Vai al contenuto
mazzol

Modifica compenso arbitrario

Quando l'ottimo amministratore del supercondominio ha deciso di cambiare attività i 'rappresentanti di fabbricato' ne hanno cercato un altro.

Scartate le offerte di quanti non utilizzavano la contabilità on line (i rapprecentati "devono" controllare i conti mentre i condomini "possono")  ne sono rimasti pochi ... ne abbiamo scelti tre ed abbiamo chiesto su questi il parere dei condomini.

Poi abbiamo eletto all'unanimità quello che ritenevamo più valido.

 

Mi soffermo sulla parte economica sul solo "compenso" ... l'offerta era di 3.414 euro per l'annualità ottobre 2017/settembre 2018. 
l'assemblea ordinaria si è tenuta in ritardo nel febbraio 2019 e nella  settimana precedente sono stati inseriti nella contabilità online centinaia di movimenti incontrollabili datati fine settembre. 
Controllando i movimenti bancari la voce compenso figurava solo per la parte di competenza del precedente amministratore. 
 

Mancando l'uscita ... il verbale (incontrollabile) venne approvato con la mia sola opposizione il verbale conteneva una frase 'compenso 3600 come anno precedente' .... ma l'anno precedente era 3414 .... per tutto l'esercizio, cifra più bassa .. di poco ... degli altri amministratori.

 

La manifestazione numeraria del costo per il "compenso"  avvenne in due prelievi a inizio marzo per 3.000 euro ed alla fine per altri 600 questo sul resoconto bancario messo a disposizione nel settembre 2019. Nel febbraio alla data della assemblea ordinaria non era stato incassato ed il prelievo di 3000 poteva essere corretto per una gestione di 9 mesi e non 12. I seicento incassati a fine marzo quando i tempi per la contestazione del verbale erano ormai passati ... non sembrano corretti.
 

Quindi i 3414 .. sono lievitati senza alcuna richiesta di un compenso maggiore a 3600.

 

Nel dicembre 2019 alla successiva assemblea ordinaria lo feci presente Inviando preventivamente a tutti i rappresentanti copia del verbale della assemblea di nomina con relativi allegati ... 'offerta accettata per 3414'.


La mia osservazione non venne verbalizzata.

 

Ormai dimissionario dalla carica, partecipai per una sorta di "prorogatio" a mè ignota. In seguito segnalai l'anomalia al mio amministratore, come rappresentante è a Lui che devo relazionare quanto avviene in assemblea ordinaria in modo che sia in grado di avvertire i condomini delle decisioni scaturite, ... sono i condomini che non hanno partecipato a poter contestare le decisioni scaturite.

 

il 31/1/2020 il verbale è stato distribuito a tutti i condomini da parte dell'amministratore del supercondominio a mano, senza data di consegna un verbale datato 12/12/2019 , il mio amministratore non ha segnalato a nessuno le mie osservazioni circa l'indebito aumento del compenso.

 

Cosa fare?

Credo che i condomini debbano poter impugnare se lo credono tale verbale.
Forse potrei farlo anche io. Ma ero presente e per mè il tempo finiva il 12/1/2020.  
 

Era mio dovere controllare, lo ho fatto, ho trovato e segnalato l'errore appena mi è stato possibile farlo, è stato ignorato e nemmeno verbalizzato.

La cosa mi scoccia ma non posso impegnarmi in una battaglia contro un indebito aumento che "su questo  punto" mi tocca per meno di un euro. (Non vorrei incappare in noie per 'lite temeraria' .... ma non far niente mi sembra peggio).

 

Come fare?

 

 

 

 

  

 

 

 

enrico dimitri dice:

da 3414 a 3600 sono 186 euro, in quanti siete?

lo so che è una questione di principio..ma insomma..

192 ... ma vedi è stai eletto "anche" per una scelta da parte dei condomini che hanno votato  il meno caro .. e la differenza era poca.

Comunque il passaggio di consegne è avvenuto in gennaio quindi nove mesi e non 12 i 3414 dichiarati su base annua scenderebbero a 2500 circa.Solo per gli anni successivi la differenza sarebbe di 192 ..... e sarebbe il caso di non accettare l'aumento (per altri motivi). 

enrico dimitri dice:

da 3414 a 3600 sono 186 euro, in quanti siete?

lo so che è una questione di principio..ma insomma..

