Vai al contenuto
Hikaru

Muffa, condivisione spese ed altro. il proprietario ignora.

Ciao a tutti, è la prima volta che scrivo in questo forum.

Sono affittuario di una soffitta ormai da due anni.

Al mio ingresso l'appartamento si presentava bene, a parte una stanza in cui manca la luce (nel senso che non c'è neanche una lampadina). Mi era stato detto che stava facendo i lavori per metterla...io credevo che mi avrebbe mandato l'elettricista per finir il lavoro..invece...

Il primo inverno (quindi 7 mesi dopo il mio ingresso), è iniziata a spuntar la prima muffa, concentrandosi in camera da letto.

Avvisato il proprietario mi "suggerisce" di utilizzar il condizionatore impostandolo su "deumodificatore", in modo che così la muffa sparisca.

Potrò star con il condizionatore acceso mattina e sera? A parte che a casa, per motivi di lavoro, ci son solo la sera e quindi "non basterebbe" neanche perchè l'umidità è troppa.

Ho i termosifoni (con caldaia), ma ho evitato di utilizzarli in quanto si sà, i consumi del gas son alti ed abitando da solo preferirei evitare.

Altra cosa da dire è che il gas è condiviso con quello di sotto, ho un contatore a parte (dopo il principale) che calcola il mio consumo, ma la spesa vien fatta dal totale della bolletta diviso i consumi effettuati, anche per quello ho voluto evitare di usar il riscaldamento a gas.

Ho così chiesto se, gentilmente, poteva metter una stufa a pellet, consumi bassi, la casa si sarebbe riscaldata meglio, ma mi è stato detto "già con il condizionatore e il riscaldamento a gas mi sembra INUTILE mettere anche la stufa a pellet".

Morale della favola, muffa a gogo, in più la casa ha una dispersione di calore incredibile (se c'è vento passa tra gli spifferi di tutte le finestre, sotto la porta d'ingresso ecc..).

Scaldato casa (riuscito a portarla a 16 gradi dopo un'ora e mezza) nel giro di 10 minuti dopo aver spento il condizionatore e la stufa elettrica a radiatore, m'è scesa a 14 la temperatura.

In più dopo un anno inizian ad uscire delle crepe (nascoste con dello stucco nel momento dell'affitto), in tutte le stanze (son due, più il bagno e più la cucina).

Ricapitolando, muffa, crepe, una stanza senza luce ma solo con dei fili volanti al posto dell'interruttore nel muro, dispersione di calore, acqua gocciolante dal tetto causa ex cappa di camino (forse è il momento di rincontrollare il "tappo", quando ho detto che entrava l'acqua mi è stato solo detto "bisogna salire nel tetto" e nient'altro), vaschetta del wc non funzionante, ripetuto, inviato email con le cose da fare ma ancora per tirar l'acqua devo alzar il coperchio, muffa nelle pareti opposte della doccia, fatte in cartongesso ed assorbono, ovviamente, l'acqua quando qualcuno si fa la doccia, mancanza del citofono (il postino, pur essendo a casa io, evita di salir le scale e mi lascia gli avvisi nella buca, son così costretto a dover andar in posta o FAR la posta fuori dalla porta aspettando l'arrivo del postino).

Avevo trovato una casa a piano terra qualche mese fa, con posto auto interno e giardino, ho chiesto se poteva prendersi i due mesi di caparra e farmi andar via ma mi è stato detto che, anche avendo tutti i problemi elencati, devo rispettare i sei mesi di preavviso.

Ho provato ad andar all'ASL per chiedere una perizia con l'ispettore sanitario ma mi ha detto che non fanno questo "lavoro" dicendomi di prendere un ingegnere e farmi far una perizia.

Andato al comune mi han detto che non possono rilasciare perizie se non lo richiede un privato (gli ho chiesto "io chi sono?" e mi risponde "dev'esser il padrone di casa a chiederla".

Qualcuno sa cosa posso far per riuscire ad andar via subito senza uscir un centesimo?

Tra l'altro (ha tre appartamenti di una palazzina, cioè io quello sotto ed il pianoterra tutto suo, essendosi liberato il pianoterra mi ha chiesto se volevo trasferirmi li, trasferirmi di piano va bene, andar via no. Ed il pianoterra di muffa è messo peggio che questo).

 

Spero di esser stato chiaro..

Per andartene devi rispettare il preavviso di sei mesi, appurato che il proprietario non é disponibile ad altre soluzioni diverse dai patti contrattuali a suo tempo convenuti.

Puoi anche andartene subito, ma non a gratis, bensí corrispondendo immediatamente ed in unica soluzione la somma relativa al periodo di preavviso.

 

Per tutti gli altri problemi devi aprire un confronto che risulti realmente collaborativo, fattivo e risolutivo, con la volontà di entrambi le parti. In alternativa per risolvere i molteplici problemi insorti puoi farti assistere e rappresentare da un legale o da un sindacato inquillini.

Tutto qui?

Son andato dal sindacato e non mi ha aiutato anzi diceva solamente che devo parlarne con il proprietario per tutti i problemi e nient'altro d'aiuto.

Ho letto un post qui nel forum di un tipo che è riuscito a farsi ridare pure i mesi d'affitto causa muffa..

Ho cercato di contattare l'ufficio igiene, l'edilizia privata ma tutti mi dan picche..

Che devo fare?

Alcune migliaia di euro, solo per iniziare...

