Vai al contenuto
Pietro 64

Partecipazione all'assemblea condominiale

Buongiorno, sono un imprenditore edile che sta eseguendo i lavori di straordinaria manutenzione presso un edificio, il condominio è moroso da circa 7mesi, ora é stata convocata un'assemblea per discutere i lavori e lo stato di morosità di alcuni condomini.

L'amministratore non vuole la mia partecipazione sebbene invitato da alcuni condomini, posso partecipare dal momento che si parla dei miei crediti?

Grazie

Buongiorno, sono un imprenditore edile che sta eseguendo i lavori di straordinaria manutenzione presso un edificio, il condominio è moroso da circa 7mesi, ora é stata convocata un'assemblea per discutere i lavori e lo stato di morosità di alcuni condomini.

L'amministratore non vuole la mia partecipazione sebbene invitato da alcuni condomini, posso partecipare dal momento che si parla dei miei crediti?

Grazie

Potrai partecipare se tutti i condomini saranno d'accordo sulla tua presenza, oppure se sei delegato, perciò chiedi la delega ad uno di quei condomini che ti hanno invitato.

l'amministratore non fa i suoi comodi, ma quello che decide l'assemblea.

di conseguenza se alcuni condomini desiderano la tua partecipazione, lo prospetteranno ad inizio della seduta e i presenti decideranno o meno di fati partecipare.

in sostanza è l'assemblea che decide se è necessario un estraneo per chiarire alcune situazioni o meno; finita quel punto di discussione non sei autorizzato a restare a meno che non te lo si consenta.

 

- - - Aggiornato - - -

 

tieni presente che se un condomino ti darà delega, non potrà egli essere presente all'assemblea.

L'aggravente, per cui non vuole la mia presenza, è che da una verifica fatta da alcuni condomini, una corposa somma destinata per i lavori di straordinaria manutenzione sono stati utilizzati, dall'amministratore, per andare a sanare vecchie pendenze di spesa ordinaria

L'aggravente, per cui non vuole la mia presenza, è che da una verifica fatta da alcuni condomini, una corposa somma destinata per i lavori di straordinaria manutenzione sono stati utilizzati, dall'amministratore, per andare a sanare vecchie pendenze di spesa ordinaria
A questo punto direi che la presenza in assemblea non è che risolverà la questione, piuttosto è l'amministratore che non attua tutti i poteri a sua disposizione per ottenere i pagamenti dai condomini morosi, potresti comunicare all'amministratore, magari con lettera raccomandata, che se tu non sarai saldato come previsto dal contratto, e se questo termine fosse già scaduto, potrai concedere 15 giorni massimi e poi richiederai il D.I. a carico del condominio.

Chissà se così facendo la situazione si sbloccherà?

L'amministratore é stato condannato a consegnarmi l'elenco dei morosi, ma ad oggi ancora niente
Con l'elenco dei morosi puoi agire tu con la richiesta del Decreto Ingiuntivo per ottenere quanto ti deve ciascun moroso.

Io farei notare, tramite un condomino compiacente, che ha commesso anche un illecito se ha usato I soldi destinati ad altro con( l'aggravante del fondo speciale) per pagare altri tipi di spese

Ci sono sentenze abbastanza recenti che obbligano l'amministratore ad utilizzare i versamenti dei condomini solo per lo specifico scopo per cui sono stati fatti.

In particolare se un condomino è moroso sui pagamenti delle spese ordinarie e paga citando nella causale del bonifico che il versamento è fatto per pagare delle spese straordinarie l'amministratore non può prendere il versamento per coprire la morosità anche se questa è antecedente alla delibera dei lavori.

 

Personalmente lo ritengo corretto perché è come spostare dei soldi da un conto ad un'altro senza la mia approvazione di condomino ma soprattutto senza l'approvazione dell'assemblea all'unanimità dei condomini.

 

Sfortuna vuole che l'amministratore ha l'obbligo di gestire il condominio da buon padre di famiglia ma non ha la libertà prendere certi tipi di decisioni, e tanto meno non può utilizzare la cassa come gli pare e gli piace.

 

A livello organizzativo aziendale essendo 2 delle 3 variabili (responsabilità, potere decisionale, cassa) in mano ad "altri" e rimanendo in a suo carico solo le responsabilità renderebbero il suo ruolo quello più stressato e critico.

 

Aggiungerei: "Che sfortuna!!!"

Io farei notare, tramite un condomino compiacente, che ha commesso anche un illecito se ha usato I soldi destinati ad altro con( l'aggravante del fondo speciale) per pagare altri tipi di spese

Art.1135 c.c.

Oltre a quanto è stabilito dagli articoli precedenti, l'assemblea dei condomini provvede:

...

4) alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori...

Concordo in tutto.

Se l'amministratore ha usato per altri scopi il fondo ad hoc costituito dall'assemblea, l'illecito si chiama "distrazione di fondi".

Sfortuna che ormai stanno depenalizzando tutto.

Sfortuna che ormai stanno depenalizzando tutto.
Concordo, e se non erro la tolleranza è iniziata, almeno in campo condominiale, da quando la Giurisprudenza costante, anche con sentenza a Sezioni Unite, ha ritenuto annullabile una delibera adottata nelle "varie ed eventuali" cioè non all'OdG, e non assolutamente nulla come era prima.
×