Vai al contenuto
Orisi

Incontro straordinario del condominio

Salve a tutti,

il precedente amministratore di condominio (che abita nello stesso stabile) si è dimesso ed ora quello nuovo (portato dall'amministratore dimesso) ha lasciato nella buca delle lettere un invito "all'incontro straordinario del condominio" elencando il seguente ordine del giorno:

- resoconto generale del condominio e situazione pagamenti condominio;

- situazione ditte e pagamenti da effettuare;

- eventuali richieste per ordine del giorno da riportare prossima assemblea.

Questa formula di invito è corretta?

Grazie.

Siro

sembrerebbe si tratti di un incontro informale prima di convocare ufficialmente l'assemblea, se è così va bene.

Salve a tutti,

il precedente amministratore di condominio (che abita nello stesso stabile) si è dimesso ed ora quello nuovo (portato dall'amministratore dimesso) ha lasciato nella buca delle lettere un invito "all'incontro straordinario del condominio" elencando il seguente ordine del giorno:

- resoconto generale del condominio e situazione pagamenti condominio;

- situazione ditte e pagamenti da effettuare;

- eventuali richieste per ordine del giorno da riportare prossima assemblea.

Questa formula di invito è corretta?

Grazie.

Siro

Non è corretto perchè dall'OdG sembra una vera e propria assemblea per la quale deve essere usata la prassi inderogabile dell'art. 66 Dacc;

 

L'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati.

Comunque chi sarà presente sanerà il vizio di convocazione, mentre gli assenti potranno impugnare richiedendo al Giudice (dopo la mediazione) l'annullamento di tutto il deliberato.

 

Parere personale, il nuovo amministratore inizia male il suo lavoro e sarebbe bene sostituirlo al più presto con uno che conosca bene le norme.

 

p.s. se invece si tratta di un incontro informale come dice l'amico Josefat, è regolare perchè non si deciderà nulla.

Grazie. Ma si può discutere dei punti messi nell'ordine del giorno? Per quelli non occerre fare proprio un assemblea?

 

- - - Aggiornato - - -

 

Grazie. Molto esauriente.

Grazie. Ma si può discutere dei punti messi nell'ordine del giorno? Per quelli non occerre fare proprio un assemblea?
Discutere si che si può, ma non si potrà decidere nulla perchè si tratta di un incontro informale come fosse una chiacchierata tra amici al bar.

Se invece si deciderà sarà tutto annullabile come detto prima.

Buona sera, incontri di questo genere si fanno al bar. Secondo me l' amministratore vuole cautelarsi e conoscere le parti anzi sarebbe addirittura una tattica. Puoi anche non andare come per altri e sarebbe per lui un flop. I temi vanno discussi in assemblea. Lui vorrebbe prevenire.

Condivido le precedenti risposte.

Per curiosità, il nuovo è stato regolarmente nominato?

Bravo Mauro! E' un dettaglio che non abbiamo chiesto, ma è essenziale. Se non fosse stato eletto, qualsiasi iniziativa "concludente" che possa inequivocabilmente far supporre che questa persona si stia muovendo come se fosse l'amministratore e senza che nessuno si opponga (neanche l'amministratore uscente), potrebbe (sebbene in un modo del tutto irregolare) investirlo della carica.

Forse mi sbaglio, il dubbio me lo ha fatto venire l'affermazione 'portato dall'amministratore dimesso' e gli argomenti posti in discussione.

Bravo Mauro! E' un dettaglio che non abbiamo chiesto, ma è essenziale. Se non fosse stato eletto, qualsiasi iniziativa "concludente" che possa inequivocabilmente far supporre che questa persona si stia muovendo come se fosse l'amministratore e senza che nessuno si opponga (neanche l'amministratore uscente), potrebbe (sebbene in un modo del tutto irregolare) investirlo della carica.
Infatti lo potrebbe diventare o lo è già se i condomini p.es. hanno pagato delle quote a questo amministratore;

 

Alla nomina dell'Amministratore del condominio di un edificio è applicabile la disposizione dell'art. 1392 cod. civ., secondo cui, salvo che siano prescritte forme particolari e solenni per il contratto che il rappresentante deve concludere, la procura che conferisce il potere di rappresentanza può essere verbale o anche tacita, di talché essa può risultare, indipendentemente da una formale investitura da parte dell'assemblea e dall'annotazione nello speciale registro di cui all'art. 1129 cod. civ., dal comportamento concludente dei condomini che abbiano considerato l'amministratore tale a tutti gli effetti, pur in assenza di una regolare nomina assembleare, rivolgendosi abitualmente a lui in detta veste, senza metterne in discussione i poteri di gestione e di rappresentanza del condominio. (Cass. civile, sez. II, 10-04-1996, n. 3296)

Il nuovo amministratore è stato votato nell'ultima assemblea.

