Vai al contenuto
fabxcp

Installazione non autorizzata di canna fumaria

Salve,

ne approfitto dell'esistenza di questo forum per chiedere un parere su una situazione che a parer mio ha del surreale.

 

Faccio una premessa per dare un minimo di contesto: abito in un complesso commerciale/residenziale in cui al piano terra sono presenti delle attivita' commerciali come ristoranti e banche, mentre al primo ed al secondo piano ci sono degli appartamenti destinati al solo uso residenziale.

In particolare, la zona residenziale ha un accesso dedicato ai soli condomini e risulta appartanere ad una "scala" e quindi ad un civico diverso da quello delle attivita' commerciali. 

 

Qualche giorno fa nel fondo commerciale che confina con l'ingresso del condominio residenziale al piano terra, e' stato aperto un ristorante, ed in particolare la cucina.

Ad insaputa di tutti i condomini, qualche settimana fa sono stati fatti dei lavori ad oper del costruttore del complesso commerciale/residenziale in cui e' stata installata una canna fumaria che parte dalla cucina del ristorante, e attraverso i soffitti e le condotte condominiali in cui passano i tubi e i cavi del condominio, arriva fino al tetto della zona residenziale in cui vi e' il comignolo di questa canna fumaria.

 

Due giorni fa il ristorante e' stato inaugurato, e la sera tornando a casa dopo una giornata di lavoro, al mio ingresso nel condominio mi accorgo che i corridoi sono totalmente affumicati, e al secondo piano addirittura non si riusciva a vedere il fondo del corridoio da una distanza di 10 metri. Inoltre vi era un rumore fastidioso che usciva dai muri del corridoio, come se fosse quello di un motore di una ventole accesa. Questo rumore veniva proprio da un armadio del corridoio che permette l'accesso ai tubi del condominio e quindi a questa nuova canna fumaria.
Ho prontamente chiamato il servizio guasti del condominio, che mi ha consigliato di coinvolgere immediatamente i vigili del fuoco. 

 

Nel giro di 10 minuti i vigili sono venuti nel condominio e hanno prontamente fatto spegnere la cappa della cucina di questo ristorante perche' era evidente che ci fosse qualche perdita nella canna fumaria, e quindi hanno dato una "diffida" all'attivita' commerciale. Inoltre, hanno fatto arieaggiare il condominio, e si sono accertati che non ci fossero danni alle persone che in quel momento si trovavano negli appartamenti.

Hanno chiesto al titolare dell'attivita' commerciale di fornire i documenti dell'impianto e del collaudo di questo, ma si e' scoperto che questi documenti ancora non gli erano stati dati dall'impresa che ha fatto i lavori, e soprattutto e' venuto fuori che l'impianto non era stato nemmeno collaudato.

 

L'indomani mattina ho mandato una segnalazione alla ASL e al comune notificandogli dell'accaduto. So da altri condomini che i vigili urbani ieri mattina sono venuti a fare un sopralluogo nell'attivita' commerciale.

Ho anche mandato una lettera di diffida all'amministratore in cui chiedevo:

1) di verificare che siano state rispettate tutte le norme relative all’installazione degli impianti dell’attività che ha provocato il danno

2) di condividere con i condomini i documenti relativi a questo impianto
3) di attivare immediatamente gli enti pubblici a presidio della sanità pubblica
4) il tempestivo ripristino della situazione antecedente all'installazione di questo impianto, poiché i lavori eseguiti nel condominio non sono mai stati né comunicati né tantomeno autorizzati da assemblea o organo deliberativo, e che questi di fatto hanno modificato le parti comuni.

 

L'amministratore non mi ha ancora risposto, ma la sorpresa l'ho avuta ieri sera al mio rientro. Appena entro nel condominio sento di nuovo i motori di questa canna fumaria che e' stata evidentemente rimessa in funzione dal ristorante. Chiamo prontamente i vigili urbani che al telefono mi dicono di aver parlato poco prima con il titolare del ristorante e che da accordi con lui presi la cappa deve rimanere spenta. Probabilmente subito dopo la mia chiamata, i vigili hanno fatto una telefonata al ristorante in quanto dopo nemmeno 2 minuti i motori sono stati spenti.

