Vai al contenuto
relly77

Messa a norma cancello automatico - dove posso trovare le informazioni riguardanti il tipo di motore che deve avere un cancello

Buongiorno a tutti.

Vorrei sapere dove posso trovare le informazioni necessarie per la messa a norma del cancello automatico.

Noi abbiamo un cancello automatico dal 2001, sempre revisionato e messo a norma in base alla legge.

Quest'anno ci siamo trovati che l'amministratore ha mandato la ditta per la messa a norma come sempre e loro hanno cambiato il motore (l'altro funzionava senza problemi) dicendoci che adesso è obbligatorio avere questo tipo di motore. L'amministratore non sapeva del cambio motore e noi non abbiamo visto e approvato nessun preventivo per il lavoro fatto.

In più, essendo un cancello modello vecchio a sbarre di ferro verticali, abbiamo chiesto la rete metalica sul cancello perché abbiamo saputo (se è vero anche questo) che il cancello non può avere buchi. La ditta mandata dal amministratore non ha messo la rete sul cancello, ma ha cambiato la rete condominiale (rete in perfette condizioni) lungo la quale scorre il cancello e che confina con un giardino privato.

Dove posso trovare le informazioni riguardanti il tipo di motore che deve avere un cancello, il tipo di rete o altro che deve essere montata per la messa in sicurezza, ma più che altro, capire se tutto quello che l'amministratore ha deciso di fare senza preventivi e approvazione nostra, poteva farlo o no.

Grazie a chi vorrà aiutarmi perché siamo disperati per la spesa che arriverà da pagare, spesa non decisa in assemblea.

Grazie mille per l'aiuto, mi metto a studiare.

Di solito ci sono termini urgenti entro quando bisogna mettere a norma un cancello?

Chiedo scusa, ma voglio capire se si poteva fare preventivi prima e assemblea oppure se è stata una urgenza e l'amministratore ha agito in conseguenza.

Di solito ci sono termini urgenti entro quando bisogna mettere a norma un cancello?

La normativa in materia è già da diversi anni che è in vigore e quindi i "termini" sono ampiamente scaduti.... Sostanzialmente tutti i cancelli automatici devono rispondere alla norma.

 

Ciao

Certamente la messa a norma è un obbligo. Ciò non toglie che l’approvazione delle spese di messa a norma DEVE essere approvata dall’assemblea. L’amministratore può ordinare interventi urgenti e indifferibili (art. 1135 cc comma 2) che, per i motivi di urgenza, non possono essere procrastinati in modo da avere il tempo di convocare l’assemblea e approvarli.

 

L’unica arma che avete a disposizione è la NON approvazione. L’amministratore imparerà a sue spese che il compito del professionista che amministra un condominio non prevede decisioni di questo genere. Compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni non vuol dire avere carta bianca. OGNI SPESA DEVE ESSERE APPROVATA DA COLORO CHE HANNO LA COMPROPRIETÀ DELLE PARTI COMUNI. L’amministratore non possiede e non decide nulla.

Grazie Bilbetto per la tua risposta, mi hai confermato proprio il nostro pensiero. Vedendo tutti questi lavori importanti fatti di colpo, abbiamo pensato che è saltata fuori qualche normativa urgente da maggio ad ottobre.

Noi ogni 6 mesi controlliamo il cancello e facciamo le verifiche e non abbiamo mai sentito che c'era bisogno di cambio motore.

Ci proviamo a prepararci bene per la prossima assemblea.

Esprimo una mia opinione ... dubito che gli interventi da te descritti siano “obbligatori” sulle macchine esistenti ... ma sicuramente su quelle nuove. Mi pare che già abbiate chi vi fa assistenza e verifica (obbligatoria) ... mi sembra che sia l’unico obbligo sui dispositivi già installati.

