Vai al contenuto
MARCO1983

Parti comuni e abusi edilizi

Buongiorno

Premetto essere cooproprietario insieme a mia madre e a mia sorella di 2 appartamenti situati in un contesto di una palazzina di 2 piani! noi siam proprietari del primo e del secondo piano! Al piano terra sono proprietari mio zio con mia zia (pessimi rapporti)! Avremmo voluto iniziare i lavori per un cappotto termico in quanto in un appartamento penetra la muffa e la facciata ha piu di 35 anni i calcinacci cadono etc..! I condomini del piano terra (zio etc..) non vogliono aderire all'iniziativa cappotto asserendo che devono dare anche il loro consenso per la ns sola parte! C'è da dire però che i signori in questione ..hanno costruito un balcone su area condominiale senza DIA e in piu hanno scavato sotto il loro appartamento creando una taverna sempre senza DIA in piu han creato delle finestre in piu ! Non ce la facciamo piu a sopportare questa situazione dove noi nn possiamo fare mai niente ..mentre loro abusivamente hanno fatto lavori su parti comuni senza ns consenso nè autorizzazioni comunali e per di piu senza variazioni catastali! Noi stiamo ancora aspettando i soldi che ci devono del tetto che abbiam rifatto a ns spese (con regolare DIA) creando un appartamente (sul rogito il tetto è parte comune) non se ne puo piu cosa mi consigliate di fare? dovrebbero pervenirci i soldi del tetto (gli abbiam anche riconosciuto indennizzo per chi si alza) mentre loro hanno scavato intaccando la stabilità dell'edificio senza chiedere ns consenso scritto nè per lo scavo nè per il balcone ..nè per le finestre ...si possono denunciare? il tutto è avvenuto piu o meno 10 anni fa...in un punto all'altezza di dove hanno scavato in casa nostra si avverte un tremolio..e i rumori e gli echi sempre piu forti..AIUTO!!!

Un abuso edilizio resta tale e non si prescrive. In ogni caso anche se vi fosse un condono ci sarebbe sempre il diritto di terzi (voi). Non ho capito bene se voi avete costruito un appartamento con DIA su una parte comune senza avere (per iscritto) il consenso dell'altra parte… Questo sarebbe sicuramente a vostro sfavore perché il Comune il permesso lo da quasi sempre, ma se i terzi (zio etc.) non hanno firmato niente la vedo dura andare a giustificare la cosa.

 

In pratica mi pare di aver capito che gli zii hanno fatto quello che ritenevano dal loro appartamento verso il basso (essendo un piano terra) e voi dal vostro verso l'alto (essendo un primo piano). A differenza loro voi avete una DIA, ma se loro non hanno dato il consenso…

 

Per il rifacimento della facciata, in un condominio minimo come ritengo essere il vostro, se non vengono prese le decisioni atte al mantenimento della cosa comune uno dei due può adire all'autorità giudiziaria che può anche nominare un amministratore.

Se siete solo due proprietari, occorre il consenso unanime, in mancanza ricorso all'autorità giudiziaria.

 

Se al contrario i due appartamenti sono intestati per esempio: uno solo a te e tua madre e il secondo a tua sorella e tua madre, si configurano un proprietario per appartamento che con quello del piano terra diverrebbero tre unità e in questo caso le cose cambiano perché sarete di fatto tre proprietari e di conseguenza con regolare assemblea avendo la maggioranza potete deliberare e iniziare i lavori oltre a richiedere la quota ai vostri zii, i quali sono obbligati a versare.

In caso fossero contrari ( come è di fatto ) dovranno loro impugnare la delibera nei trenta giorni canonici e aspettare la decisione del giudice, ma nel frattempo che vi sia una pronuncia dovranno comunque attenersi a ciò deliberato.

Non so se ho ben capito ma lui sarebbe comproprietario di un appartamento (quello costruito con DIA sottotetto) del quale non ha (o almeno non è specificato) nulla di scritto da parte degli zii che sono proprietari con lui del sottotetto. Quindi gli zii potrebbero dire che lui ha effettuato le modifiche senza alcun consenso ed essendo l'appartamento su parte ancora formalmente comune, ho qualche dubbio che possa mantenerlo senza colpo ferire nel momento in cui dovesse rivalersi in qualche modo sugli zii (immagino che questi siano belli tranquilli pensando che difficilmente lui procederà a denunciare i loro abusi, avendo un appartamento intero costruito su una proprietà anche loro).

