Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Giovanni Terni

Conflitto interessi Dell'amministratore

Se un Amministratore di condominio assegna incarichi professionali (assistenza legale) al proprio figlio Avvocato, ciò può configurarsi come Conflitto di Interessi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non vedo il perchè.

Comunque l'assemblea può anche decidere di non avvalersi del figlio dell'amministratore come legale del condominio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il condominio, inteso quale gruppo di persone che hanno una serie di beni in proprietà comune, può essere parte in causa in un procedimento giurisdizionale civile e amministrativo. Diverso è l'ambito penale poiché la responsabilità penale è personale e quindi in questo tipo di processo potranno essere coinvolti i condomini e/o l'amministratore singolarmente intesi. Nei primi due casi, civile e amministrativo, il condomino, sia che si trovi a dover intraprendere un'azione giudiziaria, sia che debba difendersi dalle pretese altrui, avrà la necessità di nominare un legale che ne curi l'interessi nel procedimento giurisdizionale.La nomina è obbligatoria in tutti quei procedimenti per i quali il valore della controversia ecceda 516,46 euro.Nella prassi il condominio, allorquando si presenti la necessità di agire o resistere in giudizio, nomina sempre un avvocato.Chi è legittimato a scegliere l'avvocato di condominio?È necessario distinguere i casi in cui la legittimazione attiva e passiva rientra nei poteri dell'amministratore di condominio da quelli in cui, invece, il mandatario dei condomini deve essere autorizzato a stare in giudizio dall'assemblea dei condomini.Per il primo caso, si pensi all'azione per far rispettare il regolamento di condominio, ad una così detta denuncia di danno temuto o ancora al classico ricorso per decreto ingiuntivo di pagamento avverso il condomino moroso.In tutte queste ipotesi l'amministratore è legittimato a stare in giudizio sulla base di quanto stabilito dagli artt. 1130-1131 c.c.Ciò vuol dire che non solo il legale rappresentante dei condomini potrà decidere se e quando agire in giudizio ma che, una volta che abbia deciso di farlo, potrà, di propria iniziativa, dare mandato ad un avvocato per tutelare gli interessi della compagine condominiale.In quest'ottica sarà più che lecita la richiesta dell'amministratore di versare delle somme straordinarie ai fini del pagamento di un acconto dell'onorario del procuratore del condominio.Nulla vieta che in sede di assemblea i condomini decidano per la revoca del legale nominato dall'amministratore e per la sostituzione con altro avvocato.Quanto alle maggioranze necessarie, si rinvia a quanto si dirà appresso in relazione alle liti di competenza dell'assemblea.In questi ultimi casi, le deliberazioni devono considerarsi valide se adottate dalla maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio (art. 1136, secondo e quarto comma, c.c.).Una decisione di promuovere un giudizio o di resistere ad una domanda giudiziaria con maggioranze inferiori a quelle prescritte dalla legge dovrebbe essere considerata annullabile (Cass. SS.UU. n. 4806/05).Infine è utile evidenziare che la nomina di un avvocato dovrà considerarsi valida laddove riporti le stesse maggioranze con le quali l'adunanza dei condomini decide sulle controversie giudiziarie.

(lavoriincasa.it)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cosa c'è di male.E' come dire che un amministratore non può amministrare il proprio stabile per conflitto di interessi. Ovviamente non c'è alcun conflitto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se un Amministratore di condominio assegna incarichi professionali (assistenza legale) al proprio figlio Avvocato, ciò può configurarsi come Conflitto di Interessi?

Non c'è nessun conflitto d'interessi, a meno che l'assemblea non decida di assegnare gli incarichi per assistenza legale ad altro Professionista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

in realta' c'e' il conflitto di interessi , che non significa che ci sia qualcosa d'illecito .

se la scelta e' fatta dall'assemblea non c'e' nessun conflitto interessi .

 

- - - Aggiornato - - -

 

Cosa c'è di male.E' come dire che un amministratore non può amministrare il proprio stabile per conflitto di interessi. Ovviamente non c'è alcun conflitto

difatti a priori non c'e' nulla di male ,ma e' un conflitto d'interesssi .

 

 

 

 

per quanto riguarda il condomino /amministratore il conflitto non e' nell'essere amministratore ,ma il conflitto e' nel votare se stesso .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
in realta' c'e' il conflitto di interessi , che non significa che ci sia qualcosa d'illecito .

se la scelta e' fatta dall'assemblea non c'e' nessun conflitto interessi .

 

- - - Aggiornato - - -

 

 

difatti a priori non c'e' nulla di male ,ma e' un conflitto d'interesssi .

 

 

 

 

per quanto riguarda il condomino /amministratore il conflitto non e' nell'essere amministratore ,ma il conflitto e' nel votare se stesso .

Ma io non ho mai detto che debba votare se stesso, solo che può naturalmente amministrare il proprio condominio e in questo non vi è alcun conflitto di interessi anzi il contrario gli interessi vanno nella stessa direzione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

difatti non ho detto che se un condomino fa l'amministratore e' in conflitto d'interessi .

 

 

 

 

ma se detto amministratore incarica il figlio avvocato e' in conflitto d'interessi ,salvo che non sia l'assemblea a incaricarlo o a dare mandato all'amministratore di incaricare il figlio .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×