Una questione di principio per un condomino ... ma non per un rappresentante di fabbricato che ha accettato l'incarico di controllare. 

Veramente non mi pare scritto da nessuna parte che il rappresentante del condominio deve controllare .

 

puo’ controllare al pari di un qualsiasi condominio.

  • Mi piace 1
mazzol dice:

192 ... ma vedi è stai eletto "anche" per una scelta da parte dei condomini che hanno votato  il meno caro .. e la differenza era poca.

Comunque il passaggio di consegne è avvenuto in gennaio quindi nove mesi e non 12 i 3414 dichiarati su base annua scenderebbero a 2500 circa.Solo per gli anni successivi la differenza sarebbe di 192 ..... e sarebbe il caso di non accettare l'aumento (per altri motivi). 

Una questione di principio per un condomino ... ma non per un rappresentante di fabbricato che ha accettato l'incarico di controllare. 

ti fa senz'altro onore il modo professionale,serio e puntuale con cui svogli il tuo ruolo.

io ti consiglio di parlare con gli altri signori che dovranno sostenere la spesa, e poi prendere una decisione in comune.

non ti nascondo che anche io vorrei avere la tua attenzione nelle cose.

ciao.

Comunque se nel verbale è stato scritto "compenso 3600 € come anno precedente" c'è da discutere se l'aumento di 186€ (è un aumento del 5%) non sia legittima indipendentemente dall'approvazione dell'assemblea che approvando il bilancio consuntivo l'ha resa legittima.

 

La cosa che fa sorridere è tutta questa premura di controllare, di avere tutto caricato online e poi lamentarsi dopo non aver controllato che il tutto viene caricato un mese prima dell'assemblea.

davidino1978 dice:

La cosa che fa sorridere è tutta questa premura di controllare, di avere tutto caricato online e poi lamentarsi dopo non aver controllato che il tutto viene caricato un mese prima dell'assemblea.l

I movimenti sono circa ottocento impossibile fare un controllo senza caricarli in un foglio elettronico da selezionare opportunamente.  

I 200 circa movimenti caricati nell'ultima settimana sono relativi a spese personali (per lo più solleciti per ritardato pagamento autorizzati come da offerta per 20 euro e lievitati a 24)

 

anche l'anno successivo  questi movimenti, in numero minore, sono comparsi sempre esclusivamente sul cartaceo e non nel registro dei movimenti tanto che per effettuare il controllo (non mi va'  che persone in difficoltà vengano depredate senza motivo) li ho inseriti io erano solo 57 per lo più solleciti accettabili a fronte di morosità elevata e solo otto erano assurdi, emessi a fronte situazioni debitorie irrilevanti (es. un ritardo su una singola posizione da 68 euro  punita con una sanzione da 24).

Queste sanzioni se inserite nel registro dei movimenti nella data in cui viene emessa consente un controllo sull'operato di un amministratore che con le sanzioni aumenta parecchio il suo coacervo (24*57 sono 1368 euro che aumentano le sue entrate "pagate dai condomini" di un altro 50%)

la funzione di un rappresentante è anche quella di proteggere i condomini da richieste penalizzanti con il precedente amministratore questi solleviti erano irrilevanti ... prima si parte con una telefonata, ora pare vi sia un conflitto di interessi nel sollecitare.

 

Ho chiesto in assemblea di non presentare più documenti che non corrispondono al registro dei movimenti elettronico .... è stato verbalizzato ".... richiede che prima di inviare qualsiasi documento amministrativo lo stesso venga preventivamente pubblicato sul portale del condominio", nel rapporto al mio amministratore che dovrebbe venir distribuito ai condomini del palazzo che rappresentavo ho chiarito che non sono impazzito e che quello che ho chiesto è il registro dei movimenti elettronico aggiornato (senza il quale non è possibile alcun serio controllo).

 

Ps. Credo esista una funzione di Acrobat che scannerizzato un documento cartaceo  lo trasforma in foglio elettronico gestibile. Lo proverò ....

enrico dimitri dice:

ti fa senz'altro onore il modo professionale,serio e puntuale con cui svogli il tuo ruolo.

io ti consiglio di parlare con gli altri signori che dovranno sostenere la spesa, e poi prendere una decisione in comune.

non ti nascondo che anche io vorrei avere la tua attenzione nelle cose.

ciao.

