Vai al contenuto
FabrizioI.

Isolamento acustico dopo ristrutturazione, obbligatorio?

Ciao a tutti,

 

io e la mia ragazza abbiamo da poco acquistato un appartamento al piano terra di un condominio anni '50.

Il locale è molto bello, luminoso, con un ampio soppalco, ed è stato ristrutturato l'anno scorso da parte di un costruttore per la vendita.

Preciso che, oltre ai lavori di ristrutturazione, è stata fatta in concomitanza una variazione della destinazione d'uso, da negozio ad abitazione. Il problema di cui ci siamo accorti - ovviamente solo dopo esserci trasferiti - è che l'isolamento acustico del soffitto è di assoluta carenza: si sente praticamente tutto, dalla musica del vicino, ai passi e persino le conversazioni.

Nella SCIA della ristrutturazione è specificato che i lavori eseguiti non rientrano nell'ambito di applicazione delle legge 447/95, la normativa sull'inquinamento acustico. Facendo un po' di ricerca, ho letto che il decreto attuativo di questa legge (DPCM 14-11-1997) si applica a tutti gli edifici in cui il rilascio della concessione edilizia è avvenuto dopo il 20 febbraio 1998.

 

La domanda è dunque la seguente: i lavori di ristrutturazione (avvenuti in ogni caso dopo il 1998) che riqualificano l'immobile ad abitazione, non richiedono il rispetto degli attuali requisiti della normativa sull'inquinamento acustico, al pari delle concessioni edilizie ex novo?

Il mio timore è che il costruttore abbia voluto risparmiare sui costi, evitando di effettuare i lavori di isolamento che avrebbero abbassato il soppalco e causato l'inabitabilità dello stesso.

 

Qualcuno di voi ha avuto esperienze simili?

Vi ringrazio in anticipo.

"Nella SCIA della ristrutturazione è specificato che i lavori eseguiti non rientrano nell'ambito di applicazione delle legge 447/95"

 

mi sembra che la SCIA ti dia la risposta .

Non credo sarebbe stato possibile effettuare una ristrutturazione in ottemperanza alla vigente normativa sull'inquinamento acustico, in quanto avrebbe richiesto il rifacimento del solaio obbligando probabilmente il condomino proprietario dell'appartamento sovrastante al vostro a sopportare l'onere di lavori in casa sua.

 

Al massimo il costruttore avrebbe eventualmente potuto procedere ad un'insonorizzazione del soffitto che comunque non garantisce l'abbattimento completo dei rumori provenienti dal piano di sopra.

Ciao Beppe, grazie per la risposta. Dal momento che la scia è una dichiarazione del progettista (non la legge), il mio dubbio è proprio la correttezza di quanto dichiarato nella Scia.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ciao Esmeralda, grazie per la risposta. Sono d’accordo: i lavori avrebbero dovuto riguardare solo l’insonorizzazione del soffitto per rientrare entro i db previsti dalla legge, palesemente violati in questo caso. Aggiungo che questi lavori sarebbero dovuti rientrare nell’ambito di applicazione della 447/95....e qui il mio dubbio

pero questa non è una normale ristrutturazione, per la quale non dovrebbe esserci l obbligo, ma una variazione della destinazione di uso.

 

In pratica mentre prima era negozio e necessitava di taluni requisiti, soddisfatti all'epoca della costruzione, con una ristrutturazione per la variazione della destinazione d'uso potrebbe essere diverso (vedi a d esempio quando si trasforma un garage in abitazione, sono necessari maggiori requisiti di salubrità.

Leggo sei di Milano, pertanto ti segnalo che è in vigore la Legge Regionale della Lombardia n, 13/2001 che recita (art. 7): "I progetti relativi ad interventi sul patrimonio edilizio esistente che ne modifichino le caratteristiche acustiche devono essere corredati da dichiarazione del progettista che attesti il rispetto dei requisiti acustici stabiliti dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 1997 e dai regolamenti comunali" (cfr.http://normelombardia.consiglio.regione.lombardia.it/NormeLombardia/Accessibile/main.aspx?view=showpart&idparte=lr002001081000013ar0007a)

Inoltre negli anni scorsi il Comune di Milano ha emanato obblighi aggiuntivi, alcuni dei quali si applicano ai cambi di destinazione d'uso (cfr. art. 119 e art. 122 di --link_rimosso--).

Ciao Mirko, grazie per la risposta. Il punto è esattamente quello che sottolinei. Con la mia ragazza stiamo pensando di rivolgerci eventualmente ad un legale.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ciao Ste, grazie per le preziose informazioni: utilissime 🙂

×