Un valido e competente legale con un altrettanto valido e competente tecnico abilitato per periziare tutto quanto non va.

Qualche anno di lite se ti va bene... altrimenti ancor di più se finite in tribunale, previa mediazione civile. Se ti trasferisci in altra abitazione per te diventerà più difficile conseguire una vittoria o qualche forma di rimborso danni.

Se continuerai ad abitare in questa casa, nel frattempo devi far in modo di non risultare moroso altrimenti il proprietario riuscirà a sfrattarti prima che tu pervenga a risultati concreti di tuo interesse.

Tutto qui?

Son andato dal sindacato e non mi ha aiutato anzi diceva solamente che devo parlarne con il proprietario per tutti i problemi e nient'altro d'aiuto.

Ho letto un post qui nel forum di un tipo che è riuscito a farsi ridare pure i mesi d'affitto causa muffa..

Ho cercato di contattare l'ufficio igiene, l'edilizia privata ma tutti mi dan picche..

Che devo fare?

Ciao, Scusa che altro speravi di ottenere, non ho capito.

Come ti ha detto giustamente albano59, se pensi di aver ragione, ti scegli un avvocato, lo paghi, sicuramente andrai in causa, passeranno anni, tirerai fuori tanti soldini, perché oltre a quelli dell'avvocato devi far fare delle perizie specifiche (quindi a tue spese come giustamente ti hanno risposto alla ASL che in questi casi ovviamente non c'entra nulla) che riescano a dimostrare che la muffa è causata da infiltrazioni piovane o perdita di qualche tubo, altrimenti non la spunti in Tribunale se si tratta di condensa tipica degli appartamenti posti all'ultimo piano.

Avrai pure letto questo post nel forum in cui qualcuno è riuscito a farsi "ridare pure i mesi di affitto", io non ci credo, non mi risultano sentenze a riguardo a meno che, ripeto non si tratti di qualcosa di diverso dalla semplice condensa, che sia chiaro.

 

Io ti do un consiglio a questo punto visto che la casa ha tutti questi problemi, lasciala, cambia casa e, sono strasicura, che il proprietario non ti fa una causa per avere i 6 mesi causa il mancato preavviso.

Scommetti?

Ne sono convinta perché, tutto sommato, non converrebbe neanche a lui intentare una azione legale visti i tempi ed i costi a meno che non stiamo parlando di un affitto molto alto...

Ciao

Scusate l'ispettore sanitario che ci stà a fare allora?

Non deve partire prima tutto da lui?

Qui ad uno dite una cosa, ad un altro ne dite n'altra..

Se citi la fonte ( o magari riporti il link) da dove hai attinto le informazioni che ti lasciano interdetto, si potrebbe risponderti meglio.

 

Comunque, per quanto mi compete, io sono strasicuro di non aver mai asserito che con un ispettore sanitario si risolve tutto, anzi sono pienamente convinto del contrario !

A mio modo di vedere, una autorità pubblica interviene solo se è leso un interesse pubblico; nel tuo caso, se vi sono interessi lesi, sono invece di un privato che pertanto privatamente se li dovrà risolvere.

Altro punto che non ho voluto affrontare, ma essenziale: il contratto di locazione in essere... sarebbe da leggere tutto, perché spesso ci sono riportati passaggi tali per cui parte delle tue lamentele potrebbero venire a cadere prima ancora di avviare una eventuale lite !

 

So che ci sono alcune sentenze, pure citate da altri utenti, dove qualche locatore ha subito condanne per difetti dimostrati sulla sua u.i.. Ma non bisogna fermarsi alla massima della sentenza, bisogna recuperare la sentenza ed esaminare lo svolgimento del processo per comprendere se il caso passato in giudizio è con caratteristiche uguali o almeno simili al proprio problema. In questa ipotesi la sentenza diventa un valido punto di riferimento anche per te, ma resta impossibile che tu riesca a far prevalere le tue ragioni senza l'ausilio di un legale e di un tecnico abilitato, naturalmente entrambi a pagamento.

In rete si leggono tante cose, alcune giuste ed alcune sbagliate... e la differenza la scopri quando tu in prima persona devi agire e tutelarti: tutto quello che teoricamente sembrava semplice lineare ed ovvio, improvvisamente diventa complicato ed impossibile. A conferma che tra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare 💪

Scusate l'ispettore sanitario che ci stà a fare allora?

Non deve partire prima tutto da lui?

Qui ad uno dite una cosa, ad un altro ne dite n'altra..

Ciao, non mi sembra che ci sia stato qualcuno che per risolvere il tuo caso bisogna ricorrere alla ASL, non potrebbe essere altrimenti in quanto impossibile mentre, invece, per risolvere il tuo caso devi andare da un legale il quale sicuramente ti consiglierà nel merito.

Dammi retta, cambia casa se non corrisponde più alle tue esigenze, vai ad abitare altrove, il vantaggio, enorme, di chi non è proprietario di un immobile è proprio questo, egli va dove meglio crede, non credo sia opportuno incaponirsi, intestardirsi, spendere soldi in avvocati, perdere una infinità di tempo nella attesa di una sentenza che non sai neanche se potrà esserti favorevole oppure no, per un oggetto che non è tuo.

E' fuori dalla logica, almeno per me, tanto sta tranquillo che il proprietario non te la fa causa per il mancato preavviso.......non gli conviene.....!!!!!!!!!!!!!

Non la fa quasi più nessuno tranne se si tratta di affitti importanti ma, questo, è un altro discorso.

Ciao

×