Vai al contenuto
Claudia Ciccarelli

Richiesta danni derivanti da insufficiente smaltimento delle acque piovane

Buonasera, chiedo una consulenza in merito ad una diffida ricevuta dal Condominio ad opera del proprietario di un locale adiacente al condominio, che ha subito danni alla rete elettrica e ai libri (per un valore quantificato in circa 34.000.000 euro). Il tutto dovuto ad intensa pioggia che ha causato una fuoriuscita dell’acqua dalla tubazione del pluviale del condominio che attraversa il locale. La compagnia assicurativa a cui fa riferimento il Condominio, nega l’indennizzo poiché nella polizza non è previsto il risarcimento dei danni derivanti da insufficiente smaltimento delle acque piovane. 
Mi chiedo: il proprietario dell’immobile o l’affittuario, non dovrebbe avere una propria assicurazione sui libri ( enciclopedie UTET...)? 
Dato che nessuno può prevedere l’afflusso delle acque piovane, perché dovrebbe risponderne solo il Condominio? 
Ringrazio in anticipo. 

madly dice:

Trentaquattro milioni di euro?

Sicuramente ci sono un paio, se non tre, di zeri di troppo (almeno lo spero).

 

Claudia Ciccarelli dice:

Mi chiedo: il proprietario dell’immobile o l’affittuario, non dovrebbe avere una propria assicurazione sui libri ( enciclopedie UTET...)?

Non importa se abbia o meno l'assicurazione, se il danno è stato cagionato da qualcosa che faccia parte del condominio, in quanto sarà esso - e i condòmini al suo interno - a dover saldare il danno causato, proprio come tu hai scritto, da «intensa pioggia che ha causato una fuoriuscita dell’acqua dalla tubazione del pluviale del condominio che attraversa il locale».

 

Se non avete una copertura che faccia fronte a questo genere di evenienza, credo che dovrete pagare voi in solido il danno (qualora, ovviamente, si attesti con la perizia di un tecnico - anche dell'una o dell'altra assicurazione - che il danno sia stato proprio cagionato dal condominio).

 

Claudia Ciccarelli dice:

Dato che nessuno può prevedere l’afflusso delle acque piovane

Purtroppo il confine tra prevedibilità ed effettività che si verifichi un evento è il limite sottilissimo su cui si muovono, come trapezzisti, gli assicuratori e relative compagnie assicurative.

×