Buongiorno

grazie per i vs pareri:

Gianpaolo chiarisco bene la situazione! La casa è un villone bifamiliare con area condominiale! Piano terra (zii) primo piano (io e mia mamma) Si fa una divisione dal notaio per dividere le parti...a noi spetta primo piano e sottotetto (con possibilità di sopralzo) a zii spetta piano terra con possibilità di scavo! Alcune cose rimangono in comune : l'area condominiale (cortile che funge da rimessa auto) e ovviamente il tetto! Ora da che mondo la divisione importantissima (rogito) ma per avere quello che c'è scritto sul rogito si devono chiedere i permessi in comune....quindi noi procediamo con richiesta autorizzazione (pagando oneri una barca quasi 8.000 euro) per alzare sottotetto quindi creando appartamente e il tetto rifatto completamente nuovo, il geometra ai tempi aveva calcolato la quota degli zii riconoscendo anche loro indennizzo per chi si alza...ma questi soldi nn hanno mai voluto darli perchè dicono che abbiam modificato la facciata dell'edificio e abbiam creato un appartamento in piu anche se sul rogito le spese per la manutenzione del tetto son anche a loro carico! Va bè detto questo loro di sotto hanno ristrutturato casa e hanno scavato creando questa taverna ..e creando un balcone enorme che poggia tra l'altro su area condominiale (cortile) creando anche mille finestre in piu! Ma noi pensavamo tutto in regola! ORa io volendo andare a vivere nel nuovo app.to (SOTTOTETTO) su ho iniziato i lavori interni che ora son conclusi (sempre chiedendo permesso in comune etc) e ora vorremmo fare un cappotto termico considerando che i primi piani aventi facciata vecchia perdono i calcinacci e sono ammalorati..mia mamma ha muffa in casa...! nn vogliono farci fare il cappotto neanche sulle ns parti ...perchè dicono che dobbiam chiedere il permesso a loro! Assurdo qua c'è un po troppa cattiveria che gira ..se a uno piove in casa cosa devo fare aspettare che piova anche a loro? Cque per caso in comune abbiamo scoperto che tutto quello che avevano realizzato loro (scavo taverna, balcone, finestre e ristrutturazione app.to) non presenta alcuna pratica in comun NIENTE DI NIENTE e nessuna autorizzazione DIA, SCIA etc etc! TUTTO ABUSIVO giusto? E i soldi che ci devono del tetto ? non solo mia mamma ha dovuto pagare tutto il tetto da sola ...ma non puo neanche farsi una facciata decente perchè continuano a rompere le scale ? Si possono denunciare tutte quelle cose che hanno di Abusivi e avere questi soldi del tetto ? (ci sono anche delle lettere mandate come A.R dove veniva segnalato loro l'importo da pagare con tutti i conteggi) loro han sempre risposto che nn davano un euro considerando che dovevam ripristinare facciata e gronde com'erano ..ma se nn ci fanno neanche fare il cappotto la vedo dura ...e poi il tetto e la facciata di cui parlano loro son due cose diverse!!! NON SAPPIAMO COME MUOVERCI --VERAMENTE --SON TROPPO CATTIVI

Quindi il sottotetto dove hai fatto l'appartamento è tuo e hai chiesto DIA. I tuoi zii li non centrano nulla (a parte il tetto se da rifare, visto che copre indirettamente anche il loro appartamento). Detto questo se tu sei totalmente in regola io a scanso di equivoci sono per la soluzione che molti ritengono drastica ma che personalmente trovo la migliore: lettera dell'avvocato. Fatto questo loro dovranno rispondere e probabilmente nomineranno un loro avvocato ed i due si troveranno per trovare una mediazione. Le soluzioni fai da te di minacce etc. non servono a niente e non ti portano a niente. Altra soluzione è rivolgersi all'autorità giudiziaria perché non si trova un accordo ad una delibera (il cappotto) ma in questo caso credo che dovresti dimostrare che vi è stata un assemblea etc.

 

Io andrei di avvocato senza troppo pensarci. Più stai a pensare e più passa il tempo e gli zii non sono certo nella posizione di dettare delle condizioni. Vedrai che quando si trovano davanti a soldi da sborsare, eventuali multe per abuso e denuncia penale (un abuso edilizio è da denuncia penale) arrivano a più miti consigli.

Grazie per il consiglio ...

Il punto principale ..è che tutto l'abuso che hanno fatto non è giusto e non possono dettare legge agli altri essendo al 90% in torto loro ..il punto è che non si tratta di minacciare per l'amor di Dio è che questi soldi (la loro parte del tetto) vanno dati come dice il rogito...e che tutti gli abusi che han fatto van sanati ...non è giusto che uno rispetta sempre le regole e paga ..fior di quattrine per avere delle carte e gli altri se la scappottano sempre e in piu pretendono dagli altri ..è gente molto infelice ma non è giusto quello che han fatto va pagato adesso basta!!! L'avvocato costa e questi troveranno mille cavilli e non la si finirà piu

Discussioni simili

Condominioweb Forum
×