Vai al contenuto
Nando59

Installazione pergotenda attico

Buongiorno ho acquistato un attico dal costruttore in un complesso residenziale a Roma, il quale al momento del rogito mi ha fatto accettare un regolamento condominiale registrato tamite notaio. Circa l’installazione di Pergotende il regolamento riporta che va chiesta autorizzazione all’amministratore di condominio in merito alla tipologia materiale e colore etc. al fine di rendere uniformi le strutture, che in ogni caso almeno sugli attici ancora non sono state installate dai proprietari degli altri attici. Ho inviato un mese or sono via pec comunicazione a detto amministratore con relativo schizzo ed informazioni su come verrebbe la struttura, sollecitando anche via mail e cell. una risposta, che non è mai arrivata. Chiedevo se il silenzio assenso trascorso un mese dall’invio della pec mi autorizza a procedere, tenuto conto altresì che la pergotenda non è più soggetta ad autorizzazioni comunali. Grazie 

Nando59 dice:

Buongiorno ho acquistato un attico dal costruttore in un complesso residenziale a Roma, il quale al momento del rogito mi ha fatto accettare un regolamento condominiale registrato tamite notaio. Circa l’installazione di Pergotende il regolamento riporta che va chiesta autorizzazione all’amministratore di condominio in merito alla tipologia materiale e colore etc. al fine di rendere uniformi le strutture, che in ogni caso almeno sugli attici ancora non sono state installate dai proprietari degli altri attici. Ho inviato un mese or sono via pec comunicazione a detto amministratore con relativo schizzo ed informazioni su come verrebbe la struttura, sollecitando anche via mail e cell. una risposta, che non è mai arrivata. Chiedevo se il silenzio assenso trascorso un mese dall’invio della pec mi autorizza a procedere, tenuto conto altresì che la pergotenda non è più soggetta ad autorizzazioni comunali. Grazie 

Veramente un amministratore al Top, che non osserva ne fa osservare il RdC contrattuale, prova a sollecitarlo nuovamente con lettera raccomandata, o pec, o fax o lettera consegnata a mano con ricevuta di ritorno, avvisandolo che in caso di mancata risposta provvederai ad installare la pergotenda nel rispetto del decoro dello stabile, oppure sempre se lo vorrai, sentire un legale per una eventuale revoca giudiziale per gravi motivi e mancanze dell'amministratore.

Nando59 dice:

Chiedevo se il silenzio assenso trascorso un mese dall’invio della pec mi autorizza a procedere, tenuto conto altresì che la pergotenda non è più soggetta ad autorizzazioni comunali. Grazie 

Il silenzio-assenso non opera, se non quando sia espressamente previsto dalla legge o convenuto tra le parti . 

Immagino che l'amm.re non  ti abbia riscontrato perchè a propria volta dovrebbe sottoporre la questione all'assemblea. Anch'io ho parecchi regolamenti con norme simili, che rimettono all'autorizzazione dell'amm.re, e quindi pongono il problema di "chi autorizza l'amm.re ?", soprattutto quando si tratta di scelte così soggettive come i colori e materiali delle dotazioni esterne? ...

Secondo me ti conviene sollecitarlo per iscritto a darti una risposta o a convocare un'asselblea sul punto, segnalando che il suo mancato riscontro si sta traducendo in un tuo danno, non potendo dotare la tua terrazza di quelle strutture che ne consentono adeguata godibilità. 

Stamani ho inviato ennesima pec....invitandolo entro 7 gg. a darmi risposta ...dicendo che in caso contrario procederò alla installazione nel pieno rispetto del decoro dello stabile, del RdC e del DM 2 marzo 2018. 

La previsione regolamentare di tendaggi bianchi a tinta unita (che è la stessa che metto io nei regolamenti che mi capita di dover fare) facilita di molto. 

Penso che tu abbia fatto il meglio che potevi fare, e che assolutamente nulla ti potrà essere contestato in futuro. 

×