Vai al contenuto
Postarino

Nuovi divieti in regolamento

Buongiorno a tutti! Mi scuso per la lunghezza della ruchiesta, ma è necessario per spiegare meglio. İl regolamento di condominio di un fabbricato è obsoleto, scritto a mano da uno dei primi amministratori( mai registrato) , con poche semplici limitazioni( orario del silenzio, rumori fastidiosi, accenno generico agli spazi comuni, e via di questo passo....) . Sono sorti alcuni problemi relativamente ad installazioni di NUOVI condizionatori sulla facciata principale(alcuni, pochi,  erano già presenti da anni e non sono mai stati contestati  ) . Queste ultime installazioni potrebbero aprire la strada a quanti , finora, hanno mantenuto il buon senso e non hanno utilizzato la facciata principale,ma si sono "accontentati "di quella interna (più o meno meglio sopportati dal condominio) . Chiaramente nessuno dei condomini che hanno i condizionatori sono ibtenzionati a rimuoverli e non hanno suffuciente spazio nei loro balconi.La domanda è: è possibile fare un regolamento di condominio, dove si stabiliscono ora, a partire da una certa data,  ANCHE i criteri per i condizionatori? Facciata interna si, facciata esterna no?  Lasciamo quelli già presenti ma assolutamente nessun'altra installazione? E se è possibile, con quali maggioranze ? C'è anche chi dice che se si devono rimuovere quelli sulla facciata principale, devono essere rimossi da tutte le facciate ( ....guerre su tutti i fronti) ! Grazie a chi vorrà,  e potrà , rispondermi. 

Modificato da Postarino
Mancanza di informa
Postarino dice:

è possibile fare un regolamento di condominio, dove si stabiliscono ora, a partire da una certa data,  ANCHE i criteri per i condizionatori? Facciata interna si, facciata esterna no?  Lasciamo quelli già presenti ma assolutamente nessun'altra installazione? E se è possibile, con quali maggioranze ? C'è anche chi dice che se si devono rimuovere quelli sulla facciata principale, devono essere rimossi da tutte le facciate ( ....guerre su tutti i fronti) ! Grazie a chi vorrà,  e potrà , rispondermi. 

Premesso che per i condizionatori già esistenti non può essere preso alcun proveimento, a mio avviso è possibile "regolamentare" l'uso della facciata consentendo l'installazione di condizionatori solo sulle facciate interne ma se qualcuno si rifiuta di rispettare il regolamento si andrebbe in causa dall'esito incerto (dipende dal Giudice che trovi) visto che esiste già una situazione di decoro leso.

VIsto che nel vostro condominio c'è guerra su tutti i fronti, forse la cosa più sensata e lasciare tutto com'è e limitarsi ad appellarsi al buon senso dei condòmini per le installazioni future.

 

Postarino dice:

Buongiorno a tutti! Mi scuso per la lunghezza della ruchiesta, ma è necessario per spiegare meglio. İl regolamento di condominio di un fabbricato è obsoleto, scritto a mano da uno dei primi amministratori( mai registrato) , con poche semplici limitazioni( orario del silenzio, rumori fastidiosi, accenno generico agli spazi comuni, e via di questo passo....) . Sono sorti alcuni problemi relativamente ad installazioni di NUOVI condizionatori sulla facciata principale(alcuni, pochi,  erano già presenti da anni e non sono mai stati contestati  ) . Queste ultime installazioni potrebbero aprire la strada a quanti , finora, hanno mantenuto il buon senso e non hanno utilizzato la facciata principale,ma si sono "accontentati "di quella interna (più o meno meglio sopportati dal condominio) . Chiaramente nessuno dei condomini che hanno i condizionatori sono ibtenzionati a rimuoverli e non hanno suffuciente spazio nei loro balconi.La domanda è: è possibile fare un regolamento di condominio, dove si stabiliscono ora, a partire da una certa data,  ANCHE i criteri per i condizionatori? Facciata interna si, facciata esterna no?  Lasciamo quelli già presenti ma assolutamente nessun'altra installazione? E se è possibile, con quali maggioranze ? C'è anche chi dice che se si devono rimuovere quelli sulla facciata principale, devono essere rimossi da tutte le facciate ( ....guerre su tutti i fronti) ! Grazie a chi vorrà,  e potrà , rispondermi. 

Non può avere incidenza lesiva del decoro architettonico di un edificio un’opera modificativa compiuta da un condomino, quando sussista degrado di detto decoro a causa di preesistenti interventi modificativi di cui non sia stato preteso il ripristino: la valutazione circa il degrado della facciata del fabbricato è oggetto riservato all’indagine del giudice di merito che è insindacabile in sede di legittimità se adeguatamente motivato. Nella specie, la sentenza con motivazione immune da vizi logici o giuridici, ha evidenziato come le originarie linee della facciata erano state stravolte dai diversi interventi che nel corso degli anni erano stati effettuati dai singoli condomini con la realizzazione di verande, apposizioni di tubazioni con colori differenti (Cass., sez. II, sent. 7 settembre 2012, n. 14992)

×