Vai al contenuto
Tabata74

Delega assemblea - posso in assemblea votare non approvo per me e approvo per il delegante?

Buongiorno a tutti,

vorrei sapere se è valida una delega dove il delegante esprime per iscritto a fianco dei punti all'OdG il suo parere (con un semplice approvo / non approvo), in calce dove è presente la delega indica me come delegata perchè è l'unica persona di condominio che conosce, però io sui punti che lei approva non sono (per me) d'accordo...

Posso in assemblea votare non approvo per me e approvo per il delegante?

Forse sono stata un pò contorta... chiedetemi pure altro se non vi è chiaro.

Grazie a chi vorrà rispondermi.

E' la cosiddetta "delega votata".

 

Normalmente viene accettata e direi che sicuramente vincola il delegato ad esprimere il voto espresso dal delegante. 

 

Sulla sua legittimità ...proprio "in punta di diritto"...ho sempre avuto le mie perplessità, perchè in effetti contravviene ad un principio mille volte ribadito dalla giudirsprudenza, e cioè che la volontà assembleare debba avere formazione collegiale, e cioè beneficiare della discussione e del confronto tra i condòmini. 

Elemento che sicuramente manca quando qualcuno esprime la propria volontà PRIMA che il confronto possa aver luogo. 

E d'altra parte...se tutti potessero decidere a casa propria e senza aver dialogato in assemblea...sarebbero valide anche le "raccolte di firme",  che invece non equivalgono assolutamente a delibera... 

 

In assemblea il voto del delegato che, in quanto condòmino, esprime un voto anche per sè stesso, può essere disgiunto, ovvero può essere diverso tra condòmino e delegante. Il rapporto tra delegante e delegato è un rapporto di fiducia mediante il quale il delegante "affida il suo voto" al delegato, al quale è demandata la votazione per suo conto. Il fatto di indicare a fianco dei punti all'odg la volontà del delegante di chiarire la sua posizione in merito con la dicitura "approvo" o "non approvo", non rende nulla la delega, ma se il delegato dovesse esprimere un voto difforme da quanto indicato non sarà nè il Presidente nè l'amministratore a poterlo impedire e il voto sarà comunque valido. Eventualmente ne risponderà il delegato nei confronti del delegante.

Tabata74 dice:

Buongiorno a tutti,

vorrei sapere se è valida una delega dove il delegante esprime per iscritto a fianco dei punti all'OdG il suo parere (con un semplice approvo / non approvo), in calce dove è presente la delega indica me come delegata perchè è l'unica persona di condominio che conosce, però io sui punti che lei approva non sono (per me) d'accordo...

Posso in assemblea votare non approvo per me e approvo per il delegante?

Forse sono stata un pò contorta... chiedetemi pure altro se non vi è chiaro.

Grazie a chi vorrà rispondermi.

ciao

 

confermo che la delega è valida sotto tutti i punti di vista, e sei libera di votare come credi per ognuno dei voti che esprimi ( il tuo e di chi ti delega).   Il voto che esprimi in assemblea è vincolante per la stessa, anche se tu voti in modo contrario alle indicazioni ricevute da chi ti ha delegato, il quale potrà solo rivalersi nei tuoi confronti.

 

Tabata74 dice:

Buongiorno a tutti,

vorrei sapere se è valida una delega dove il delegante esprime per iscritto a fianco dei punti all'OdG il suo parere (con un semplice approvo / non approvo), in calce dove è presente la delega indica me come delegata perchè è l'unica persona di condominio che conosce, però io sui punti che lei approva non sono (per me) d'accordo...

Posso in assemblea votare non approvo per me e approvo per il delegante?

Forse sono stata un pò contorta... chiedetemi pure altro se non vi è chiaro.

Grazie a chi vorrà rispondermi.

Non è obbligatorio del delegante rispettare il desiderio del delegante, potrebbe addirittura approfittare per suo interesse, direi proprio che se così fosse, il delegato potrebbe richiedere eventuali danni, in separata sede, ma purtroppo il voto del delegato espresso in assemblea non potrà essere cambiato.

Comunque il delegato anche se non d'accordo con il delegante potrà votare in maniera diversa ed esprimere due voti diversi, facendo specificare a verbale le due diverse votazioni, e il Presidente far scrivere a verbale.

Modificato da Tullio Ts
×