Vai al contenuto
arkitettando

Dimissioni dell'amministratore e nomina del nuovo amministratore

L'8 aprile u.s. nel corso dell'assemblea ordinaria il bilancio consuntivo 2013 non è stato approvato a causa di diverse incongruenze e si è invitato l'amministratore ad apportare le modifiche e ripresentare un nuovo bilancio consuntivo. Di seguito l'amministratore, verificato che non godeva più della fiducia dell'assemblea, rassegnava le proprie dimissioni e l'assemblea con una sola astensione accettava le dimissioni. L'amministratore dimissionario abbandonava l'aula per consentire ai condomini di nominare un nuovo amministratore. L'assemblea con la quasi unanimità, 649 millesimi, (un solo astenuto e nessun voto contrario) ha nominato un nuovo amministratore. Fin qui sembra tutto normale.

Il problema, probabilmente sta nella forma, infatti nell'ordine del giorno non c'era la dimissione dell'amministratore e tanto meno la nomina del nuovo. La domanda è semplice: la nomina è regolare? Ci sono gli estremi per una impugnazione della delibera?

Si, ma secondo voi l'astenuto o qualcuno degli assenti potrebbe impugnare la delibera secondo voi?

Vorremmo semplicemente evitare che la delibera assembleare possa essere impugnata e rifare tutto daccapo, oltre all'aggravio di spese per il condominio, in quanto una eventuale impugnazione che vedesse il condominio soccombente ... In parole povere se la delibera è impugnabile, preferiamo indire una nuova assemblea condominiale con all'ordine del giorno la nomina dell'amministratore visto che il vecchio ha rassegnato le dimissioni.

...Il problema, probabilmente sta nella forma, infatti nell'ordine del giorno non c'era la dimissione dell'amministratore e tanto meno la nomina del nuovo. La domanda è semplice: la nomina è regolare? Ci sono gli estremi per una impugnazione della delibera?

Gli estremi per l'impugnazione da parte dell'astenuto e degli assenti ci sono.

La delibera è valida ma ANNULLABILE e non NULLA.

L'astenuto potrà impugnare entro 30 giorni dalla data dell'assemblea; gli assenti entro 30 giorni dalla data di consegna del verbale.

Se ritenete che nessuno impugnerà, al massimo aspettate 30 giorni e poi procedete con il passaggio di consegne evitando una ulteriore assemblea.

×