Concordo con quanto scrive Bilbetto in materia di approvazione della spesa ma tenete comunque presente che tale elemento deve rispondere comunque alla normativa e quindi, in assenza di un adeguamento obbligatorio, l'amministratore può disporre la sospensione del servizio al fine di garantire la sicurezza delle persone. Sarebbe come voler far funzionare un ascensore che non risponde alle disposizioni di legge. Non c'è assemblea che possa disporre qualcosa contra legem e quindi, niente adeguamento, niente servizio....

 

Ciao

Mi sembra un classico pasticcio all'italiana. La ditta che dice di aver messo a norma sinora il cancello, continua a farlo col motore, ma manca il documento base del costruttore, ovvero la conformità alla DM precedente, ovvero ex legge del 1996.

 

Un consiglio: cambiate amministratore e ditta di manutenzione.

GERARDO34

Il nostro cancello automatico non è a norma. Ad agosto 2017 metto all'ordine del giorno il caso e in assemblea ordinaria mi vietano di metterlo a norma per non spendere soldi ed anche perchè provvede alla manutenzione un condomino elettricista in pensione. A nulla sono valse le mie argomentazioni e la lettura del testo della legge. Che fare?

Un saluto a tutti.

GERARDO34

Il nostro cancello automatico non è a norma. Ad agosto 2017 metto all'ordine del giorno il caso e in assemblea ordinaria mi vietano di metterlo a norma per non spendere soldi ed anche perchè provvede alla manutenzione un condomino elettricista in pensione. A nulla sono valse le mie argomentazioni e la lettura del testo della legge. Che fare?

Un saluto a tutti.

L'amministratore di condominio, essendo il responsabile del mantenimento delle condizioni di sicurezza nelle parti comuni, "dispone" (come ho già scritto) il non utilizzo dell'elemento (cancello motorizzato, ascensore, autoclave, ecc..) emanando un proprio documento, notificato a tutti i condomini, in cui riporta che in considerazione che l'impianto XXX non risponde alle norme sulla sicurezza, e che il condominio non intende provvedere alla sua regolarizzazione, ne dispone la disattivazione immediata mediante disalimentazione.

Diffida a riattivare l'alimentazione declinando ogni responsabilità in materia.

Si procede quindi a scollegare l'alimentazione del cancello mediante intervento del manutentore o elettricista che redigerà apposita attestazione di esecuzione del lavoro (a garanzia dell'amministratore per la messa in sicurezza).

L'accesso ai condomini è comunque garantito lasciando il cancello aperto.

 

Ciao

L'amministratore di condominio, essendo il responsabile del mantenimento delle condizioni di sicurezza nelle parti comuni, "dispone" (come ho già scritto) il non utilizzo dell'elemento (cancello motorizzato, ascensore, autoclave, ecc..) emanando un proprio documento, notificato a tutti i condomini, in cui riporta che in considerazione che l'impianto XXX non risponde alle norme sulla sicurezza, e che il condominio non intende provvedere alla sua regolarizzazione, ne dispone la disattivazione immediata mediante disalimentazione.

Diffida a riattivare l'alimentazione declinando ogni responsabilità in materia.

Si procede quindi a scollegare l'alimentazione del cancello mediante intervento del manutentore o elettricista che redigerà apposita attestazione di esecuzione del lavoro (a garanzia dell'amministratore per la messa in sicurezza).

L'accesso ai condomini è comunque garantito lasciando il cancello aperto.

 

Ciao

Ma no.

Sì alla diffida dando un termine, ma assolutamente no al cancello aperto. E se di notte si rubano due macchine o rapinano o violentano una donna, cosa gli racconti?

 

Visto che da come descrive i condomini mi sembrano piuttosto determinati, cosa fai ti metti contro di loro che magari ti richiedono l'assemblea e subisci pure l'onta di farti cacciare via?

Vabbè che incollarsi alla poltrona sembra andare di moda, ma la dignità non ha prezzo. Se non ci sentono arrivederci e grazie.

Ma no.