 

Quanto accaduto e' dal mio punto di vista molto grave, in quanto le potenziali conseguenze potevano essere di ben altra portata e non ci voglio nemmeno pensare.

La cosa surreale in tutto questo, e' che noi condomini non siamo stati avvisati e pre-allertati circa i lavori per l'installazione di questo impianto. Ci siamo accorti della presenza di operai durante questi lavori e che questi sono stati fatti con diverse irregolarita' che sono state prontamente segnalate all'amministratore ma questo non mi ha mai dato nessun riscontro. Irregolarita' anche qui molto gravi perche' hanno levato questi armadi dai muri del condominio per l'accesso ai tubi, senza mettere nessuna protezione per evitarne l'accesso. In teoria un bambino sarebbe potuto entrare in queste fessure, e cadere fino a 2 piani di sotto.

 

 

Insomma vista la gravita' dell'accaduto volevo consultarmi con un avvocato per capire se ci sono gli estremi per le vie legali.

Detto questo vi chiedo se avete qualche consiglio da darmi su come comportarmi e sulle azioni da prendere.

 

Grazie a tutti in anticipo.

 

 

 

 

ciao

 

risolta l'urgenza, andrei per gradi.

 

1) sentirei l'amministratore per sapere se il ristorante aveva presentato domanda per fare tale canna fumaria e se lui era a conoscenza dell'intervento e se per caso avesse autorizzato tale intervento.     

2) qualora nulla sapesse di ciò, gli chiedere di rispondermi per scritto affermando di non essere stato informato e che cosa stava facendo a tutele del bene comune, di cui lui ha l'obbligo per mandato.

 

chiarito quanto sopra, le risposte possono portare a percorsi e suggerimenti di tutela diversi che saranno forniti subito dopo.

 

 

 

 

Grazie Signor Camillo per la risposta.

A voce l'amministratore mi ha detto che non era a conoscenza di questi lavori e che di sicuro l'impianto non era stato collaudato (come accertato dai vigili del fuoco).

Per questo motivo e quindi per avere una risposta per "iscritto", ieri gli ho mandato una Pec in cui gli chiedevo:
 

1) di verificare che siano state rispettate tutte le norme relative all’installazione degli impianti dell’attività che ha provocato il danno

2) di condividere con i condomini i documenti relativi a questo impianto
3) di attivare immediatamente gli enti pubblici a presidio della sanità pubblica
4) il tempestivo ripristino della situazione antecedente all'installazione di questo impianto, poiché i lavori eseguiti nel condominio non sono mai stati né comunicati né tantomeno autorizzati da assemblea o organo deliberativo, e che questi di fatto hanno modificato le parti comuni.

 

Ad oggi ancora non ho ricevuto nessuna risposta.

In questa situazione le confesso di aver un po' di paura piu' che altro per i miei cari, perche' il fatto è molto grave e le conseguenze potevano essere di ben altra portata. 

 

Modificato da fabxcp

ciao

 

Devi dare qualche giorno all'amministratore per accertare la situazione e prendere i provvedimenti del caso.

Se non era a conoscenza della cosa, naturalmente ora dovrà attivarsi con urgenza e capire e quindi provvedere.     Certo che una risposta scritta per rassicurarti  il suo immediato intervento avrebbe dovuto  già farla.    Poi quello che conta sono i fatti. 

Va bene, grazie di nuovo per il consiglio.

Altri condomini hanno provato a contattarlo telefonicamente ma mi dicono che e' irragiungibile, quindi non so cosa pensare. Ma come dice lei, meglio aspettare e sperare che poi alla fine si sia attivato per risolvere la situazione in maniera efficace.
Di sicuro non avendo nessun tipo di supporto da parte sua, se dovessi notare che il ristorante riaccenda questa cappa, mi rivolgero' direttamente alle autorita' di competenza.

 

 

 

 

Modificato da fabxcp
×