Bene, allora il dubbio era infondato.

Bene. Allora penso che si tratti di un incontro informale nel quale prendere coscienza della situazione e spiegare come intende risolvere i problemi esistenti. Non ci vedo nulla di che ... anzi ... mi sembra addirittura una buona impostazione. Magari poteva affrontare gli stessi argomenti in una assemblea ufficialmente convocata ... ma dal momento che non chiederà nessuna delibera non vedo la differenza.

Che non ci sia una delibera non lo so. Ma tutta l'impostazione mi porta a pensare che possa esserci.

Ulteriore aggiornamento sulla questione in argomento: l'invito riporta "NB vista l'importanza degli argomenti, si prega di intervenire personalmente all'incontro, in caso di impossibilità delegare persona di fiducia" e ancora "delega di partecipazione all'incontro straordinario (art 1136 - art 67)".

Ulteriore aggiornamento sulla questione in argomento: l'invito riporta "NB vista l'importanza degli argomenti, si prega di intervenire personalmente all'incontro, in caso di impossibilità delegare persona di fiducia" e ancora "delega di partecipazione all'incontro straordinario (art 1136 - art 67)".
Vista questa impostazione, sembra proprio sia un'assemblea a tutti gli effetti, resta l'anormalità del nome usato nella lettera imbucata "incontro straordinario del condominio", non è così che si dovrebbe chiamare ma "assemblea", inoltre l'altra anormalità è il metodo di consegna non conforme a quanto previsto dall'art 66 Dacc (Raccomandata, Pec, Fax o consegna a mano), per chiarezza la consegna a mano non si intende "imbucare nella cassetta delle lettere", ma consegna porta a porta con firma per ricevuta, perchè deve risultare la tracciabilità, per cui ripeto quanto già scritto al post #3

 

- Comunque chi sarà presente sanerà il vizio di convocazione, mentre gli assenti potranno impugnare richiedendo al Giudice (dopo la mediazione) l'annullamento di tutto il deliberato.

Ulteriore aggiornamento sulla questione in argomento: l'invito riporta "NB vista l'importanza degli argomenti, si prega di intervenire personalmente all'incontro, in caso di impossibilità delegare persona di fiducia" e ancora "delega di partecipazione all'incontro straordinario (art 1136 - art 67)".

ma se è un incontro informale fuori delle competenze assembleari,cosa c'entrano le deleghe ed i riferimenti al codice civile, a questo punto sembrerebbe una vera e propria assemblea, per la quale non sono stati rispettati le regola della convocazione.

Forse chiedere direttamente in modo esplicito all'interessato è il sistema per chiarire ogni dubbio, anche a chi risponde in questo forum...

Tra l'altro gli si farebbe capire che ha a che fare con persone informate sulla buona prassi della gestione condominiale.

Che tra l'altro, nell'invito mette una sola data.
Non è obbligatorio, anche se consigliato per vari motivi, invitare alla 1° e 2° convocazione nello stesso avviso.
Forse chiedere direttamente in modo esplicito all'interessato è il sistema per chiarire ogni dubbio, anche a chi risponde in questo forum...

Tra l'altro gli si farebbe capire che ha a che fare con persone informate sulla buona prassi della gestione condominiale.

 

Salve. Non riesco a capire chi deve chiedere a chi.

Grazie.

Salve. Non riesco a capire chi deve chiedere a chi.

Grazie.

dovete chiedere voi condomini all'amministratore, sul perché ha convocato questa riunione che sembrerebbe una vera e propria assemblea, ma di fatto non può esserlo

dovete chiedere voi condomini all'amministratore, sul perché ha convocato questa riunione che sembrerebbe una vera e propria assemblea, ma di fatto non può esserlo

Grazie per il chiarimento.

×