Sì alla diffida dando un termine, ma assolutamente no al cancello aperto. E se di notte si rubano due macchine o rapinano o violentano una donna, cosa gli racconti?

Anche se cade un meteorite e trova il cancello aperto......😜

Ma ripeto: da quello che ha scritto penso non serva a nulla se non a farsi revocare. Secondo me parti dal presupposto (errato), che tutti i condomini siano uguali e disposti ad accettare le decisioni dell'amministratore. Avendo già scritto che questi non hanno alcuna intenzione di spendere, secondo te lo lascerebbero in carica per farsi fare la guerra?

Tanto vale diffidarli o riconvocarli con le dimissioni all'odg in caso non deliberino la messa a norma, per poi disattivare il cancello in attesa del passaggio di consegne.

Cosa si intende per “manutenzione” della macchina?

Per manutenzione si intendono tutti gli interventi necessari per garantire il funzionamento della macchina in sicurezza. La manutenzione deve essere effettuata nel rispetto delle indicazioni riportate nel manuale di uso e manutenzione facente parte del fascicolo tecnico.

Cosa deve fare l’Amministratore/proprietario dell'impianto?

L’amministratore, in quanto custode delle parti comuni tra le quali rientra il cancello automatico, ai sensi dell’art 1117 C.C., è tenuto ad effettuare gli interventi di manutenzione sulla base delle indicazioni riportate nel manuale. In assenza del manuale di uso e manutenzione predisposto dal costruttore, l’amministratore affida ad un soggetto terzo l’incarico per una completa procedura di Analisi dei rischi che consenta di ricostruire le caratteristiche della macchina e la tipologia degli interventi manutentivi da effettuare.

Perché la direttiva macchine è applicabile in ambito condominiale?

Perché cancelli, portoni e barre sono macchine così come definite dall’Art. 2. Della Direttiva 2006/42/CE recepita in Italia con il D.lgs 17/2010.

Cosa prevede la Direttiva Macchine?

La macchina deve essere accompagnata dal fascicolo tecnico predisposto e conservato dal costruttore e deve riportare la marcatura CE a dimostrazione della conformità della componentistica alle disposizioni tecniche applicabili.

Cosa contiene il Fascicolo Tecnico?

  • La dichiarazione CE
  • Disegno schema elettrico macchina
  • Manuali tecnici di installazione e manutenzione
  • Le istruzioni d’uso
  • Le DI.CO dei singoli componenti
  • Il registro di manutenzione
  • Analisi dei Rischi

Come comportarsi in assenza del Fascicolo tecnico?

Nel caso in cui non risulti possibile recuperare il fascicolo dal costruttore della macchina o nel caso in cui il cancello risulti essere stato progettato ed installato per un uso di tipo manuale con successivo automatismo, l’amministratore/proprietario incarica soggetto terzo in possesso delle necessarie competenze professionali per una completa ricostruzione della documentazione che risulta essere necessaria a dimostrazione della sicurezza della macchina.

 

Direttiva macchine 81/08
ENI 13241-1 Direttiva prodotti da costruzione
EN 12453 - EN 12445 Motorizzazione Cancelli automatici

62- Come si deve comportare l'installatore nel momento in cui è chiamato a riparare un cancello esistente messo in funzione prima dell'entrata in vigore delle norme europee?
Può effettuare la riparazione senza l'obbligo di adeguare l'impianto alle nuove norme.
E' comunque consigliabile proporre al proprietario del cancello motorizzato l'adeguamento dell'impianto alle più recenti norme europee.
Nel caso l'impianto non risponda ai requisiti di sicurezza e salute dettati dalla Direttiva Macchine in base allo stato dell'arte riferito alla data di installazione del cancello, la riparazione può avere luogo solo dopo l'adeguamento dell'impianto alla Direttiva Macchine ed alle norme attualmente vigenti.

Francesco.....Francesco....la discussione è del 2017, alcuni non si sono piu' affacciati al forum, purtroppo...

Cerca discussioni "fresche", grazie. 😊

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×