnici per far passare i cavi per ricevere i canali satellitari si sono accorti che il "corrugato" che portava i fili dalla scatola di derivazione del piano dove è situato il mio appartamento fino al mio appartamento, non era idoneo ad ospitare sia i cavi utili per il segnale digitale terrestre sia quelli (più grandi) utili per trasportare il segnale satellitare in quanto troppo piccolo.

Ci era stato prospettato di modificare a nostre spese la traccia che portava i fili per l'antenna dalla scatola di derivazione fino alla mia abitazione privata.

Alla fine mi sono opposto al pagamento delle spese non avendo la ditta installatrice adempiuto a quanto aveva promesso (portare il segnale satellitare e terrestre nella mia abitazione, dotandomi anche il relativo box, utile per ricevere il segnale).

La situazione odierna è che usufruisco del solo segnale digitale terrestre.

Ultimamente, si è reso necessario manutenere la parabolica dell'impianto. Sono tenuto anche io a partecipare a tale spesa?

Il dubbio mi viene in quanto ho letto in un altro forum che tutti devono partecipare a tali spese: sia chi EFFETTIVAMENTE fruisce del segnale satellitare sia chi POTENZIALMENTE potrebbe fruirne. Tale è il caso di chi ha il filo della parabolica che arriva regolarmente fino alla propria abitazione. Nel mio caso non potrei allacciarmi neanche volendo all'impianto in quanto non arriva nella mia abitazione privata...Vorrei un chiarimento su questo punto! Grazie! 🙂

Infatti tu sei tra quelli POTENZIALMENTE interessati al ricevimento del segnale satellitare.

"A suo tempo" è stata una tua decisione... (LEGITTIMA) di non far fare i lavori per cambiare il corrugato. Quindi, ora, obtorto collo, dovrai sopportare le spese di manutenzione della parabola.

La ringrazio per la risposta. Ma nella mia abitazione non arriva proprio il segnale satellitare. Se volessi attaccarmi e passare da fruitore POTENZIALE a fruitore EFFETTIVO dovrei richiedere di allargare la traccia che non si trova dentro la mia proprietà privata ma che si trova sul piano in cui sussiste il mio appartamento e che per tale ragione si trova in un'area di proprietà comune. Mi chiedo se fosse stato più corretto addebitare le spese per allargare la traccia e far arrivare il segnale fino alla mia abitazione tra le spese di impianto generali dell'antenna, e quindi da dividersi tra tutti i condomini, piuttosto che farle pagare solo a me. Grazie.

Probabilmente mi sono espresso male, il problema del corrugato insiste nel percorso che devono fare il fili dalla scatola di derivazione che è presente nel pianerottolo condominiale, accanto alla porta dell'ascensore, fino all'ingresso nella mia proprietà privata.

Praticamente per ogni piano del palazzo, nel pianerottolo, vicino l'ascensore, è presente una scatola da cui arrivano i fili dell'impianto televisivo. Da lì, poi, questi arrivano nelle singole abitazione del piano tramite un corrugato sottotraccia.

Probabilmente mi sono espresso male, il problema del corrugato insiste nel percorso che devono fare il fili dalla scatola di derivazione che è presente nel pianerottolo condominiale, accanto alla porta dell'ascensore, fino all'ingresso nella mia proprietà privata. Praticamente per ogni piano del palazzo, nel pianerottolo, vicino l'ascensore, è presente una scatola da cui arrivano i fili dell'impianto televisivo. Da lì, poi, questi arrivano nelle singole abitazione del piano tramite un corrugato sottotraccia.

Non ti sei espresso male. Ho capito benissimo.

Però, nel primo post scrivi "Ci era stato prospettato di modificare a nostre spese la traccia che portava i fili per l'antenna dalla scatola di derivazione fino alla mia abitazione privata." Quindi... il non cambiare il corrugato è stata una tua decisione.

E' pur vero che... trattandosi di "percorso condominiale", la spesa doveva essere sostenuta dal condominio (sempre per quota parte millesimale).

Come diceva Lubrano "la domanda nasce spontanea": chi decise che la spesa per la sostituzione del corrugato esistente con uno più adatto a far passare i vari cavi doveva essere a carico delle singole proprietà private ???

...

E' pur vero che... trattandosi di "percorso condominiale", la spesa doveva essere sostenuta dal condominio (sempre per quota parte millesimale).

Come diceva Lubrano "la domanda nasce spontanea": chi decise che la spesa per la sostituzione del corrugato esistente con uno più adatto a far passare i vari cavi doveva essere a carico delle singole proprietà private ???

non è percorso condominiale ... è privato, nel momento in cui serve ad uno e non a tutti è privato

Come diceva Lubrano "la domanda nasce spontanea": chi decise che la spesa per la sostituzione del corrugato esistente con uno più adatto a far passare i vari cavi doveva essere a carico delle singole proprietà private ???

Grazie ancora per la risposta e per la sua disponibilità! Ce lo comunicò l'amministratore dell'epoca privatamente dopo aver parlato con i tecnici, non avvenne tramite una decisione assembleare...

non è percorso condominiale ... è privato, nel momento in cui serve ad uno e non a tutti è privato

La ringrazio per il suo contributo. Ho delle perplessità riguardo alla sua tesi, però. Il percorso in questione, insiste su una parete del pianerottolo condominiale. Sarebbe necessario allargare la traccia presente sul pianerottolo e porvi il nuovo corrugato più largo. In particolare, dalla scatola di derivazione fino alla mia abitazione nel corrugato vengono convogliati una coppia di fili che servono ad un appartamento (di un altro condomino) che si trova attaccato alla parete che ospita la scatola di derivazione del piano. Tale appartamento riceve regolarmente sia il segnale del digitale terrestre sia il segnale satellitare. Quando hanno provato a far passare altri due fili che dovevano servire al mio appartamento, attiguo al precedente, si sono accorti che nella traccia originaria non era possibile far passare quattro cavi (due per il primo appartamento attaccato alla parete e due per me). Ad oggi la situazione è, quindi la seguente: la traccia ospita per metà percorso sia i due fili del primo appartamento sia il solo filo del digitale terrestre che arriva nel mio appartamento e per il restante percorso il solo mio filo che arriva nel mio appartamento.

Quindi tale traccia, per lo meno per metà percorso, serve sia me sia il primo appartemento e per la restante parte serve solo me.

Forse, la sua tesi risulta più condivisibile per quanto riguarda questo ultimo tratto. Però se mi volessi allacciare veramente al segnale satellitare dovrebbe essere rifatta tutta la traccia a partire dalla scatola di derivazione, di modo che sia possibile ospitare a partire dalla scatola di derivazione del piano quattro fili e non tre, come invece avviene ora...

×