Ti assicuro che mi sono divertito nei primi quattro anni con un amministratore che gestiva il suo lavoro in modo assolutamente trasparente. Ora ... non vale la pena correre dietro a chi fà di tutto per evitare ogni controllo. Mi sono dimesso. 

Credo che il governo dovrà mettere chiarezza in questo ambiente, un conto è chi amministra pochi condomini e con pochi movimenti. Ma in tutti gli altri casi una gestione on line deve diventare obbligatoria. Chiunque deve poter controllare ogni singola fattura quando crede, se è stata pagata l'uscita deve risultare nella banca e l'importo deve risultare nel preventivo approvato. 
Se è tutto in rete è facilissimo e se qualche volontario lo vuole fare ma non è capace .... ci vuole poco ad insegnarlo.

 

Anche se tutto è preciso e non vi è nulla di irregolare ... cosa molto probabile, controllare dopo aver scorporato voci che l'amministratore ha ritenuto opportuno infilare in punti diversi ed in annate diverse può portare a capire che l'albero pagato poco con il tempo è cresciuto ed al momento del decesso ci è costato 3.600 euro ... costa molto meno sostituirlo "prima" che il diametro del suo tronco lo renda intoccabile ... costa molto meno non fare scegliere le piante all'agronomo ma indicare quelle che non crescono oltre i cinque metri. ... 

Modificato da mazzol
peppe64 dice:

Veramente non mi pare scritto da nessuna parte che il rappresentante del condominio deve controllare .

 

puo’ controllare al pari di un qualsiasi condominio.

Un qualsiasi condomino può limitarsi a guardare quanto gli viene chiesto.

 

Chi viene incaricato dai condomini (spesso all'unanimità) di votare al loro posto secondo il suo giudizio (ogni condizionamento non ha valore) deve farlo al suo meglio. Si tratta apparentemente di dire ok a quanto ha scritto l'amministratore, ma prima di dire ok bisogna capire ... e non è facile.

 

Va poi confermato o eletto un nuovo amministratore ... un qualche criterio per confermarlo bisogna pure averlo.  

 

Certo che se viene eletto chi sa appena leggere  ......  

 

Quindi la discrepanza sarebbe dovuta al passaggio da 20 a 24 € dei solleciti ai condomini morosi?

Non è che i 4€ sono dovuti al costo della raccomandata che magari l'amministratore ha anticipato?

davidino1978 dice:

Quindi la discrepanza sarebbe dovuta al passaggio da 20 a 24 € dei solleciti ai condomini morosi?

Non è che i 4€ sono dovuti al costo della raccomandata che magari l'amministratore ha anticipato?

No, la discrepanza è sullo stipendio richiesto di 3414 euro per l'esercizio, incassato non entro la fine esercizio in settembre ma in forte ritardo dopo un mese dalla assemblea in cui la cifra non risultava (assemblea in febbraio e ritiro in due volte una da 3000 euro a inizio marzo (cifra che senza un calcolo preciso appare corretta, 3414 per l'intero anno 3000 per i nove mesi circa  fatti, e con un secondo ritiro di 660 euro a fine marzo prelievi di cui si ha notizia solo in ottobre a chiusura esercizio successivo quando vengono resi disponibili nel sito gli estratti conto della banca.

 

Questa è la discrepanza lamentata.

 

Per quanto riguarda il costo del sollecito per i ritardatari era ritenuto eccessivo in 20 euro. Ma lo abbiamo accettato sulla base dell'esperienza precedente in cui erano pochi. Durante tutto l'esercizio nessuna notizia dei solleciti nei movimenti poi tutti assieme ) a quattro mesi dalla chiusura ... tutti datati 30 settembre ..... impossibile ogni controllo sulla correttezza di questi addebiti.

L'anno successivo li ho introdotti io nel registro contabilità elettronico per poter selezionare pagamenti e solleciti al fine di giudicarne l'opportunità ... una sanzione di 24 euro su un ritardo di poco nel pagamento di una rata da 68 euro non la ritengo ecqua.  Durante questo controllo ho verificato che su 57 solleciti (Nel secondo anno)  49 erano giustificabili 8 assolutamente no.

×